Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
03 Luglio 2010
CRONACHE DALL'IDV DI GOMORRA: CHIUDE PER PROTESTA IL CIRCOLO DI CASTELVOLTURNO. "IL PARTITO SI E' DIMENTICATO CHE ESISTIAMO". LA LETTERA PROTESTA DEL RESPONSABILE, FABIO RUSSO.
LA SOLIDARIETA' DI DE MAGISTRIS AI MILITANTI DELLA CITTADINA DEL CASERTANO.
Il partito che si spaccia come l'ultimo baluardo della difesa della legalità è assente dove domina la camorra. Ma se Castelvolturno fosse un salotto televisivo ogni sera si farebbe vivo un parlamentare.
*Italia dei Valori*  - Sezione di Castel Volturno -   
  Oggetto: Autosospensione del direttivo IDV di Castel Volturno*  Il direttivo cittadino dell’Italia dei Valori di Castel Volturno si autosospende a tempo indeterminato dalle proprie funzioni e non parteciperà al congresso provinciale che si terrà il prossimo 4 Luglio a Caserta. Il segretario cittadino, Avv. Fabio Russo, dopo attenta riflessione, ha dovuto prendere atto dell’assoluta assenza del partito in merito a tutte le grandi tematiche che hanno da sempre investito la realtà locale, e che questa sezione ha sempre portato all’attenzione dei vertici, senza mai ricevere, tuttavia, adeguati riscontri in termini di iniziative politiche.  La difficilissima realtà di Castel Volturno rende opportuno che una sezione avverta la vicinanza, l’appoggio e la solidarietà dei propri esponenti provinciali, regionali e nazionali.  Quando ciò non avviene, risulta impossibile dare risposte ai cittadini su questioni e tematiche concrete, e pertanto è demotivante continuare a ricoprire un ruolo in tale organismo.    Castel Volturno, lì 01/07/2010   Il segretario cittadino  Avv. Fabio Russo   Italia dei Valori*  *               - Sezione di Castel Volturno -*          **     *      ** Alla segreteria Nazionale IDV * *Fax 0245498412* * * *p.c. Alla segreteria Regionale IDV* *Fax 0815529497*** * * *p.c. Alla segreteria Provinciale IDV* *Fax **0823353855*                                         **  *Prot. N° 08/2010. *    Il sottoscritto Avv. Fabio Russo, in qualità di segretario cittadino dell’Italia dei Valori di Castel Volturno, si pregia rappresentare agli organi del partito aditi quanto segue:    *Si manifesta, innanzi tutto, l’auspicio, che almeno stavolta, qualcuno ritenga opportuno dare un riscontro a tale scritto, che sono certo non verrà letto!*  * *  Tale nota prende spunto da una comunicazione del consigliere regionale Giordano, datata 28/06/2010, inoltrata tramite e-mail all’attenzione di Tommaso Morlando, e che mi è stata gentilmente girata da quest’ultimo per competenza, in quanto dalla stessa emergono talune questioni che direttamente investono l’operato ed il ruolo dello scrivente quale segretario cittadino di Castel Volturno.  Nel merito dell’argomento centrale dello scritto (comunicato Porfidia-Giordano  sulla città di Caserta) non mi addentro minimamente, ritenendo che sul punto si sia abbia già esaurientemente espresso Tommaso Morlando, ed al quale pensiero ci si riporta integralmente.    Diversamente, chi scrive si sente tirato in ballo su alcuni punti collaterali di tale intervento evidenziati dal consigliere Giordano con un “sibillino” intento provocatorio, e dietro il quale sembra celarsi una logica del tipo : *“come vi permettete da Castel Volturno di esprimere la vostra opinione se non siete neanche riusciti ad ottenere un seggio alle ultime elezioni amministrative, e non avete ancora eseguito gli ordini impartitivi di raccogliere in maniera subitanea le firme necessarie per i referendum”*….    Al di là delle maniere velatamente “squadriste”, nonché platealmente ironiche in taluni passaggi *“(…) a consegnare al più presto almeno qualche firma sui modelli ritirati dalla sezione di Castel Volturno nel lontano 30/04/2010 (…)”, *sorprende che un esponente regionale cerchi di zittire la libera manifestazione di pensiero della base soltanto perché i numeri non sono quelli che egli, secondo una sua personale valutazione, riteneva congrui.  Una logica politica legata soltanto ai voti e alle firme, ma assolutamente incapace di valutare i contenuti veri dell’azione politica svolta sul campo da una sezione di partito, è una logica arcaica che non si collima con  quelli che credevo essere i valori del nostro partito.    E non è la prima volta che ciò deve essere rilevato con rammarico dal sottoscritto. *Lungi da me, difatti, voler catalizzare esclusivamente sulle parole del consigliere Giordano le mie valutazioni.*  E’ questa soltanto l’occasione per poter procedere ad un’analisi più vasta.    *In tante altre circostanze si è dovuto registrare l’assoluta sordità dei vertici del partito* dinanzi alle richieste d’intervento, di supporto, di solidarietà, di ausilio formulate in questi tre anni durante i quali ho svolto il mio ruolo di segretario cittadino.  Ricordo la nota del  *19/05/2010*, trasmessa tramite fax alla segreteria provinciale, regionale e nazionale, con la quale lo scrivente faceva un’analisi del voto delle amministrative, chiedendo al partito di indicarci se la linea politica seguita fosse corretta e coerente con le linee guida nazionali, *nota rimasta assolutamente priva di alcun riscontro.*  Ricordo, ancora, la nota inviata in data *10/06/2010*, sempre a tutti i vertici del partito, con la quale si rappresentava la grave situazione che sta interessando, ancora oggi, il sindaco di Castel Volturno, accusato da taluni pentiti di aver fatto affari con la camorra, e con la quale si chiedeva agli esponenti dell’IDV di porre in essere le iniziative istituzionali ritenute opportune per garantire la legalità della vita amministrativa locale. *Anche tale comunicazione*, avente ad oggetto un fatto gravissimo e che avrebbe dovuto far drizzare i capelli ai nostri vertici provinciali e regionali, esponenti di un partito che pone al centro del suo percorso ideologico il contrasto alla corruzione, alle commistioni politica – camorra*,  è caduta nell’oblio dei loro uffici*.  Non è stato dello stesso avviso il PD, che ha ritenuto opportuno inviare a Castel Volturno, il giorno successivo al diffondersi della notizia, un deputato per confrontarsi con la locale sezione, ed indicare loro  il da farsi.  Ricordo le molteplici richieste formulate al partito per ricevere un supporto tecnico e politico nella redazione delle osservazioni all’approvando PUC, che questa sezione ha ritualmente presentate contestando i contenuti di uno strumento urbanistico che si riteneva non garantisse gli interessi del territorio, *rimaste lettera morta*, oppure le segnalazioni aventi ad oggetto le gravi condizioni del mare causate  dal disastro ambientale dei dai Regi Lagni.  Rammento, infine, che pochi giorni prima del 30/04/2010, data di scadenza per il tesseramento utile ai fini congressuali, il sottoscritto contattava la segreteria provinciale rappresentando le proprie difficoltà a procedere in tempi così stretti ( da poche settimane si erano concluse le elezioni e si era in fase organizzativa per far partire la raccolta firme per i referendum) a procedere al tesseramento per il 2010, e si chiedeva di poter trasmettere per fax i moduli di adesione salvo trasmettere in un secondo momento le quote associative, ma tale richiesta veniva rifiutata. Si chiedeva, dunque, di poter procedere al tesseramento tramite la pagina ufficiale web del partito per far salvo il diritto di questa sezione ad avere un proprio congresso, ma anche stavolta nessun riscontro. *Nella pratica siamo stati privati del diritto di rinnovare il nostro direttivo e di partecipare alle votazioni per eleggere i vertici provinciali. *    Ebbene, il sottoscritto non ha mai avuto la sensazione di avere un partito alle spalle su cui contare, e realmente interessato alla risoluzione di problematiche attuali e di grande risonanza nazionale.  Gli unici momenti in cui lo scrivente aveva il piacere di ricevere la telefonata del segretario provinciale  era perché questi chiedeva a noi di attivarci per raccogliere firme, fare tessere o elargire appoggio a qualche candidato di turno del nostro partito. Diversamente, non ho mai avuto il piacere di avere il suo riscontro in merito ad uno dei centinai di fax o e-mail di denuncia o segnalazione trasmessi.  Ugualmente dicasi per tutti gli altri esponenti del partito a livello regionale e nazionale, che per lo scrivente sono soltanto dei nomi!  Comprendo che questa insignificante sezione cittadina rappresenti solo una briciola nel mare di un organigramma di vertice più “nobile” e capace di portare voti, ma la politica vera deve essere in grado di ascoltare la base del partito, di coloro che non guadagnano nulla, non hanno privilegi e fanno politica solo per il gusto di dare un contributo al contesto in cui vivono, *credendo fermamente nei valori che il nostro Presidente Di Pietro ci ha sempre trasmessi.*    *Oltre i numeri vi è l’impegno costante ed indefesso che un gruppo di persone ha messo in campo con assiduità in un territorio difficilissimo*, dove i valori etici sono da sempre soverchiati a discapito di logiche di interessi lobbistici o criminali. Dove la politica è considerata dalla generalità dei consociati come il mezzo per il raggiungimento dei propri scopi utilitaristici. Dove a parlare di legalità ci si espone, paradossalmente, al biasimo delle persone, che nella più rosea delle ipotesi considera un inopportuno “disturbatore” degli equilibri acquisiti colui che parla di rispetto delle regole e trasparenza della P.A.    Questo è un territorio dove è una vittoria già tenerla aperta una sede dell’Italia dei Valori. Così come è stata una vittoria presentare una lista di 20 candidati alle ultime amministrative con un proprio candidato sindaco (unico candidato sindaco IDV nella nostra provincia), ed ancora essere presenti sulla pubblica piazza con un gazebo e le bandiere del partito,  svolgere una costante opera di denuncia e segnalazione in merito ai fatti che si verificavano quotidianamente.  Se poi questo tipo di impegno politico, vero, autentico, dimostrabile, non ha prodotto i “numeri” che si attendevano i signori del partito, comodamente seduti in poltrona a praticare quella politica che asseriscono di voler combattere, ma che nella sostanza sposano, sarebbe sbagliato non analizzare le cause che hanno prodotto quei numeri, e limitarsi solo ad osservare il pallottoliere che non ha raggiunto il quorom.    *In realtà locali, specialmente se difficili, conta anche semplicemente rappresentare un punto di riferimento che si pone come argine alla politica collusa, alla politica delle spartizioni e della corruzione*.    *Venite voi a fare politica a Castel Volturno con i colori dell’IDV*. Venite Voi a parlare di camorra nei luoghi dove ancora forte è l’eco delle stragi dei casalesi, dove esiste in atto uno scontro interraziale pronto a far esplodere una polveriera più grande di Rosarno, dove esiste il più elevato numero di case abusive in Italia. Venite Voi a professare la politica della trasparenza che non promette i posti di lavoro e i privilegi, e vediamo cosa sarete in grado di fare.    Nel frattempo il sottoscritto si autosospende a tempo indeterminato dal proprio ruolo di segretario cittadino unitamente a tutto il direttivo, in attesa di avere un riscontro. Diversamente, voglia il partito considerare questa sezione definitivamente chiusa.    Distinti saluti.    Castel Volturno, lì 01/07/2010                                                                  Il segretario cittadino    Avv. Fabio Russo     

 IDV: DE MAGISTRIS, VICINO AL DIRETTIVO DI CASTEL VOLTURNO (ANSA) - NAPOLI, 2 LUG 
'Sono vicino all'intero direttivo IDV di Castel Volturno (Ce) impegnato, spesso in condizioni di inaccettabile isolamento, nell'attivita' di contrasto politico ad una criminalita' pericolosissima anche per la sua capacita' di penetrare nell'economia, nella politica e nelle istituzioni'. E' quanto dichiara Luigi de Magistris, europarlamentare dell'IDV in merito all'autosospensione dalle funzioni, ufficializzate dal direttivo cittadino di Italia dei Valori di Castelvolturno.
Nei giorni scorsi il segretario cittadino di Castelvolturno, Fabio Russo, con una nota aveva criticato duramente i vertici del suo partito per la mancanza di attenzione alle problematiche territoriali, annunciando la non partecipazione al congresso provinciale di Caserta che si terra' domenica prossima, 4 luglio. 'Un presidio di legalita', in terra di camorra -aggiunge de Magistris- che da' fastidio anche per la capacita' di fare informazione scomoda.
Esprimo profondo rammarico - prosegue l'europarlamentare- per la decisione di autosospendersi dal partito - espressione di un grande malessere che non va sottovalutato - e mi auguro che il partito stia vicino a militanti cosi' coraggiosi. Mi auguro, altresi', che l'imminente congresso provinciale di Caserta si caratterizzi per un'affermazione netta ed inequivocabile sui temi - conclude de Magistris- della questione morale fondamenta, non negoziabile, all'interno di IDV'.(ANSA).



Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.

 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j