Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
02 Giugno 2010
INTERVISTA A DELIA CIPULLO LA EX DIRETTRICE DEL QUOTIDIANO "ITALIA DEI VALORI": "DI PIETRO NON SAPEVA CHE ERAVAMO IN AFFITTO DA PROPAGANDA FIDE E SONO STATA IO A PROCURARE L'APPARTAMENTO".
AD ESSERNE A CONOSCENZA ERA NELLO FORMISANO MA NON AVEVA RAPPORTI CON IL VATICANO.
La Cipullo smentisce Zampolini almeno per quanto riguarda l'appartamento di via della vite 3 a Roma. E conferma i praticantati di favore chiestigli dalla casta Idv.

Delia Cipullo, tu sei stata direttrice del quotidiano "Italia dei valori" dal febbraio 2006 fino al 2007, quando il giornale è stato liquidato da Di Pietro. E' vero che la redazione si trovava in un appartamento di Propaganda Fide in Via della Vite 3 a Roma?

Si è vero. Lo abbiamo affittato dalla fine del 2005 al febbraio del 2009. Era di 120 metri quadri circa. Tutto il palazzetto era della Congregazione, ci abitavano anche Cesara Buonamici e Chantal Sciuto, la ex fidanzata del ministro degli esteri, Frattini.

 E' stato Di Pietro ad ottenere l'appartamento in affitto?

No, Di Pietro non c'entra nulla e in quella redazione non ha mai messo piede. L'appartamento l'ho ottenuto io insieme al mio editore, Antonio Lavitola, che è diventato poi titolare del contratto. Io ero già affittuaria di un altro appartamento di Propaganda Fide a Via Liberiana che ho lasciato poco prima di avere quest'altro. Ci sono riuscita grazie alla mia conoscenza con il cardinale Crescenzio Sepe. 

Dunque Di Pietro non sapeva che il giornale del suo partito era in affitto da Propaganda Fide.

 Non credo proprio che sapesse. Chi credo che sapesse era il senatore Nello Formisano che era il vero "dominus" del nostro giornale e che teneva i rapporti con il partito. Altri parlamentari di Idv hanno frequentato la redazione ma non è detto che sapessero che l'appartamento era di Propaganda Fide.

Avete fatto lavori di ristrutturazione?

 Certo, ma Anemone non c'entra nulla, i lavori li ha fatti l'impresa edile di Lavitola e grazie a questo il primo anno abbiamo ottenuto uno sconto dell'affitto da 3500 a 2500 euro al mese. Ma solo per il primo anno.

 Quanto soldi di finanziamento pubblico avete percepito in tre anni di vita del giornale?

 Circa tre milioni di euro, ma ci abbiamo rimesso, non siamo riusciti a coprire tutte le spese.

 Qual era il ruolo di Sergio De Gregorio?

Direttamente nessuno. Era in rapporti di lavoro con il fratello di Antonio Lavitola, e in attesa che fossero compiuti i lavori di ristrutturazione in Via della Vite a Roma, ha ospitato la nostra redazione a Napoli negli uffici della sua Tv "Italiani nel mondo". Fu durante la campagna elettorale delle politiche 2006 quando De Gregorio era candidato Idv. C'era un via vai di persone impressionante...

 Perchè Di Pietro vi ha liquidato?

 Non lo so. Per me resta un mistero.

 Forse perchè ti sei rifiutata di firmare il praticantato per la figlia Anna?

 No, impossibile, perchè il mio rifiuto è arrivato dopo la decisione di Di Pietro di farci fuori. E io non ho firmato la richiesta di praticantato perchè la ragazza non si era mai vista in redazione e quindi se l'avessi accontentata avrei commesso un falso. Che non sia venuta è d'altra parte confermabile dai colleghi e dal fatto che non abbia mai ritirato lo stipendio.

 Ti hanno fatto assumere anche altri figli di..?

 Certo, c'era il figlio di Formisano e quello del suo braccio destro, Ettore Nardi. Ma almeno loro hanno lavorato e il praticantato se lo sono guadagnato. Poi mi hanno imposto una certa Grazia Graziadei, una bella ragazza che negli anni ottanta era apparsa svestita in un giornaletto da caserma che si chiama Blitz, già candidata a Roma e in Emilia Romagna per IdV. Anche lei non è mai venuta e pretendeva il praticantato. Le ho detto no e ci ha fatto causa vincendola.  In tribunale ha citato come teste a suo favore Antonio Di Pietro che però non si è mai presentato. 

 

 gabriele malatesta

 

 

 

 


Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.
Commenti
enrico della gatta 2011-01-02 13:02:35

"In tribunale ha citato come teste a suo favore Antonio Di Pietro che però non si è mai presentato."
E' un bel modo di assumere la Responsabilità di schierarsi e di mostrare la coerenza con essa!
Non vi pare??!!!!!

 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j