Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
Anna R.G. Rivelli 05 Giugno 2010
BASILICATA: IDV PUNTA I PIEDI E PRETENDE LA PRESIDENZA DI UNA COMMISSIONE REGIONALE DESTINATA AD ALTRI.
FINORA A POTENZA MOLTE TRATTATIVE SULLE POLTRONE E POCA POLITICA.
L'attività preferita dalla nomenklatura dipietrista è contendere agli alleati con il coltello fra i denti ogni scranno e incarico di governo e sottogoverno. E' il triste spettacolo del "darwinismo" partitico cui è ridotta la nostra democrazia e che esalta gli "animal spirits" della sedicente "unica opposizione".

Sul sito dell’Italia dei Valori di Basilicata (finalmente aggiornato dopo anni di abbandono) si può trovare di tutto un po’, di tutto ad eccezione di uno straccio di programma regionale. Meno male; questa è una vera fortuna. E’ segno, infatti, che la proverbiale coerenza di Idv non è venuta meno e che quanti, anche nel più recente turno elettorale, hanno inteso segnare il gabbiano dipietrista, lo hanno fatto in scienza e coscienza, ben sapendo, cioè, che di tutto gli eletti si sarebbero occupati tranne che del presente e del futuro della Basilicata. Foto, video e spot vari, infatti, non sono un programma e nulla dicono di quello che la Di Pietro’s band immagina per questa terra, ma nemmeno del perché il Tonino ha deciso di correre in una squadra della quale si ostina ad essere la zavorra.

Eppure un campanello di allarme c’era stato: “dobbiamo avere la capacità di alzare lo sguardo oltre le nostre personali contingenze”, aveva fieramente dichiarato il neo eletto Enrico Mazzeo nel discorso con cui il 12 maggio scorso inaugurava la sua carriera di Consigliere Regionale. Mazzeo forse pensava all’arrembaggio dell’unico assessorato andato infine alla "trombata" Mastrosimone (non eletta alla Regione) o forse anche alla fretta con cui si era già proceduto a nominare Nicola Laguardia, uomo di fiducia di Belisario, alla Presidenza del Consiglio di Amministrazione dell'Apofil, senza “alcuna preventiva concertazione tra i vertici regionali del partito”, come lamentato sia dall’allora assessore Antonio Autilio sia da Ignazio Messina.

Vuoi vedere – ci eravamo detti – che ce n’è uno che si impegnerà davvero per la Basilicata?! Pericolo scampato. Le loro “ personali contingenze” sono sempre in primo piano e sono a tutt’oggi l’unico obiettivo programmatico chiaramente distinguibile. Siamo ai primi di giugno, infatti, e le pagine dei giornali locali ancora rimbombano della già nota tarantella: la maggioranza di centrosinistra è nuovamente attaccata da Idv che ancora una volta fa saltare il banco. Oggetto del contendere, questa volta, è la Presidenza della Terza Commissione Consiliare ( quella che si occupa di Attività produttive) che i dipietristi hanno rivendicato per loro ( per “accontentare” il consigliere Nicola Benedetto) e che invece è stata assegnata ad un esponente della Sel per una precisa scelta del capogruppo del Pd di preferire “chi non ha esponenti in giunta”. Ma Idv non ha digerito. “La richiesta – ci fa sapere Salvatore Santoro dalle pagine del Quotidiano della Basilicata – era stata ufficializzata ai maggiorenti del centrosinistra subito dopo non aver ottenuto i due assessorati richiesti” e le poltrone già accaparrate non sono state ritenute sufficienti, nemmeno con l’aggiunta della Presidenza di una Commissione minore che il Pd si è alacremente adoperato a concedere  al capogruppo Idv Mazzeo.

Pur essendomi adoperato in una fitta e insistita mediazione  - dichiara con rammarico il capogruppo del Pd Vincenzo Viti - ho dovuto prendere atto della rigidità di posizioni che dividevano Psi e Sel da Italia dei Valori e ho dovuto, con il consenso del gruppo consiliare del Pd, sostenere le ragioni di quei partiti e gruppi consiliari (appunto Psi e Sel) esclusi dall’attribuzione delle responsabilità sia nel Governo regionale che nell’Ufficio di Presidenza del consiglio”. Tale  scelta  appare più che ragionevole in una coalizione che dovrebbe aver condiviso un programma, una strategia ed una volontà reale di ridare slancio e fiducia ad una Regione ormai ai minimi termini. Dovrebbe, per l’appunto.

Non ci resta, dunque, che consigliare ad Enrico Mazzeo di continuare a tenere gli occhi per terra per vedere dove è andato a mettere i piedi e cosa pesta; ad alzare lo sguardo, infatti, dovrebbe accorgersi che il romantico gabbiano ha sviluppato le zampe di un rapace.

 

                                                  

 

Anna R.G. Rivelli

Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.
Commenti
antonio laguardia 2010-06-08 00:46:05


ascoltare una voce critica mi fa piacere ma, mi duole ancor di piu' nel girarmi attorno ormai da anni e non scorgere da nessuna parte uno squarcio del sole dell alba che fa sperare in un giorno migliore.
Nel leggerti, i miei pensieri a volte dubbiose trovano riscontro.


sinceri saluti
antonio la guardia
farmacia la guardia
via colombo 34 Scanzano j M.T.


 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j