Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
Elio Veltri 10 Febbraio 2011
DIECI DOMANDE AL MINISTRO MARONI SULLA LOTTA ALLA MAFIA.

 

Perchè 10 domande al Ministro Maroni

 

Ritengo il ministro dell’interno migliore del governo che rappresenta. Inoltre ha una buona esperienza che data dal 1994. La lettera cordiale che pubblico riguarda un momento particolare della mia esperienza politica e cioè la candidatura, per mia scelta, alla Camera dei deputati nelle liste dei progressisti e nel collegio di Paola sul Tirreno Cosentino. L’esperienza non fu facile perchè in alcuni paesi molti dei  partecipanti ai miei comizi erano mafiosi e mi minacciavano, qualche volta sono stato scortato dai carabinieri e il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza per un anno ha disposto la vigilanza alla mia casa in occasione degli impegni in Calabria. Non ho chiesto scorte e ho rassicurato i miei familiari e i miei amici senza allarmi.

Scrivo a Maroni perchè ravviso gravi carenze nelle iniziative del governo e del ministro dell’interno, il quale concentra la sua attenzione sugli arresti, peraltro decisi dalla magistratura, tanto vituperata da questo governo, ed eseguiti dalle forze dell’ordine. I rischi di una sorta di apologia degli arresti sono gravi e di due tipi. Da una parte si trasforma la lotta alle mafie in un fatto di ordine pubblico e dall’altro si fa passare il messaggio di una prossima sconfitta delle mafie attraverso gli arresti. Sia ben chiaro gli arresti sono importanti e necessari così come l’isolamento dei mafiosi previsto dal 41 bis. Ma non sono sufficienti per due ragioni: i mafiosi di rango mettono in conto di passare una parte della loro vita in galera da dove continuano a comandare ma difendono con i denti e con i mitra i beni accumulati e i soldi perchè devono lasciarli agli eredi, che studiano, frequentano università prestigiose e magari esercitano anche la professione. Di mattina in tribunale o in sala operatoria e il pomeriggio a trattare tonnellate di cocaina.

I beni e i soldi, i rapporti sociali e politici che crescono proporzionalmente alle ricchezze accumulate, sono il cuore vero della mafia che al cuore va colpita.

 Inoltre, nella lotta alla mafia manca una strategia economica tanto più necessaria in tempi di crisi e di casse vuote dello Stato. Mancava prima con i governi dc, socialisti, di centro sinistra e manca ora.

La confisca di una parte consistente dei beni, l’uso sociale e la vendita degli stessi, richiede un piano di entrate nelle casse dello Stato e di utilizzo dei soldi a cominciare dall’auto finanziamento delle strutture giudiziarie, delle forze dell’ordine e dell’Agenzia per la confisca dei beni. Io sono stato in America con una delegazione della commissione antimafia dove abbiamo incontrato i dirigenti dell’agenzia Marshall che si occupa di testimoni, pentiti e confisca dei beni.

I dirigenti ci hanno detto che confiscano e vendono beni delle mafie ogni giorno, hanno spiegato le modalità di vendita a seconda delle caratteristiche dei beni e l’uso che fanno del denaro. I tempi di confisca vanno da 2 a 8 anni e i soldi incassati servono anche per il funzionamento delle agenzie FBI, DEA e Marshall e per gli incentivi al personale.

Non si capisce perchè, nonostante la crisi finanziaria e la scarsità dei mezzi, il governo non faccia un piano a medio termine con l’obiettivo di moltiplicare le confische, di utilizzare i beni e  le entrate nelle casse dello stato. Un piano che passi al vaglio del Parlamento insieme ai documenti di bilancio. Solo così la lotta alla mafia può essere percepita come utile al paese, al di fuori di ogni retorica e di ogni strumentalizzazione di parte.


 

                                                   Lotta alla mafia

 

Lo strabismo del governo - I silenzi delle opposizioni - Le omissioni dell’informazione

 

 

                Dieci domande al Ministro Maroni

 

1)    Il governo vanta grandi successi nella lotta alle mafie e a conferma  televisioni e giornali informano i cittadini sugli arresti quotidiani. Gli arresti sono necessari. Ma lei pensa davvero che sono sufficienti per sconfiggere le mafie?

2)    Ogni anno per traffico di droga vengono arrestate 40-50 mila persone e sequetrate tonnellate di stupefacenti. Ma  le mafie sono più potenti di prima. Non pensa che amplificando le informazioni riguardanti solo gli  arresti passa un messaggio fuorviante e sbagliato?

3)    E’ d’accordo che per sconfiggere le mafie è necessario colpirle al cuore e che il cuore delle mafie sono: azioni e altri titoli, soldi e beni, rapporti sociali e politici?

4)    A noi risulta che i beni mobili e immobili delle mafie italiane vengono valutati oltre 1000 miliardi di euro. Se confiscati, utilizzati bene e venduti, potrebbero risolvere il problema del debito pubblico. Lei può confermare? Il governo ha fatto fare una valutazione? E’ in grado di dire agli italiani come sono distribuiti e possiede una stima attendibile della ricchezza delle mafie per settori quali beni immobili, titoli e soldi liquidi, partecipazioni nell’economia legale?

5)    Il Procuratore Grasso scrive che i beni sequestrati equivalgono al 10 per cento e che i beni confiscati costituiscono il 5 per cento dei beni totali delle mafie italiane. Può spiegare agli italiani perchè i beni mafiosi non vengono confiscati se non in minima parte?

6)    A noi risulta che del 5 per cento dei beni confiscati il 70 per cento non è utilizzato e che nonostante il  governo ne abbia deciso anche la vendita, da noi condivisa, non vengono venduti. Può spiegare perchè i pochi beni confiscati non vengono nè utilizzati nè venduti? Può dire a che punto è l’Agenzia per la confisca dei beni e come funziona?

7)    Una delle cause è costituita dai tempi lunghissimi( anche 10-12 anni) che passano tra il sequestro e la confisca. Può dire agli italiani se il governo ha intenzione di ridurre i tempi e se si pone l’obiettivo di procedere ad una confisca più rapida ed efficace dei beni mobili e immobili e quale uso intende farne?

8)    I soldi e i titoli sono nascosti nei paradisi fiscali. Può dire se il governo ha in programma di intervenire direttamente e anche con una iniziativa forte nell’Unione Europea proponendo misure drastiche quali forme di embargo finanziario e divieto di aprire sedi di società e di banche italiane al fine di ottenere la collaborazione dei governi dei paradisi fiscali?

9)    Il reato di riciclaggio è fondamentale per ripulire i soldi sporchi. In italia i processi per riciclaggio sono pochissimi perchè la legge non funziona e va modificata. Il governo intende  introdurre  il reato di autoriciclaggio e ridurre ulteriormente l’uso di denaro contante?

10) La direzione distrettuale antimafia di Milano diretta da Ilda Bocassini, con la collaborazione dei magistrati di Reggio Calabria, ha condotto una grande inchiesta sulla ndrangheta. In Lombardia sono state individuate 20 “ locali”dell’organizzazione criminale e i rispettivi capi. La presenza è particolarmente consistente a Pavia, Milano e nelle province del nord della Lombardia, dove la Lega ha una forte presenza elettorale e politica. Dall’inchiesta sono emersi rapporti politici e di affari. Come mai nessun Prefetto ha nominato una commissione di accesso per verificare se alcune amministrazioni comunali e provinciali andavano sciolte? Può confermare se questa è la linea del ministero dell’interno?










Elio Veltri

Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.
Commenti
IDVV-Saronno 2011-02-11 00:26:29

Più precisamente la lotta alla mafia é racchiusa nelle indagini della magistratura, la quale non mi consta che le comunichi al Ministero dell'Interno; essa nel segreto d'ufficio dispone degli agenti di polizia giudiziaria per eseguire arresti e accertamenti, il cui merito pertanto non si vede come possa andare al Ministero dell'Interno.

Solo per fare un esempio, al di la di chi ha poi sfruttato quel periodo per fare carriera politica, riuscite a immaginare cosa sarebbe accaduto di mani pulite se le indagini e gli arresti fossero dipesi dal Ministro dell'Interno?

 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j