Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
La Redazione 07 Luglio 2010
UN ALTRO CHE SE NE VA: L'EUROPARLAMENTARE IDV, VINCENZO IOVINE, SI AUTOSOSPENDE DAL PARTITO PER CONTRASTI CON PORFIDIA E PASSARIELLO, I RAS DEL PARTITO A CASERTA.
IL CATTOLICISSIMO IOVINE, 23000 VOTI ALLE EUROPEE, LAMENTA LA MANCANZA DI REGOLE E DI PLURALISMO.
Lo scontro tra Iovine, Porfidia e Passariello è una guerra tra alcuni dei tanti ex democristiani cooptati da Di Pietro per succhiarne i voti e che cercano di controllare il cosiddetto territorio, ovvero il loro serbatoio elettorale. Ma mentre nella Dc le lotte intestine si risolvevano in estenuanti mediazioni tra le correnti, nei partiti cesaristi della seconda repubblica, chi vince si prende tutto e cerca di cancellare l'avversario.
Pubblichiamo il comunicato di Vincenzo Iovine, l'europarlamentare casertano che ha deciso di autosospendersi da Idv, precisa però, senza uscirne. Cattolicissimo, titolare di un florido patronato autonomo dalle sigle sindacali, Iovine si distacca dal partito di Di Pietro per dissensi con la gestione dell'Idv di Caserta, sottolinea il suo assistente parlamentare, Massimo Mercurio Romano, che seguirà la stessa strada, aggiungendo che difficilmente per ora Iovine rivedrà questa scelta. Romano assicura che Iovine ha ottimi rapporti con Di Pietro e con gli altri europarlamentari, anche quelli da lui politicamente molto distanti come De Magistris, Alfano, Vattimo e Arlacchi. Se dunque si autosospende è per i cattivi rapporti con Americo Porfidia, il vero leader di Idv nel casertano e con Luigi Passariello, coordinatore provinciale appena rieletto, si legge nelle cronache locali, senza troppe discussioni. Curiosamente anche Porfidia, è attualmente autosospeso dal gruppo Idv della camera dei deputati per le note vicende giudiziarie che lo riguardano.  (ag)

"Da oggi mi autosospendo dal partito Italia dei Valori".
"Tale dolorosa scelta è consequenziale alla constatazione della assoluta mancanza di rispetto delle regole pluralistiche, di crescita e di confronto tra 'il nuovo ed il vecchio'.
Sin dalla mia elezione al Parlamento Europeo, ho dovuto prendere atto, e con non poca amarezza, di un continuo boicottaggio ed un continuo 'ignorarmi sistematico'.
Nessuno si è mai preoccupato dell'unico deputato europeo di Terra di Lavoro, neanche 'invitandolo' all'organizzazione politica delle delicate fasi relative alla crescita democratica del partito in provincia di Caserta. La mia elezione come una sorta di ' incidente di percorso' per il partito in Provincia di Caserta.
Sono amareggiato e fortemente deluso, nel prendere atto della volontà di escludermi dalla determinazione delle linee programmatiche di questo partito, e ciò con particolare riferimento all'esecutivo di Caserta. L'ultimo Congresso che si è tenuto Domenica 4 Luglio né è un triste esempio. 
Si convoca il Congresso provinciale senza alcun lavoro preparatorio dell'esecutivo provinciale, ovvero senza che nessuno mi convochi, atteso che ne faccio parte di diritto: è fin troppo ovvio ed evidente la chiara e persistente volontà di escludermi dalla vita del partito. Ritengo che quale unico europarlamentare della provincia di Caserta un valido contributo l'avrei potuto apportare. 
Evidentemente è giusto che io dedichi il mio tempo solo al mandato conferitomi dagli elettori.
Confermo la volontà di autosospendermi dal partito, visto che gli 'altri' ritengono inutile il mio contributo all'interno dell'IdV, 
confermando la mia appartenenza al gruppo ALDE presso il Parlamento europeo".









La Redazione

Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.
Commenti
Riccardo Corridore 2010-07-13 19:50:08

Sono Riccardo Corridore, responsabile cittadino di Italia dei Valori di Capodrise (paese che mi pregio asserire ha il maggior numero di adesioni nella Provincia di Caserta) e nel leggere il comunicato stampa dell'On. Vincenzo Iovine resto quanto meno sbigottito e veramente "colpito al cuore".
Più volte ho avuto il piacere di colloquiare (nelle occasioni di incontro partitiche provinciali) con Vincenzo Iovine e mai erano trapelate dalla sua persona problematiche quali quelle sollevate in questo comnunicato. Ricordo anzi nell'ultima assemblea provinciale al CENTRO FORUM di Caserta (appena dopo il voto delle provinciali e delle regionali) la sua entusiastica partecipazione e ricordo altrettanto bene il tono delle parole da lui usate perchè fui chiamato al tavolo della Presidenza dal coordinatore provinciale Luigi Passariello ad assumere la funzione di segretario rogante della seduta: l'intervento dell'On. Iovine fu riportato a grafia del sottoscritto e tutto faceva trapelare men che meno una tale posizione così "estremistica". Conosco Iovine per essere una persona moderata, al pari degli altri amici dell'Italia dei Valori per cui non capisco come in due mesi ed, a tesseramento chiuso, siano sorte tali conflittualità. D'altronde il nostro partito si è sempre caratterizzato per un massimo esempio di democraticità nei rapporti e nelle decisioni (la prova provata è data dalle modalità di celebrazione del congresso alla presenza del Garante inviato dall'ufficio UNO): è un luogo di costante e costruttivo confronto in cui noi singoli cresciamo ed il partito si rafforza progressivamente. La domanda che più mi arrovella è il perchè l'On. Iovine non ha presentato una propria lista e non ha partecipato al congresso presentando una mozione che magari poteva convincere più iscritti di quella presentata dal prof. Passariello? Credo che ciò sia espressione di democrazia, quella stessa democrazia che ha consentito a Vincenzo Iovine di ben rappresentare il nostro Paese a Strasburgo. Su queste premesse auspico un ripensamento dell'on.Iovine perchè mi sento di affermare con forza e convinzione che ITALIA DEI VALORI in provincia di Caserta sia un partito che fa del confronto costruttivo il suo cavallo di battaglia. Testimonianza di ciò sono le modalità con cui è stato accolto dalla dirigenza provinciale l'amico On. Lorenzo Diana che ha portato il suo importante e fondamentale contributo al partito. Certo delle mie affermazioni abbraccio caramente l'On. Iovine e ringrazio il Prof. Passariello per il suo impegno quotidiano e costante per la crescita di IDV in Terra di Lavoro e, nel contempo, di tutti noi.
Avv. Riccardo Corridore (Commissario cittadino IDV Capodrise)

gaetano cantisani 2010-07-07 19:09:54

Vedo che non perdi tempo. La situazione di Caserta ti è balzata subito agli occhi. Non me ne meraviglio in quanto sei un attentissimo osservatore. Del resto, è' il tuo lavoro. E lo fai bene, ninte da eccepire. Talvolta, però, sei molto orientato dai tuoi sentimenti contro Di Pietro. Mi auguro che, in un prossimo futuro, ci possa essere un chiarimento, anche vivo, ma chiarificatore.
Tanto per cambiare argomento...
Stamattina, nella rassegna stampa si sentiva che eri squillante.
A presto e tante cordialità

Gaetano Cantisani

gaetano cantisanin 2010-07-07 19:03:14

Caro Alberico,
Bernanos si riferiva ad Hitler, ma aveva terrore che si ripetessero i fatti di Roma contro gli ebrei e che Mussolini potesse "contaminare" il resto d'Europa, ed in particolar modo la Francia, il suo grande amore. Oggi, per quanto valido l'assunto che hai voluto riproporre sotto forma di massima, come rafforzativo, è logico pensare che tu abbia voluto accostare il concetto di "avventuriero-profittatore" a colui che definisci il Tribuno, ovvero a Di Pietro. Tuttavia, nel rispetto dei reciproci convincimenti, credo proprio che il Di Pietro che tu vorresti si stia comportando come il Dipietro che non ho mai visto e che ho sempre voluto. Ed ho ragione di credere che buona parte di quella Italia che non l'ha votato, si stia ricredendo.
Dimenticavo, Bernanos mi è sempre piaciuto. Ti consiglierei di dare un'occhiatina anche a George Orwell, "..Senza un soldo a Parigi e a Londra" (Mondadori, 1996);
e se ti rimane del tempo:
"Pensieri" di Pascal (purtroppo ancora Mondadori, 1998);
"Storia intima dell'umanità" di Theodore Zeldin Donzelli, 1999;
poi ne riparliamo.

con la stima di sempre

Gaetano Cantisani

Rossano Fabi 2010-07-07 16:01:57

IDV, un film già visto: "PRENDI I VOTI E SCARICALI"

 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j