Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
Alberico Giostra 30 Giugno 2010
SINISTRI SCRICCHIOLII

La nave Italia dei valori emette sinistri scricchiolii. La stagione dei congressi provinciali e la disastrosa campagna referendaria stanno rivelando tutte le magagne di un partito che Di Pietro intende ancora governare a suon di schiocchi di frusta illudendosi di poterne occultare i vistosi cedimenti strutturali. Le assise locali sono il teatro di osceni abusi di potere da parte della casta dipietrista e nei retrobottega del partito si consumano loschi mercimoni, un grufolare di voti e tessere che non disdegna falsificazioni o disinvolte applicazioni "ad personam" delle regole. Chi ricorre a simili tecniche degne della peggiore Dc sudista, ovvero i gerarchetti locali in fervido ascolto dei diktat dei vari colonnelli dipietristi, ha una sola immagine votiva cui genuflettersi: la conservazione della poltrona.
Nell'Idv vige ormai un culto religioso dello scranno, e ogni strategia ruota immancabilmente attorno alla gelosa, avida, difesa del seggio o dell'incarico strappato agli alleati. Ad esso, come insegnano i casi di Mantova, Cremona, Savona, Cosenza e di tante altre province, si subordina ogni altro valore, soprattutto il rispetto delle regole democratiche, il sacrificio dei militanti più anziani e fidelizzati, la tutela dei diritti dei dissidenti.
La stagione dei congressi ci ha permesso di penetrare meglio nelle viscere dell'Idv, dal Nord paraleghista al Sud eternamente democristiano, e ha confermato che il dipietrismo non è, e non sarà mai, un'alternativa al berlusconismo, restandone al massimo una rassicurante variante interna. Il fallimento etico e politico cui si sta fatalmente avviando il partito di Di Pietro consiste proprio nel non aver saputo tenere a bada gli "animal spirits" di una piccola borghesia che si rivolge alla politica in cerca di gratificazioni personali, subordinando alla logica dell'affermazione personale e familiare ogni altro valore e soggiacendo a quella stessa bulimia del potere che è all'origine della dolorosa decadenza morale del nostro paese.
Nel caso dell'Idv tale deriva è occultata dalle roboanti sceneggiate valoriali dipietriste e dalle rimozioni della stampa amica, ma quando arriverà il "giorno del giudizio", perchè arriverà e molto presto, tale plateale mistificazione sarà caricata senza pietà alcuna sul piatto delle aggravanti, proprio perchè per anni ci è stata propinata come una comoda attenuante. 




Alberico Giostra

Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.
Commenti
Salvatore 2010-07-20 00:32:26

http://www.jusprimaenoctis.net/?x=entry:entry100712-001217

Vincenzino Basilico 2010-07-05 21:02:27

Quello che mi fa più arrabbiare è la non presa di posizione di Antonio verso alcuni suoi generali. sono convinto che conosce bene quello che sta accadendo soprattutto in Lombardia, ma no capisco il perchè sceglie di perdere centinaia di iscritti che hanno da anni contribuito alla crescita dell'IDV senza mandare nessun segnale a loro mostrando un disinteresse verso la base e mantenendo un rapporto di fiducia a parlamentari che invece di contribuire ad unire le criticità mandano letter di espulsioni immeritate a chi non la pensa come loro.
Cose ignobili stanno accadendo sul territorio Lombardo da parte di chi deve garantire soprattutto trasparenza nel partito, ma ciò non avviene come se la trasparenza non appartenga più all'IDV.
Si sta protestando contro la cosidetta legge bavaglio, ,a questa è da parecchio tempo in atto all'interno dell'IDV.

DI PIETRO svegliati e valuta bene le scuse che soprattutto il tuo braccio destro ivan rota ti racconta, a Roma ed alla tua presenza forse si comporta correttamente, ma credimi in lombardia è a capo di una cricca che come vecchi democristiani stà portando l'IDV ai minimi storici e quando te ne accorgerai sarà troppo tardi.

lisca 2010-07-05 12:27:22

Mauro 45, forse Lei non ha letto bene quello che ho scritto...
Siamo tutti d'accordo sui congressi e sulla gestione locale, ho solo scritto che a livello nazionale sono stati dati dei segnali positivi, e questo nessuno lo può negare! Che ci siano anche dei segnali negativi io non l'ho mai negato! Ci sono un sacco di problemi, ma io sono della stessa idea di Giuseppe Vatinno: bisogna rimboccarsi le maniche e lavorare per migliorare! E' troppo comoda emettere sentenze parlando per frasi fatte... Se ci sono problemi se ne deve parlare, ma solo per affrontarli e trovare una soluzione, altrimenti non si fa una discussione, è solo disfattismo!!!!! Io sono convinto che nel partito ci sia un grossa fetta di parte sana, questo gruppo sta crescendo e deve continuare a lottare! Si risparmi per piacere certi paragoni, IDV è molto diverso dal PDL e se ha tempo da perdere posso mettermi qui ad elencare tutti i punti su cui ci rendiamo diversi da quel partito di delinquenti, mafiosi e zoccole...

fabio 45 2010-07-01 12:19:12

Cara lisca,mi perdoni ma forse lei mi sa che vive nel mondo dei balocchi,se ancora non lo ha capito,l'idv nella sostanza è uguale al pdl,la classe dirigente di questo fantomatico partito ha semplicente gestito la baracca con metodi da estrema destra,berlusconismo =dipietrismo.Sveglia gente.

Francesco La Regina 2010-07-01 12:06:14

Quando si fa opposizione, almeno questa era ed è la teoria di politici seri, non si può scendere a nessun tipo di compromesso. Costi quello che costi. Il tavolo Leghista con Di Pietro sorridente non mi ha convinto, anzi al contrario. Al caro amico De Magistris, grande ex pm e che oggi scalda la poltrona a Bruxelles, avevo chiesto informazioni relativi alla scandalosa vicenda del Consorzio Agrario Regionale della Lucania, sul suo tavolo a Catanzaro vi era tutto il dossier nel quale in maniera inequivocabile si ricostruiva una vicenda tutta da interpretare. Non si è visto più ne De Magistris e del dossier si sono perse le tracce. Grazie De Magistris anche a nome di quei lavoratori buttati in mezzo alla strada senza nemmeno potersi costiutire in giudizio e che alle europeee pure ti sono stati vicini. Giusto per la cronaca della vicenda Consorzio se ne sta occupando il tribunale di Catanzaro per incompatibilità con quello di Potenza.
Grazie di cuore.
Contatto 0971601530 - 3387884547

Giuseppe Vatinno 2010-07-01 01:07:03

Noi, "la base" ci siamo; è un lavoro lungo e faticoso, iniziato formalmente a novembre ma preparato già un anno prima, Alberico lo sa.
Ora occorre consolidare l'area riformista interna d IdV e creare le condizioni del cambiamento De Magistris compreso. L'importante è non mollare mai la presa. Io non mollo finchè non sarà fatta chiara luce sulla gestione del partito e non sarà fatto un vERO cambiamento interno. Tengo troppo all'Italia e agli italiani per permettere le cose che si sono viste in IdV...
Una parte del partito è sana; noi la coltiveremo come una piccola pianticella finchè non diverrà robusta quercia!

Giuseppe Vatinno
Co-Fondatore de "la base IdV"

Rosanna Bevilacqua 2010-06-30 22:18:11

Speriamo che avvenga come nella parabola evangelica de "Il buon grano e la zizzania"
La speranza è l'ultima a morire...

Lino Primucci 2010-06-30 18:24:15

Posso assicurare chi legge che Alberico, nello scrivere, semmai difetta di puntuali citazioni di fatti e misfatti in IDV, solo perchè è un gentiluomo che si rivolge o crede di rivolgersi a persone intelligenti e soprattutto capaci di percepire il valore reale delle "omissioni".. Io stesso sono testimone di fatti gravi accaduiti in quell' associazione... Di Pietro in persona, nelle Marche, non soddisfatto di aver fatto eleggere l' "assistente" di un suo deputato organizzatore di FI, ha nominato entrambi questi ultimi responsabili della raccolta firme per i referendum ma, si badi bene, destinando loro 40.000 euri ! tutto ciò mentre mandava a quel paese molteplici personaggi che hanno retto IDV in epoche oscure... Si, sono pienamente d' accordo con Alberico.. quell' ammasso di personaggi ambigui e quella linea politica che il "profugo di Palermo" chiama la politica del pendolo sono destinati a cadere per la forza di gravità di una inutile finta rabbia !

lisca 2010-06-30 16:56:44

Secondo me sei un pò troppo catastrofico...
Nei congressi provinciali sono successe cose "strane", e non solo nelle città che hai elencato tu, ma questo può essere visto come una cosa positiva! Mi spiego: che all'interno di un partito ci siano giochi di potere e soprattutto persone disposte a tutto per una poltrona è la cosa più normale del mondo, mica possiamo pretendere che ci siano solo "verginelle"! Dove c'è potere c'è sempre qualche malintenzionato pronto ad accaparrarselo... Certo le cose potrebbero andare meglio, ma non possiamo prendercela con Di Pietro, che almeno a livello nazionale qualche segnale di cambiamento l'ha dato: Alfano, De Magistris, Vattimo, Cavalli e sono sicuro molti altri, sono candidature che vogliono dire qualcosa!
A livello locale la situazione è disastrosa, ma il fermento di questi giorni dimostra che le cose stanno cambiando, e se quest'anno non siamo ancora stati in grado di spodestare certi "avvoltoi", possiamo dire almeno di esserci in molte province andati vicini! E questo significa che qualcuno che lavora bene c'è, e che se continuiamo così possiamo dare la svolta anche localmente... Ci sono tante brave persone che credono e lottano per IDV, in momenti come questi bisogna vedere il bicchiere mezzo pieno: da congressi "farsa" degli anni passati, quest'anno ci sono stati quantomeno congressi combattuti (non ad armi pari, ma almeno c'è chi si contrappone e lo fa con una certa forza), e i famosi "yes man" hanno vinto solo perchè hanno ancora un briciolo di vantaggio sulla "base", ma se questa continua a crescere come ha fatto in quest'ultimo periodo le cose cambieranno!

 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j