Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
Anna R.G. Rivelli 12 Agosto 2010
UN AMARO LUCANO PER TONINO. CON UN DURO J'ACCUSE CHE IL TRIBUNO.COM PUBBLICA IN ESCLUSIVA, RADICE ABBANDONA L'IDV. "LASCIO UN PARTITO DI DISVALORI", ATTACCA L'EX COORDINATORE DELLA BASILICATA, "DOVE DOMINANO CANNIBALISMO E SPASMODICA RICERCA DEL POTERE".
"MI AUGURO CHE IN CUOR SUO PROVI VERGOGNA NEI MIEI CONFRONTI", SCRIVE RADICE A DI PIETRO. SENZA DI LUI AL PARTITO VERRANNO A MANCARE OLTRE DIECIMILA VOTI. E ORA DOMINERA' INCONTRASTATO IL RAS LOCALE, DON FELICE BELISARIO CHE AVEVA ATTIRATO IN IDV RADICE PER POI DELEGITTIMARLO DIETRO LE QUINTE.
Dietro l'uscita di Aldo Michele Radice non c'è solo un risentimento personale per le vessazioni subite, ma lo scontro politico tra una concezione democratica e una autoritaria del partito e tra chi da tempo predica un'intesa al centro con Pd e Udc, come Radice e chi come Di Pietro, preferisce zigzagare tra i poli, per rosicchiare voti a destra e a manca del tutto privo di una visione strategica e di un progetto per il paese. Radice è stato sacrificato sull'altare di una opportunistica rincorsa a sinistra che ora l'ex eroe di mani pulite vede svanire per la concorrenza di Vendola e Grillo ma anche per il dovere d'ubbidienza al Pd che gli chiede di convergere al centro.

All'On. Antonio Di Pietro

ROMA

 

e p.c. Ai Componenti dell'Esecutivo Nazionale

ROMA

 

            On. Di Pietro,

l'ultima sporcata nei miei confronti, consumata l'altro ieri con la mia defenestrazione all'Alsia, mi consente finalmente di prendere le distanze da questo partito, da lei e da questi metodi trogloditi.

            Bastava chiedermelo, non mi avrebbe sicuramente sconvolto la vita, visto che ho deciso di pensionarmi entro la fine dell'anno e che per legge non mi era più consentito proseguire.

            La lettura che io ne do è il prezzo che dovevo pagare per non essere un suo yes men, ma un uomo libero che ha detto sempre quello che pensava, criticando molto i suoi metodi sbrigativi ed alcune fondamentali scelte politiche.

1.                  La gestione di un partito costruito a suo uso e consumo con i suoi fedelissimi che sul territorio la scimmiottano. Si chieda se su questa o su tante altre vicende politiche regionali il Garante On. Messina ha mai convocato il partito, per quello che mi risulta neanche il gruppo consiliare.

2.                  La puntuale e sistematica epurazione territoriale di chi non la pensa come voi.

3.                  Scelte nazionali quali quella del federalismo fiscale che distruggerà il Mezzogiorno d'Italia.

4.                  L'annunciare la necessità di cambiare la legge elettorale sapendo di mentire, perché le toglierebbe la possibilità di scegliere a suo piacimento le persone che più le aggradano. Forse non avrebbe più bisogno di quella agenda su cui annota o cancella nomi a suo unico piacimento.

5.                  Un partito non organizzato, affidato a fedelissimi proconsoli senza visione politica, sbraitanti, mercanteggianti e livorosi.

6.                  Una presunta superiorità morale, tutta ancora da dimostrare.

           

            Tutto questo le potrà andar bene ancora per un po' e fin tanto che troverà persone come me disposte a crede in principi sacrosanti e a battersi per essi.

            Io l'ho fatto per ben tre volte, a partire dal 2006, candidandomi al Senato ed al Parlamento Europeo con risultati strabilianti per l'IDV di Basilicata, se li vada a rileggere.

            Le potrà andar bene fin tanto che troverà persone come il Presidente Vito De Filippo disposte a consumare porcherie ed atti di cui vergognarsi, ma che, conoscendolo bene, sottendono a ben altro.

            Mi auguro che in cuor suo provi vergogna nei miei confronti.

            Lascio pertanto questo partito, come hanno fatto già tanti altri, perché è il partito dei disvalori, dove l'ingratitudine, il cannibalismo, la spasmodica ed affrettata ricerca del potere, la vigliaccheria politica, l'usa e getta sono ora l'anima predominante.

            Lascio il suo partito, ma non la politica, perché è ora di cacciare i mercanti dal tempio.

            Sono sicuro, così come ha sempre fatto che non risponderà a questa mia nota o lo farà per interposta persona o addirittura devo aspettarmi una querela.

 

 

            San Fele, lì 12/8/2010                                                             Firmato

                                                                                              Dott. Aldo Michele Radice



(nella foto A.M.Radice)




Anna R.G. Rivelli

Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.
Commenti
Rocco 2010-09-02 11:15:35

Grande Accettura. Non condivido solo l'ultima frase... "le faccio i migliori auguri...." Di persone che cambiano bandiera per sedere su nuove poltrone, ne abbiamo già troppe. Avremmo bisogno solo di persone che vogliono il bene comune, trascurando completamente il proprio benessere. Ne troveremo???????
Fino a quando i partiti sceglieranno i propri rappresentanti locali solo in base a "quanti voti porta" non possiamo credere in nessuno. Così continueremo a vederci rappresentati non da gente capace, ma da persone che sono riuscite ad avere una buona visibilità, in qualunque modo, anche il meno nobile.....
Siamo una piccola Regione con tante ricchezze, possibile che siamo tra le più povere d'Italia? sapevate che nella Regione Puglia l'acqua è meno cara che da noi? Abbiamo bisogno di rinnovamento, che non vuol dire per forza giovani. Purtroppo, giovani non significa cambiamento. Ci sono giovani politici che sono peggio dei politici di vecchia genezazione.
Caro Accettura, i miei migliori auguri li faccio a noi lucani... e speriamo bene.

Giancarlo Tedeschi 2010-08-14 18:41:32

Ma guarda un po' il caso: quando si perde una poltrona si scopre quanto sono brutti, sporchi e cattivi quei partiti ai quali ci si era aggrappati per poterla avere, quella poltrona...

Claudio Mazzoccoli 2010-08-14 10:34:25

La verità, forse, è più semplice.

Radice, in buona fede, si è accorto che il treno è pericoloso quando gli è arrivato addosso.

Si fa fatica ad ammettere la verità sino a che questa non arriva con forza e senza lasciare più scelta.

L'importante è che, anzichè migrare come in tanti fanno, Radice si metta a disposizione di seri giornalisti cui raccontare la sua verità e soprattutto al servizio della Società Civile.

La esperienza di coloro che "hanno fatto il salto nell'iperspazio", ovvero che sono stati in politica ad alti livelli è sicuramente utile per "smontare" il puzzle a volte inestricabile di cui è fatta la politica.

Francesco Filippetti 2010-08-14 01:11:58

Il Sig. Accettura ha perfettamente ragione. Michele Radice si è ben guardato dal fiatare sulla pessima situazione interna di IdV Basilicata finchè è stato seduto (initerrottamente per molti anni) sulla poltrona di coordinatore regionale IdV Basilicata e poi, defenestrato, su quella dell'Alsia.
Noi del Circolo Giugni di Matera e pochi altri su Potenza (tra i quali Anna Rivelli) siamo stati lasciati completamente soli a contrapporci alla deriva IdV (più volte denunciata pubblicamente dopo aver inultilmente richiesto l'intervento degi organi del partito, tra i quali proprio lui, Michele Radice). Noi, coerentemente e coraggiosamente, siamo usciti dal partito a fine dicembre annunciando che non avremmo rinnovato la tessera per il 2010 e segenti. Ricordo ancora le parole sprezzanti che Michele Radice ci rivolse il 7 novembre 2009 al S. Domenico commentando l'incontro che Di Pietro aveva già avuto (senza esito) al Palace Hotel con noi, c.d. "dissidenti". Oggi, inesorabilmente allontanato dagli stessi ADDC e ex Udeur che hanno da qualche mese occupato il partito, utilizza quasi le stesse argomentazioni che noi gridavamo, inascoltati, fino al dicembre 2009. Troppo tardi.

silvia arrighetti 2010-08-13 08:43:11

Purtroppo le parole del signor Accettura sono, nella loro durezza, cristalline!
E' difficile seguire una politica che da tempo ha perso i connotati di servizio per la collettività e per il bene comune.
La solidarietà verso un gesto di rottura finisce per perdersi dietro un dubbio: "da dove vuole ripartire Radice per cacciare i mercanti dal tempio?"
Da quale etica? da quale concezione della democrazia?
In questi tempi di apparenza e di menzogne, di "realtà" create ad arte manovrando i media, di verità cancellate semplicemente tacendole, le parole sono ancora di più un'arma a doppio taglio, e la diffidenza è il sentimento più diffuso fra chi una coscienza sente ancora di averla, e tiene al proprio senso critico.
Non sarai solo, se questo percorso sarà limpido!
Buon lavoro, Michele!

enrico della gatta 2010-08-12 23:55:11

Egr. Radice, da ex Resp. Naz Infr. e Tr. di IDV dal 2003 al 2007 sento il dovere di comunicarle la mia condivisione piena a quanto lei dice nella sua lettera e soprattutto per il "DISVALORE" che regna da molto tempo.
Ma sono ancora piu´d´accordo sullo scacciare "i mercanti dal tempio" con attivita´concrete e una Informazione degna di questo nome aggregando il piu´possibile Movimenti-Associazioni-Base di partiti e gli assenteisti delle urne (circa un 20% di elettori) perche´si possano eliminare i trasversali(Travaglio e company) e ridare un minimo di dignita´alla politica e ai loro commentatori.

giuseppe accettura 2010-08-12 23:43:42

gentile dott. Radice, mi meraviglia il fatto che una persona come lei , lupo di mare nell' oceano della politica, dichiari quanto sopra! Che Di Pietro sia esattamente come lo ha descritto , è puro vangelo, ma non venga a dirmi che se n' è accorto solo ora , ovvero all' indomani di essere stato trombato!
Mi creda , diventa poco affidabile (politicamente) anche la sua figura poichè la sua fuoruscita dall' idv è dovuta , quale reazione per un torto subito.
Vale a dire che se l' avessero lasciata al posto che lei ricopriva, tutto era a posto e Di PIETRO UN GALANTUOMO? Ecco perchè la politica è lo schifo che è e lei a mio modesto parere non è dissimile dai suoi colleghi, il cui unico ideale è quello di rimanere con il culo attaccato alla poltrona,io per fortuna sono apolitico e quando vado a votare cerco
di scegliere il meno peggio e non guardo la bandiera alla quale appartiene ; mi viene da darle un consiglio , modesto, s' intende, cambi pure tutte le volte che vuole compagine politica,ma cerchi la coerenza , doveva lascire subito l' idv quando ha scoperto di cosa si tratta e da quale opportunista è governata, cosa farà ora entrerà in un altro partito per lasciarlo al prossimo torto che subirà?Non è credibile neanche quando dice di essere un libero pensatore poichè la sua ideologia si modella a misura dell' incarico da ricoprire!
le faccio i migliori auguri di un futuro percorso più lineare!

 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j