Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
Anna R.G. Rivelli 28 Novembre 2010
BASILICATA. UN PENTITO RIVELA: EX CONSIGLIERE IDV AVREBBE ASSUNTO UN PREGIUDICATO LEGATO AL CLAN MAFIOSO LOCALE IN CAMBIO DI VOTI.
SI TRATTA DI ROBERTO GALANTE, ELETTO CONSIGLIERE COMUNALE A POTENZA CON L'IDV NEL 2009 E USCITO PERCHE' RIMASTO SENZA LA PROMESSA POLTRONA DI PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. UN PENTITO LO ACCUSA DI AVER FATTO ASSUMERE IN UNA STRUTTURA DOVE LAVORA UN PREGIUDICATO VICINO AI CLAN MAFIOSI LOCALI IN CAMBIO DI UN SOSTEGNO ELETTORALE ALLE REGIONALI DEL 2005, QUANDO GALANTE MILITAVA NELL'UDEUR.
A Don Felice Belisario, che fece di tutto per ingaggiare Galante, stavolta è andata bene. Immaginate che cosa sarebbe successo se il giovane rampollo ex mastelliano fosse rimasto nell'Idv. Perchè, occorre sottolinearlo, Galante se ne è andato, non è stato certo espulso. Nell'Idv, come è noto, si preferisce espellere i dissidenti anzichè quelli che portano voti non proprio profumati. Episodi come questo di Galante (che comunque non è indagato) sono inevitabili quando si è scelto di far crescere un partito a suon di pacchetti di voti e tessere e quando i vertici teorizzano che non bisogna fare l'analisi del sangue a chi vuole iscriversi.

Dopo Rosa Mastrosimone, un'altro ex mastelliano approdato all'Idv lucano (e poi uscito) sta interessando la magistratura potentina. Si tratta di Roberto Galante (foto) contro il cui ingresso in Idv ed alla cui candidatura in consiglio comunale nel 2009, si era levato alto il grido dei dissidenti. Un collaboratore di giustizia lo ha tirato in ballo in una vicenda dai contorni inquietanti. Antonio Cossidente, autodefinitosi “promotore di un clan mafioso”e che sta testimoniando sulla “calciopoli” del Potenza addebitando responsabilità di non poco conto anche ad altri politici lucani, ha accusato Galante di aver “fatto da tramite per far sì che una persona … un pregiudicato” a lui vicino ottenesse un lavoro nella struttura in cui lo stesso Galante lavora; in cambio, dice ancora Cossidente, Galante “fu aiutato” nelle elezioni regionali del 2005. Naturalmente Galante, che non risulta indagato dalla Procura di Potenza, si dichiara estraneo ai fatti ed afferma di non aver “mai avuto rapporti con questa persona”. 

Approdato nell’Italia dei Valori di Basilicata solo qualche mese prima delle amministrative del 2009, Galante vantava un sostanzioso pacchetto di voti che subito aveva ingolosito Belisario. Il capogruppo dei senatori Idv, proprio per questo, lo aveva accolto trionfalmente e gli aveva permesso da subito di fare patti ed avanzare pretese, fino a candidarlo per le comunali facendo impegnare l’allora assessore regionale Antonio Autilio, candidato sindaco del partito, a dimettersi ad elezioni avvenute per lasciare il posto al suo nuovo pupillo. Galante giurava che avrebbe portato almeno un migliaio di voti dei quali, assicurava, poteva disporre con certezza. Tuttavia sull'esponente mastelliano Belisario era stato messo in guardia. Potenza è una piccola città, certe voci girano e notizie di stampa che parlavano di indagini in corso su questioni riguardanti il Don Uva (la struttura sanitaria in cui lavora Galante) ed alcuni suoi dipendenti, si erano da tempo diffuse. Era proprio necessario – si chiedevano gli allora dissidenti Idv - candidare un esponente politico di un altro partito sul quale per di più si addensava già qualche ombra? Ma Belisario, sordo ad ogni avvertimento, esibì Galante come fiore all’occhiello, non si domandò mai da dove gli provenisse l’assoluta certezza del suo “pacchetto” di voti, gli consentì di "boicottare" tutti gli altri candidati, mortificò Autilio facendolo dimettere e arrivò al punto di "paralizzare" i lavori del Consiglio Comunale di Potenza con l'assurda pretesa di far sedere sullo scranno di Presidente il suo pupillo. Come è noto, Galante non è riuscito a diventare Presidente del Consiglio Comunale per via dell'aperta opposizione degli altri consiglieri, sia di centrosinistra che di centrodestra, e così, ritenendo di non essere stato sufficientemente "sponsorizzato" dal partito, ha lasciato l’IdV per ritornare con i suoi vecchi compagni mastelliani. Oggi, comunque, grazie al trampolino di lancio del capo dei senatori dipietristi e del partito della legalità, Roberto Galante, accusato da un boss della mafia, è annoverato tra i rappresentanti dei cittadini del capoluogo lucano. A questo punto si spera che la magistratura verifichi rapidamente l'affidabilità delle rivelazioni di Cossidente, appurando se Galante ha effettivamente ricevuto l'appoggio sia alle regionali del 2005 che alle comunali del 2009, quando è stato candidato con l'Idv. Se così dovesse risultare, sarebbe il caso che Felice Belisario sentisse un certo peso sulla sua coscienza. 

Intanto finita la fase congressuale e incassati i risultati preconfezionati, figli ovviamente di mozioni uniche e di scelte fatte alle spalle degli iscritti al partito, l’IdV della Basilicata sonnecchia limitandosi a sprecare di tanto in tanto qualche comunicato stampa per fingersi attento a questo o quel problema regionale e/o nazionale. Tace, invece, sulle questioni interne e non dà risposte, ad esempio, sulle dimissioni che l’assessore Mastrosimone, acclamata anche coordinatrice regionale, dovrebbe rassegnare per tener fede a quel codice etico che fa bella mostra di sé sul sito del partito e nei discorsi del Presidente Di Pietro e di tutti i suoi colonnelli. Rosa Mastrosimone, lo ricordiamo, è stata rinviata a giudizio per abuso d’ufficio, ma il partito ha ignorato la cosa e ha chiuso occhi ed orecchie anche di fronte alla richiesta esplicita di dimissioni (http://www.sassilive.it/index.php?option=com_content&view=article&id=9151:se-lassessore-mastrosimone-e-stata-rinviata-a-giudizio-per-abuso-dufficio-matera-cambia-chiede-le-sue-dimissioni&catid=20:politica&Itemid=241) sollecitata da quanti proprio sull’ingresso e sulla candidatura della Mastrosimone in Italia dei Valori avevano incentrato un’azione di dissenso fino ad abbandonare il partito. Eppure una risposta qualcuno dovrebbe darla, se non Di Pietro, almeno Belisario da tempo impegnato in Basilicata  a riciclare quanti si vedono rifiutare la candidatura nei loro partiti di provenienza, pur potendo vantare un cospicuo pacchetto di tessere. Insomma, se la ex mastelliana Mastrosimone oggi gestisce con scarso successo uno degli assessorati più importanti della Regione Basilicata (quello alla Cultura e alla Formazione) il “merito” è tutto di Belisario che, avido dei suoi voti, non solo le ha aperto le porte del partito non tenendo in conto nemmeno il parere contrario (sommessamente) espresso dall’allora segretario Radice, ma ha anche caldeggiato la sua candidatura nonché la sua nomina ad assessore nel momento in cui il risultato elettorale le era stato nettamente sfavorevole. Vale a dire che se oggi in Basilicata c’è nelle istituzioni un inquisito in più, lo si deve all’alacre attività del partito più giustizialista d’Italia, quello che parla alla pancia del popolo proponendo la questione morale in tutte le salse.  

Anna R.G. Rivelli

Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.
Commenti
angela six 2012-01-13 23:16:53

al don uva la maggior parte sono raccomandati qst cosa mi stupisce poco, meglio nn dire altro

marco 2010-12-04 08:33:08

Non mi stupisco più di niente in IDV può succedere di tutto !!!!! che pena!

news 2010-11-30 20:00:22

indagini per ASSOCIAZIONE A DELINQUERE coinvolgono un deputato molisano esponente idv . è su tutti i giornali molisani. questo è davvero troppo

Mirco Marchetti 2010-11-30 14:12:01

Io credo che una rivoluzione si possa fare ma, ripeto, usando la più potente arma di disarmo del potere che la tecnica ci ha offerto e mi riferisco a Internet. Se infatti è vero che l'indefinibile potere si volge verso l'occupazione di spazi, è pur vero che internet o la rete ci costringono ad una nuova ridefinizione degli spazi stessi.

Allora, se ritengo che occorre mutare in primis i meccanismi che ci indirizzano verso la ricerca dei certi consensi piuttosto che altri, credo che la rete ed internet possano supportarci in questa impresa. Forse i vecchi modelli di riferimento culturali potrebbero essere superati, ma pure le armi con cui operavamo certi cambiamenti sono superate. La tecnica ci offre qualcosa di ben più temibile e lo stesso caso "WikiLeaks" mi pare stia li dimosrarlo.

L'IDV afferma di essere il partito della rete, ma la rete non può essere usata solo quale mezzo di autocelebrazioni personali, ma soprattutto come mezzo di cambiamento. Però, se tutto cambia, se la scoperta dell'atomo, della macchina a vapore, l'invenzione dell'aereo...se tutte queste scoperte hanno prodotto profondi cambiamenti in tutti i comparti umani ad iniziare dai rapporti individuali, l'unica cosa immutata da Cavour, Giolitti ai tempi nostri è proprio la politica che da Monarchia è passata ad oligarchia.

Fiorenza Volturo 2010-11-30 13:16:19

Superfluo, forse, elogiare la tua lucidità di analisi, cara Anna. Chissà che una WikiLeaks italiana tutta concentrata sui rapporti tra politici, destrosi come sinistresi, non possa inoculare il germe della Rivoluzione così come intesa dal Maestro Monicelli. Possiamo immaginare il risveglio di "...Un popolo sottoposto ...schiavo di tutti"? Io dico che tutto sommato sì, possiamo spazzare via una classe politica di cialtroni, intrallazzatori e corrotti!!!

Mirco Marchetti Alias Armando 2010-11-30 01:32:41

Il gerundio. Da l'idea di qualcosa che si va facendo. Sicuramente, il meccanismo premia il pacchetto di voti. Che cos'é un pacchetto di voti? Ha a che fare col consenso?

Disarmando 2010-11-29 17:33:08

Quindi è il pacchetto di voti che conta, non il candidato. Che ingenuo che sono!!!

Mirco Marchetti 2010-11-29 15:25:08

La fine della storia. La morte della democrazia. La fine della funzione dei partiti.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/11/28/appalti-in-famiglialite-democratica/79223/

Se rubiamo i voti, rubiamo pure i metodi?

gioschi 2010-11-28 23:23:26

un partito (ed una gestione) sempre più inquietante...d'altronde, visti i modi da predicatori del bene e razzolatori del peggio, non ci si può aspettare altro...

Claudia Frau 2010-11-28 23:12:24

Ma Belisario non era morto di vecchiaia????
E' mai possibile che ci siano ancora in Parlamento persone che erano già lì (o in altre istituzioni pubbliche) 20 anni prima di quando sono nata????

astronik 2010-11-28 22:44:05

Così è se vi pare. Questo il livello della politica lucana......

Giuseppe Ciliberto 2010-11-28 22:37:35

Sempre bellissimi gli articoli scritti dalla arci nota Anna R.G. Rivelli, scrittrice, giornalista e poeta di gran successo che, con gran lucidità e maestria ha saputo raccogliere e rendere al massimo la godibilità di lettura del suo articolo con notizie assolutamente reali e controllate.

 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j