Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
La Redazione 07 Settembre 2010
BARI. VOLANO ALTI GLI STRACCI NELL'IDV. DUE CONSIGLIERI COMUNALI SFIDUCIANO IL CAPOGRUPPO PASCULLI E VENGONO A LORO VOLTA SFIDUCIATI DAL PARTITO. NEMMENO TONINO RIESCE PIU' A REGGERE LE FILA.
VA IN PEZZI IN TUTTA ITALIA LA CREATURA DI DI PIETRO, L'IDV E' UN PARTITO COSTRUITO IN MODO OPPORTUNISTICO DAL RE DEGLI OPPORTUNISTI E TRASFORMISTI. COME BERLUSCONI L'EX PM E' BRAVO A FARE PROPAGANDA E A STRAPPARE GENTE AGLI ALTRI PARTITI MA NON E' BRAVO NE' A FARE POLITICA NE' A GOVERNARE.
A sfiduciare Pasculli sono stati due consiglieri, Tomasicchio e Giampaolo, (nella foto) quest'ultima proveniente dall'Udc. Oggetto dello scontro il rapporto con la giunta Emiliano che naturalmente l'Idv attacca dalla mattina alla sera come fa in tutta Italia con le giunte di centrosinistra. Ecco perchè Di Pietro dice di essere l'unica opposizione: si, ma al Pd.
 
NELL'ITALIA dei Valori di Bari è scoppiato il caos.      Ad aprire il regolamento dei conti scattato all'interno del   partito di Di Pietro è stato il blitz compiuto da due dei   tre consiglieri comunali, Angelo Tomasicchio e Mara Giampaolo che   hanno sfiduciato il capogruppo Lino Pasculli. Pasculli viene   accusato dai suoi due colleghi di partito di eccessiva  litigiosità con il sindaco Emiliano e di una gestione   troppo accentratrice. Attualmente, infatti, l'Idv è fuori   dalla giunta di centrosinistra in quanto non esprime neanche un   assessore. Per riavvicinarsi al primo cittadino l'Italia dei   valori ha nominato Tomasicchio nuovo capogruppo.      Ma ieri è arrivata la dura presa di posizione del   coordinamento provinciale dell'Idv che ha aspramente criticato la   mossa dei due consiglieri comunali. «La sfiducia   illegittimamente, ingiustamente ed immotivatamente consumata ai   danni di Lino Pasculli e del partito stesso, rappresenta una   pratica di cui vergognarsi e che incarna quella parte minimale   dell'Italia dei valori ancorata esclusivamente alla becera   gestione del potere che per fortuna i congressi in corso stanno   spazzando via - è scritto in una nota - il coordinamento   provinciale di Bari pertanto rigetta fortemente e fermamente, nel   metodo e nel merito, questo atto di violenza e di bassezza morale   che va decisamente contro l'essenza dell'idv ed esprime   unanimemente la piena fiducia del partito a Lino Pasculli.   Vergognoso, infine - aggiunge il coordinamento provinciale - il   comportamento della Giampaolo che, provenendo dall'Udc, ha   aderito all'Idv a fine giugno circa e che in pochissimo tempo si   rende protagonista di questo scellerato e grave gesto.   Probabilmente dimentica di non essere più in   Udc»


La Redazione

Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.
Commenti
Biagio Elefante 2011-04-13 17:16:11

pso, io non ho mandato niente qui, e non sono manovrato da nessuno, quello che devo dire lo dico direttamente dove discuto con gli altri militanti del nostro partito, a differenza di chi come te ha bisogno dell' anonimato tanta è la paura di affrontarer opinioni contrarie, tipica di coloro che proprio per tale frustrante repressione delle proprie esigenze fniscono per impazzire!

walter semperboni 2010-12-19 21:40:20

eccome che sto lontano dal vostro pseudo partito e come hò potuto notare si allontanano pure i vostri adepti

Mirco Marchetti 2010-09-11 02:50:08

Caro Walter Semperboni, mi ha risposto due volte, e nella prima mi accusava di non collegare il cervello, quindi mi sono permesso di visitare il suo faceebok ed ho trovato questo suo scritto sulla sua bacheca di faceebok di oggi:

"prendersela col Pastore Jones,perchè vuole bruciare il corano?Mi pare nulla in confronto di quel che loro fanno a Noi Cristiani d...ecapitando Parroci e Suore!Combatti e stana questi beduini,non limitarti a fare guerre x il petrolio"

...e lei viene a fare la morale a me sulla violenza? Stia pur lontano dall'IDV

Mirco Marchetti 2010-09-11 01:38:26

Ha mai letto un rapporto dell'OMS sui suicidi attuali signor Walter? Se lo legga. Pensi, c'è un aumento spaventoso di gente che per problemi di quotidiana sopravvivenza si toglie la vita. Poi, invece, esiste una parte, fortunatamente in crescità, che ha recuperato la capacità di indignarsi alle ingiustizie ed alle prevaricazioni che i meno abbbienti devono subire.

Caro Walter, Schifani, Dell'Utri, hanno potuto parlare. Quei manifestanti no. Questo è il fatto.

Io non giustifico affatto la violenza in sé, affermo che l'incapacuità palese a gestire certe situazioni da parte da chi ci amministra è pericolosa. Ho sentito esprimersi tutti in maniera proterva e livorosa, dalle figure retorice che il PD mette in piazza, alle più alte cariche dello Stato. Insomma tutto il bailame politico e burocorporativo. Le ragioni di chi protesta, quelle sono solo e sempre pericolose provocazioni. Bisogna leggere e saper leggere ciò che ci accade attorno. Saperlo leggere, interpretare e gestire. Jung diceva che il gatto ignorato diventa una tigre. Molti partiti, negli atti non mi paiono all'altezza di questo compito ed avranno la responsabilità di aver condotto il gatto a diventar tigre.

walter semperboni 2010-09-10 23:50:52

e no,caro marchetti;l'asserire che un giovane laureato,sia schifato dal mondo della politica,ragion per cui,sia da capire il suo non accontentarsi dei fischi,è da insensato per non andar oltre
Poi si caricano le menti e le mani di vari invasati,vedasi statuette e cavalletti,non si lascia parlare Schifani,Bonanni e dell'utri(e qui ci può stare)per poi applaudire curcio e lasciarlo tenere una lezione in Università,cosa che al PAPA è stata negata..I VALORI NON SON QUESTI,CON QUESTI VALORI SI REGREDISCE!!!

Marco Busacca 2010-09-09 20:29:52

Ciao Anna R.G.Rivelli sempre pungente!!!!

pso 2010-09-08 15:11:56

Biagio Elefante che è un pazzo frustrato, armato dall'atro consigliere defenestrato ha inviato il tutto al tribuno per riuscire a mettere in difficoltà il partito IDV di bari, questo però non sà che l'ex capogruppo ha cambiato negli ultimi anni 4-5 formazioni politiche per poi approdare nell'IDV, inoltre mentre il consigliere Pasculli dice di voler restare fuori dalla giunta emiliano la 2^moglie prende 24ooo euro come consigliere d'amministrazione dellìAMgas di Bari.
Biagio Elefante non rincorrere i falsi miti fatti un giro nella banca dove lavora l'ex caporguppo e vedi le porcate che fa trasferimenti , promozioni e accordi sottobanco con la dirigenza della banca....

Mirco Marchetti 2010-09-08 13:56:53

Ripeto, riconosco delle verità in ciò che asserite. In fin dei conti, l'IDV nel farsi partito ha visto entrare i cosiddetti "esperti" della politica transfughi da altri partiti. Gente che ha militato in altri partiti ed alcuni di loro, vista l'età avanzata, è in cerca di una gratificazione personale e di fine carriera. Di certi carrieristi sono pieni i partiti, non solo l'IDV, è pur vero che, se può esser dato per assodato che esistono in gran numero in ogni dove, forse meno nei movimenti poiché non partecipano alle "nomine" ed altro, riconosco che vedere certi personaggi gravitare in un partito che persegue la questione morale è come sentire un parroco che bestemmia. Ciò non toglie che a fondamento della istituzione ecclesiastica vi sono valori specifici che vanno perseguiti. Uguale dicasi per i partiti, tutti.

Io vivo e parlo delle mie avventure, quello che ho politicamente vissuto, poiché ne ho cognizione di causa. Nel Comune in cui risiedo (8700 anime), ho condotto l'IDV ad una alleanza con SEL, ma ho pure ricevuto pressioni, soprattutto dal PD locale e provinciale, a rompere questa "strana" alleanza. E lo hanno fatto anche con metodi subdoli e poco trasparenti. Fino a giungere a gratificazioni personali purché rompessi l'alleanza. Adesso però si è aperta la porta dell'UDC.

Il PD adesso, in questi giorni, per poter sostenere un'alleanza da noi ritenuta scriteriata, ha proposto dietro suggerimento dell'UDC di finanziare con un milione di euro una scuola privata di Comunione e liberazione. L'IDV, ha ieri ufficializzato che se ciò dovesse avvenire, noi si lascerebbe il Consiglio Comunale. Prima sistemiamo e finanziamo le mancanze gravi che ravvediamo nella scuola pubblica. Mi chiedo e vi chiedo, non è già un delineare un preciso profilo identitario intraprendere una battaglia in questa direzione?

Per ciò che attiene invece l'andare oltre i fischi, è chiaro che avendo attorno gente giovae e giovanissima, molti di costoro appena laureati, quindi 24-25 anni, occorre fare i conti con un'esuberanza che appartiene a quella fascia d'età. Questa energia va però condotta e gestita. Ciò non ntoglie che, nel costruire un progetto politico, non si possa non tenere conto di un sentimento diffuso di ribellione di gente che usa metodi non consoni, non per seguire na moda, ma perché disperata. Giovani precari che non arrivano a fine mese, un mondo del lavoro invaso da gerarchie politiche che sull'onda del clientelismo concede il privilegio di un lavoro agli affiliati, prima che ai meritori. Anziani e disabili ammutoliti dalla macelleria sociale che questo governo intraprende. Conflitti interetnici acuiti da una Lega volgare e proterva. Commistioni tra mafia e potere. Costituzione perennemente calpestata, con gente che tende a volerla cambiare seppur non la si conosca o non la si sia portata a compimento nei fatti.

Come non comprendere tali sentimenti di rabbia? I giovani che frequentano l'IDV che io coordino, sono usciti schifiti da al

Anna R.G.Rivelli 2010-09-08 12:43:11

Il problema è che l'IdV serve a ciascuno per un fine diverso; alcuni sono nobili, ma i fini nobili li perseguono sparuti gruppi di militanti; altri sono personali e meschini, e questi li inseguono quelli che nel partito comandano. E se è vero che il pesce puzza dalla testa, l'IdV puzza.

walter semperboni 2010-09-08 12:41:22

ahhh bravo marchetti,lei asserisce che alcuni giovani andrebbero ben oltre i fischi a dell'Utri?Lo sa che le brigate rosse,son fuori moda,lo sa che i no global venivano premiati con l'Ambrogino D'oro ,solo da penati?Ripulitevi al vostro interno,poi potrete fare piedistalli all'onestà..sicuramente non alberga in casa vostra!!!

Mirco Marchetti 2010-09-08 09:56:40

Ce n'è un altro che dice: "Chi parla bene pensa bene".

Il Parlamento si chiama così soprattutto perché, in parlamento si parla.

L'IDV si sta costruendo la propria identità che, comunque, contrariamente a ciò che affermano i leghisti, non è mai data una volta per tutti, ma è un processo in divenire che si forma con un confronto costante con le alterità, con ciò che è differente, diseguale.

Lavoro coi gruppi da anni, ne ho visti tanti e li conduco all'interno di un setting procedurale e ne evidenzio le dinamiche. SE parliamo di cervelli e collegamenti, io so che il cervello stesso è un microgruppo dinamico che funziona come un macrogruppo.

A livello invece politico, non posso valutare allo stesso modo le dinamiche poiché non costruisco un settin idoneo in premessa, però .. ciò che affermi Anna, può avere un fondamento, ma io lo riferirei a tutti i partiti. IN tutti i partiti le persone salgono per nutrire finalità, chi personali, chi collettive. I vizi che si evidenziano sono degli uomini e soprattutto del rapporto che hanno con il potere. Il partito è il mezzo, non il fine, ed io, in questa accezione, rispetto le scelte di tutti. Ho avuto modo di vedere opportunisti nel PD, in SEL, in Rif. Com., nei Verdi ed anche in IDV...la parte opposta, francamente la frequento meno, ma non credo faccia eccezione essendo formata da uomini e dai loro vizi. Nel mio comune coordino IDV ed indico un paio di volte al mese riunioni con persone che hanno un'età di circa 30 anni, hanno motivazioni, passioni e voglia di lavorare. Per costoro ha un senso stare nell'IDV e ne definiscono, attraverso il loro agire l'aspetto identitario ed alcuni di loro andrebbero ben oltre i fischi fatti a Schifani o Dell'Utri alle feste del PD.

A noi l'IDV serve, serve la nostra causa. Qui credo, basandomi sull'evidenza, serva ad intavolare un discorso. SE l'IDV non ci fosse, di cosa si parlerebbe qui?

Mirco Marchetti 2010-09-08 09:26:27

Caro Gianlorenzo, io mangio bene. E mi pagano pure per definire il livello comportamentale di alcune persone. Ho 47 anni e per mestiere indago ciò che per altri è ovvio. Ma non credo si sia qui per delineare i profili personali, soprattutto usando termini fuorvianti e non di pertinenza. Le ripeto parli pure di quel che sa e nei modi che conosce, ma non si addentri nella disquisizione di questioni che la condurrebbero, quelle si, nel ridicolo. In politica invece, il soggetto della sovranità è la sovranità del soggetto.

Anna R.G.Rivelli 2010-09-08 09:21:11

"Un partito si definisce tale quando raggruppa più cittadini sotto due aspetti determinanti: la coerenza e il programma. Sono l'unica identità di un partito politico che senza coerenza e programma, dunque, non ha ragione di esistere, se non per inseguire fini individuali" ALLORA DI PIETRO LO SA CHE IDV NON HA IDENTITA' E NON HA RAGIONE D'ESISTERE? O RICONOSCE DI INSEGUIRE EGLI STESSO FINI INDIVIDUALI?

PS
C'è un detto che recita "Il parlare è arte leggera "

walter semperboni 2010-09-08 08:33:37

Ma daiu G.Lorenzo,è bello notare che pure nel'idv,esiste gente che sa parlare l'Italiano,peccato però che quando parlano non hanno avvisato il cervello di collegarsi...I vertici idv,son farciti di gente disonesta che usa metodi truffaldini;le prediche non contano,bisogna vedere come si razzola!!!

Gianlorenzo Costa 2010-09-08 02:38:24

Ma parla come mangi Marchetti, sei ridicolo quando ti esprimi in questo modo. Pensi di intimidirmi usando termini come "esperienzale" e "comportamentale"? E poi te ne esci con locuzioni del tipo "se lei ha problemi al fatto"? La verità è che il tuo partito è pieno di ciarlatani e imbroglioni, tu non mi sembri di questa risma ma stai attento perchè chi va con lo zoppo.... E visto che straparli di Udc spiegami come mai a Bari hanno mandato in consiglio comunale una come Mara Giampaolo che è stata una vita nel partito di Casini. Parla di questo e lascia perde l'esperienzale.

Mirco Marchetti 2010-09-08 02:08:09

Caro Gianlorenzo, se lei ha dei problemi al fatto che io citi l'oggetto unico che tiene banco su questo forum, significa, che in lei difetta la democrazia e non sa sostenere un sano contraddittorio. Le analisi comportamentali dei soggetti che disquisiscono invece, le lasci a chi ha le capacità argomentative, esperienziali e professionali per sostenerle.

Gianlorenzo costa 2010-09-08 01:26:41

Marchetti se quando senti parlare di coerenza Di Pietro non ti metti a ridere e addirittura lo citi significa che hai dei seri problemi. Dai tuoi commenti infatti si capisce che qualche problema di lucidità ce l'hai.

Mirco Marchetti 2010-09-08 00:28:38

Tanto per ribadire le differenze che esistono tra UDC ed IDV a livello programmatico, posto qui ciò che Di Pietro ha scritto sul suo blog:

Un partito si definisce tale quando raggruppa più cittadini sotto due aspetti determinanti: la coerenza e il programma. Sono l'unica identità di un partito politico che senza coerenza e programma, dunque, non ha ragione di esistere, se non per inseguire fini individuali.
In queste ore sto assistendo ad una corsa sfrenata alla strumentalizzazione della mia posizione circa la contestazione torinese a Schifani. Pd e Udc, in realtà, sembra stiano solo cercando di trovare una giustificazione da offrire ai propri elettori su una scelta già fatta.
Proprio per questo, e per evitare confusione nell'elettorato, voglio ribadire che l'Italia dei Valori non è contraria ad un'alleanza con l'Udc per "partito preso", come i media vogliono far intendere. Siamo distanti dal partito di Casini per divergenze sostanziali nei punti programmatici. Nell'Udc mancano quei due aspetti determinanti che devono appartenere ad un partito: la coerenza e il programma. Non c'è coerenza in un partito che, dopo aver abbandonato Berlusconi, sarebbe tornato di corsa al governo qualche settimana fa se non fosse stato per il rifiuto della Lega.
Vorrei sapere sul secondo aspetto, quello del programma, cosa pensa Casini in particolare di alcuni punti cardine dei nostri valori.

- il primo: se intendono rinunciare al nucleare e a proporre politiche per la tutela dell'ambiente (raccolta differenziata, energie rinnovabili, no agli inceneritori,..).
- il secondo: se vogliono l'acqua pubblica, senza farsi influenzare dalle lobby collegate al partito e a Caltagirone.
- il terzo: se accettano senza riserve la regola della non candidabilità dei condannati (un presupposto che dovrebbe stare alla base di un partito che si ispira a valori cattolici come l'Udc, che invece ha fra i suoi eletti il senatore Totò Cuffaro).
- il quarto: se intendono lavorare per una legge elettorale nuova per mandare in soffitta la legge porcellum che proprio l'Udc votò contribuendo alla sua approvazione.
- il quinto: se intendono impegnarsi realmente nella lotta all'evasione fiscale, dopo aver contribuito (con la loro assenza in aula) a far approvare lo scudo fiscale.
- il sesto: se intendano metter mano una volta per tutte al conflitto di interessi, un cancro che oggi non affligge solo berlusconi ma tutta la classe politica del Paese.

Smarcati questi ed altri punti saremmo anche disposti a discutere di alleanze con l'UDC per un Governo, ma mi chiedo cosa rimarrebbe di quel partito, probabilmente solo lo scudo crociato. E' questo il motivo per il quale è impossibile pensare ad un'alleanza fra l'Italia dei Valori e il partito di Casini, o meglio di Cuffaro.
I partiti, come tali, possono decidere qualsiasi alleanza a dispetto dei propri elettori. Ma chi rispetta il ruolo di un partito e della politica non può ignorare i cittadini e le loro aspettative. E per noi i citta

walter semperboni 2010-09-07 16:18:34

Caro il mio Elefante,purtroppo,non basta chiamarsi idv,per essere portatori sani di valori;io non conosco la situazione di Bari,ma conosco molto bene cosa si combina in Lombardia e chi sta a capo del coordinamento idv,visto che è mio paesano,e mi creda di onestà non ne tiene nemmeno un pizzico;io credo nella sua buona fede,ma purtroppo specialmente ai vertici dell'idv,non ci stanno"Elefanti"ma coccodrilli ed avvoltoi

Biagio Elefante 2010-09-07 15:49:49

Adesso al tribuno fondato da Alberico Giostra non si firmano più gli articoli....
Forse per non far sapere che sono fatti da uno di rifondazione, partito dove lina politica e scissioni le decidono due o tre persone, così come succedeva nel partito dei loro antenati.
E' quando il tribuno parla di cose baresi e pugliesi, che noi pugliesi conosciamo bene, che si capisce tutta la malafede di questo foglio, che dice le stesse cose di Berlusconi contro l'IDV, e che, guarda caso, mentre non fa che criticare IDV per prertesa mancanza di democrazia, ecco che quando un organo democraticamernte eletto e pienamente titolato bolla i comportamenti malsani di quelli che loro aditano come infiltrati nell'IDV provenienti da UDEUR e simili, ecco che questi filoberlusxconiani di fatto, anzichè applaudire, lodano Emiliano e la sua cricca al cemento, e condannano addirittuta la nuova IDV che quella cricca combatte, accusandoci di essere nemici del PD!
Un qualunquismo sconcertante davvero quello di questo foglio nato e nutrito per andare contro di noi, da sinistra o da destra poco inmporta purchè si attachi IDV

 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j