Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
La Redazione 22 Settembre 2010
ECCO LA PRESUNTA UNICA OPPOSIZIONE DELL'IDV. PAOLA CONCIA (PD) DENUNCIA IL SILENZIO DEI DIPIETRISTI SULLA LEGGE CONTRO L'OMOFOBIA.
SECONDO LA DEPUTATA DEMOCRATICA IN COMMISSIONE GIUSTIZIA L' IDV HA TACIUTO PER NOVE MESI. IL TRIBUNO.COM PUBBLICA IL RESOCONTO DEL DIBATTITO PARLAMENTARE.
Nella sua replica Federico Palomba dichiara che Idv ha presentato la proposta di legge più drastica e severa in difesa degli omosessuali e transessuali. E rivendica di aver chiesto l'estensione della Legge Mancino per equiparare l'omofobia al razzismo. Ma a chiederlo prima di Idv era stato il Pd. E comunque, osserva la Concia, si tratta di una soluzione politicamente non praticabile. Per questo piace al partito di Di Pietro.

SEDE REFERENTE

Martedì 21 settembre 2010. - Presidenza del presidente Giulia BONGIORNO.

La seduta comincia alle 14.

Norme per il contrasto dell'omofobia e transfobia.C. 2802 Soro e C. 2807 Di Pietro.(Seguito dell'esame e rinvio).

La Commissione prosegue l'esame dei provvedimenti, rinviato l'8 settembre 2010.


Anna Paola CONCIA (PD), relatore, rileva con forte rammarico come, dopo la sua relazione del 10 dicembre 2009, siano intervenuti nel dibattito in Commissione solo i deputati del PD e, sia pure per esprimere una posizione contraria al provvedimento, quelli della Lega. Nessun esponente degli altri gruppi è intervenuto e ritiene che un simile silenzio sia sconcertante, poiché il comportamento peggiore al quale si possa assistere nel parlamento di un paese democratico è, appunto, il totale disinteresse, il rifiuto di un problema del quale di finge di ignorare l'esistenza, la chiusura di fronte alle legittime istanze di una società in evoluzione. Sottolinea quindi come questa non voglia essere una nota polemica, ma la semplice ed oggettiva constatazione della realtà storica del dibattito

in Commissione sui provvedimenti in esame.Ricorda di avere chiesto al Sottosegretario Giovanardi di dimettersi, in seguito alle sue dichiarazioni sul tema in esame. Sottolinea peraltro come il punto nodale sia rappresentato dai fatti di cronaca, che dimostrano come gli episodi di violenza nei confronti di omosessuali e transessuali, perpetrati esclusivamente in ragione dell'orientamento o dell'identità sessuale delle vittime, siano ormai numerosissimi e all'ordine del giorno. Si domanda quindi come sia possibile che proprio il Parlamento, istituzione democratica per eccellenza e baluardo dei diritti fondamentali dei cittadini, possa omettere di intervenire per arginare questo grave fenomeno.Ricorda, in particolare, la recente brutale aggressione di una coppia di omosessuali inglesi, legalmente sposati nel proprio paese, avvenuta nei pressi di Frosinone. Osserva quindi come l'ambasciata di un paese civile come l'Inghilterra sia subito intervenuta a tutela e difesa di due cittadini barbaramente aggrediti. E rileva come gli episodi come quello descritto derivino da un livello di intolleranza nel nostro Paese, di fronte anche alla minima manifestazione esteriore del sentimento d'amore tra persone omosessuali, talmente elevato ed inaccettabile che potrebbe definirsi «baciofobia». Lei stessa può testimoniare come, semplicemente passeggiando con la propria compagna, in Italia si percepisca un clima di intolleranza che in altri paesi, come ad esempio la Germania, non esiste.Rileva come il fenomeno dell'omofobia e transfobia esista anche in altri Paesi, ma sottolinea come la differenza stia nel fatto che il Italia il problema non viene affrontato. Le reazioni tipiche sono la demagogia, il pregiudizio culturale o ideologico, il silenzio colpevole, Si assiste, addirittura, a dichiarazioni di esponenti del Governo che alimentano l'odio. Non si vuole comprendere, in altri termini, che l'omofobia e la transfobia, così come il razzismo, devono essere censurati dalla legge penale. Ora tutti questi atteggiamenti, queste reazioni distorte, devono essere abbandonati.Ricorda di avere sostenuto più volte che la soluzione ottimale per cominciare ad affrontare il problema sarebbe l'estensione della «Legge Mancino» e di avere per prima presentato una proposta di legge in tel senso. Tuttavia questa soluzione, che peraltro costituisce l'oggetto della proposta di legge dell'IdV, si è rivelata non politicamente praticabile. Il senso di concretezza e l'esigenza di dare subito, in tempi rapidi, una risposta normativa possibile hanno quindi condotto alla formulazione di un testo di compromesso, che prevede l'introduzione nel codice penale di una specifica circostanza aggravante. Di questo testo occorrerebbe che i gruppi discutessero, senza fare inutile demagogia e propaganda, poiché si tratta della vita di cittadini che hanno gli stessi diritti degli altri ma una vita molto più difficile. In base alla propria diretta conoscenza di ragazzi brutalmente aggrediti, può testimoniare che si tratta di esperienze terribili.Rivolge in particolare ai colleghi del PdL e di FLI l'invito a non continuare a disinteressarsi di un tema che potrebbe riguardare i loro stessi figli o amici, ricordando che l'omosessualità non è una scelta. Più in generale invita tutti i gruppi a compiere finalmente un gesto responsabile e risoluto. Sottolinea come l'approvazione del provvedimento in esame sarebbe solo un primo passo, occorrendo naturalmente intervenire anche nella scuola e con campagne sociali, ringraziando quindi il Ministro Carfagna per la campagna svolta.Dopo avere ricordato come anche le forze dell'ordine concordino sulla necessità di un intervento normativo, auspica che finalmente, con la collaborazione di tutti i gruppi, si possa dare una risposta alle legittime esigenze di tutela dei cittadini omosessuali e transessuali italiani.


Fulvio FOLLEGOT (LNP) ricorda come il proprio gruppo si sia espresso più volte chiaramente, manifestando la propria contrarietà sul provvedimento in oggetto, e come non abbia nel frattempo cambiato opinione. Non si tratta di fare propaganda, ma di valutare con attenzione i valori alla

base della nostra società ed in particolare quello della famiglia. Ritiene che il codice penale già fornisca adeguati strumenti di tutela per reprimere i comportamenti e le aggressioni in questione. Ciò che la Lega non condivide in special modo del provvedimento è il fatto che con lo stesso, più che una forma di tutela penale, la quale, come detto, già esiste, si voglia in qualche modo «piantare una bandierina» ed ottenere un principio di riconoscimento giuridico per la persona omosessuale e transessuale, per poi proseguire sul terreno del diritto di famiglia, delle adozioni e sul tema delle coppie di fatto.Precisa e ribadisce come tutte le persone, senza distinzioni, debbano essere rispettate e tutelate. Tuttavia ritiene che il modello di famiglia come unione tra un uomo e una donna deve essere difeso e mantenuto.


Federico PALOMBA (IdV) ritenendo che il proprio gruppo sia stato ingiustamente chiamato in causa dall'intervento del relatore, rivendica e ribadisce la ferma e decisa posizione dell'IdV: una posizione in prima linea e d'avanguardia nella difesa delle persone omosessuali e transessuali. Ricorda come la proposta di legge del proprio gruppo sia la più drastica e severa, prevedendo l'estensione della disciplina della «Legge Mancino» e sostanzialmente equiparando al razzismo i fenomeni dell'omofobia e della transfobia. Sottolinea come l'IdV intenda mantenere questa posizione di fermezza, senza cedere a compromessi o indulgere a testi minimali che prevedano l'introduzione di una mera circostanza aggravante. L'esito negativo del precedente iter dei provvedimenti sul tema in esame dimostra appunto che non si possono adottare soluzioni minimali. Al contrario, occorre sfidare la relatrice e l'intero Parlamento a prendere definitivamente posizione sulla questione cruciale: se l'omofobia e la transfobia siano o meno delle forme di razzismo. L'Italia del Valori ritiene senza dubbio che lo siano e sottolinea inoltre come non sia vero che i portatori di un determinato interesse siano necessariamente gli unici soggetti in grado di tutelare quell'interesse nel migliore dei modi. Conclude quindi ribadendo che nessun rimprovero può essere mosso al proprio gruppo ed invitando la relatrice a tenere conto della proposta di legge dell'Idv piuttosto che ad inutili ed inefficaci soluzioni di compromesso.


Jean Leonard TOUADI (PD) rileva con soddisfazione che sia ricominciato il dibattito su un tema tanto importante, dal momento che il Parlamento di un paese democratico non può più esimersi dal pronunciarsi in materia, anche in considerazione del continuo susseguirsi di gravi fatti di cronaca. Dichiara di non condividere l'intervento dell'onorevole Follegot, poiché qui non si tratta affatto di «piantare una bandierina», ed il riferimento al tema della famiglia, delle adozioni e delle coppie di fatto è in conferente, fuori dall'oggetto dell'esame, e rischia di creare solo ulteriore confusione. Ricorda infatti che con il provvedimento in esame si vogliono semplicemente tutelare dei liberi cittadini, perché questi possano manifestare anche in pubblico il loro orientamento sessuale. Il tema, quindi, è quello dei diritti della persona e della tutela contro specifiche aggressioni. Sottolinea inoltre come la nostra società sia pluralista e aperta, e come le diversità costituiscano un valore da proteggere e preservare. Si dichiara sorpreso per l'intervento dell'onorevole Palomba, che solitamente si esprime in modo più pacato. Ricorda, in particolare, come il PD si sia occupato della questione con perseveranza, serietà e senza tentennamenti, per cercare le convergenze che consentissero di raggiungere un risultato concreto e, quindi, quantomeno l'introduzione di una circostanza aggravante. L'Italia del Valori, al contrario, negli ultimi mesi ha brillato per la sua assenza ed ora, addirittura, sembra volere impedire possibili punti di mediazione che consentano di ottenere un risultato utile. Rivolge quindi un invito a tutti i gruppi affinché si torni seriamente a discutere sul merito e con spirito pratico e collaborativo. Ricorda come la relatrice si sia battuta sin dall'inizio sia come diretta portatrice degli interessi da tutelare sia nella veste istituzionale di relatrice. Ricorda altresì l'importanza del riferimento fatto dal Ministro Carfagna alle disposizione europee.


Anna Paola CONCIA (PD), relatore, si dichiara soddisfatta per la riapertura del dibattito. Quanto all'intervento dell'onorevole Follegot, auspica che si possa evitare di fare propaganda, perché i temi della famiglia, delle adozioni e delle coppie di fatto sono completamente estranei all'oggetto dell'esame. In replica all'onorevole Palomba, spera che si possa evitare di fare propaganda sulle spalle degli omosessuali e transessuali. Precisa, inoltre, di avere aspettato per ben nove mesi un intervento dell'Italia dei Valori e degli altri gruppi. E questo proprio perché è convinta che non sono solo gli omosessuali e transessuali a dover portare avanti questa battaglia, ma che sia necessario il contributo di tutti, a partire dai colleghi della Commissione. Sottolinea, inoltre, che sulla questione della quale si tratta non è il caso di lanciare sfide, ma di unirsi per garantire la tutela dei diritti di uomini e donne che vivono una vita difficile. Né è quindi il caso di aprire una sfida tra PD e IdV sulla tutela dei diritti umani, auspicando peraltro che nessuno abbia una simile intenzione. Ricorda, infine, all'onorevole Palomba di essere stata la prima a presentare una proposta di legge volta ad estendere la disciplina della «Legge Mancino», ma che tale soluzione si è rivelata non politicamente praticabile. Occorre quindi lavorare insieme per l'approvazione di una legge condivisa e di alto profilo, che possa contrastare adeguatamente il fenomeno in questione.

Giulia BONGIORNO, presidente, rinvia il seguito dell'esame ad altra seduta, per consentire la riunione del Comitato ristretto convocato per la giornata odierna su un provvedimento di prossima calendarizzazione in Assemblea.

La seduta termina alle 14.45.

Martedì 21 settembre 2010.








La Redazione

Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.
Commenti
ora anche basta!!! 2010-09-22 17:36:20

L'importante e' che si faccia non chi la propone!!!

 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j