Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
02 Marzo 2011
DALLE RINNOVABILI AI RIGASSIFICATORI. LE METAMORFOSI DEGLI PSEUDOAMBIENTALISTI DELL'IDV MARCHIGIANO.
ANCORA UNA VOLTA IL PARTITO DI DI PIETRO HA DATO VITA AD UNA COMMEDIA DELLE PARTI. NEL GIRO DI DUE SETTIMANE E' PASSATO DA UNA STRENUA DIFESA DEL PIANO ENERGETICO REGIONALE CHE ESCLUDEVA RIGASSIFICATORI E CENTRALI TURBOGAS AD UNA EVIDENTE APERTURA ALLE PROPOSTE CHE ARRIVANO DAL CENTRODESTRA E DALLO STESSO CENTROSINISTRA E CHE PREVEDONO PROPRIO RIGASSIFIVATORI E CENTRALI TURBOGAS.
Bisogna riconoscere che l'atteggiamento trasformistico sul piano ambientale ed energetico è di tutto il centrosinistra e soprattutto trova la sua cassa di risonanza nel Pd che nelle Marche ha scelto di scaricare la sinistra e di convolare a nozze con l'Udc. E i risultati si vedono. Ma di certo tali derive neocentriste con relativa liquidazione di programmi approvati dagli elettori, non trovano nell'Idv un ostacolo, anzi i dipietristi, esattamente come il loro leader, si mostrano sempre molto attenti agli ipocriti richiami della realpolitik. Che senso ha dunque proporre a Napoli la "primavera" demagistrisiana e ad Ancona l'autunno casiniano? Ha senso un partito così? Sì, un senso ce l'ha, uno solo: nel direttivo marchigiano dell'Idv hanno deciso che le indennità e i vitalizi dei consiglieri regionali non si toccano, anzi se possibile vanno aumentati. In quel caso dubbi zero.
Nelle Marche infuria una bufera politica sul Piano energetico regionale. Il Pear, approvato nel 2005, secondo la maggioranza di centrosinistra presenta un deficit energetico del 50% e per rimediare, vista l'impossibilità di ricorrere in modo soddisfacente alle rinnovabili, occorre riaprire le porte a soluzioni finora escluse, ovvero rigassificatori e centrali turbogas. Questa almeno è la tesi del consigliere regionale dell'Api, Dino Latini, il quale ha proposto di installare due centrali turbogas in deroga ai limiti stabiliti dal Pear, una presso la raffineria Api (che non c'entra nulla con il partito di Rutelli) di Falconara Marittima e un'altra, pare a Corinaldo. 

Adriano Mei, leader di "Marche per rifiuti zero", cartello che raccoglie 20 comitati, contesta che nelle Marche ci sia deficit energetico: "se c'è", dice, "è solo elettrico ed è molto basso, 400 MW al massimo, e parliamo di prima della crisi". Dunque non c'è alcun bisogno di centrali turbogas dannosissime alla salute, nè di rigassificatori. Mei, che è stato candidato indipendente nell'Idv alle regionali, dapprima ostacolato e poi scaricato dal partito, ricorda che le Marche sono sotto multa da parte dell'Ue per sforamento delle Pm10 e che intende denunciare alla Corte dei conti la Regione per danno erariale. Secondo Mei, il Pear è un documento virtuale, "non ci sono numeri e viene spostato di qua e di là a seconda delle necessità". Esattamente quello di cui ha bisogno questa classe politica.

Il giorno dopo la proposta del centrista marchigiano, era il 4 febbraio scorso, insorgeva l'Idv marchigiano: "siamo fortemente contrariati", dichiarano il coordinatore regionale Favia e i consiglieri Paola Giorgi e Paolo Eusebi. "Forse Latini non ha ben chiaro che la raffineria Api grava su un sito tra i più inquinati d'Italia e che quindi come tale dovrebbe essere soggetto a interventi di bonifica e non di ulteriore scempio". Inoltre, proseguivano i tre, far passare questi impianti come una spinta all'occupazione è "un meschino ricatto stile Marchionne per tenere in scacco non solo i lavoratori ma un'intera zona industriale e abitativa". Secondo l'Idv la via d'uscita è "investire in energie alternative reimpiegando così le persone minacciate di essere cacciate" e l'Api (nel senso della raffineria) "puo e deve investire in nuove forme di energia rispettando il Pear". E concludevano: "bisogna operare in linea con i parametri", e se Latini non ci sta "esca dalla maggioranza e vada con il centrodestra". 

Stupendo no? Una lezioni di green economy talmente ortodossa che neanche Legambiente. Le critiche a Latini poi sembravano particolarmente azzeccate. Non solo perchè le sue proposte sono subito piaciute al Pdl che le ha adottate, ma perchè, da vero politicante nostrano, il seguace di Rutelli con una mano è ricorso al Tar contro il rigassificatore che la Edison vuole installare a Portorecanati, suo collegio elettorale, con l'altra ha dato il via libera al rigassificatore di Falconara Marittima. Lo stesso centrosinistra marchigiano d'altra parte recita spesso due parti nella stessa commedia: quando va dagli artigiani e dagli autotrasportatori promette posti di lavoro e investimenti tradizionali, senza troppe tenerezze verso gli ambientalisti, poi quando incontra questi ultimi e i comitati cittadini, promette allo stesso modo investimenti in difesa dell'ambiente e contro l'inquinamento. In quanto a linea politica insomma il centrosinistra marchigiano non si può dire ce n'abbia una ben definita, soprattutto da quando ha imbarcato l'Udc. 

Ci pensa l'Idv a tenere la rotta, direte voi, guidato com'è da un Favia che ha definitivamente abraso dalla sua matricola politica le tracce della lunga militanza nel centrodestra e che sembra ormai guadagnato alla causa dell'ambientalismo più radicale. Purtroppo passa qualche giorno e il coriaceo Idv si scioglie come neve al sole. L'assessore regionale all'ambiente dell'Idv, Sandro Donati, navigato politico ascolano ex Ds e Pd, rompe gli indugi e dichiara in un'intervista che "il Pear è fallito e va rivisto, produce il 50% di energia in meno", il fotovoltaico va bene, aggiunge Donati, ma l'eolico per i troppi paletti delle sovrintendenze no, e le biomasse anche se non inquinano non le vuole nessuno. Dunque, spiega l'assessore dipietrista, serve più energia ma non abbiamo ancora deciso come ottenerla, "stiamo ragionando", ha detto. 

La cosa sconcertante è che Donati nell'intervista ha rivelato che già qualche anno fa i tecnici della Regione Marche avevano individuato il deficit del 50% sul medio periodo e che occorreva aumentare la potenza installata. Questo vuol dire che in campagna elettorale i dirigenti del centrosinistra sapevano benissimo che il Pear era da rivedere e che hanno taciuto questa realtà agli elettori, forse per paura di rafforzare la sinistra ambientalista e veder naufragare coì le nozze del Pd con l'Udc.Oppure, altra ipotesi, se hanno taciuto è perchè nessuno ha dato importanza a questa avvertenza sapendo che il Pear è solo uno strumento virtuale. Sta di fatto che a questo punto per uscire dall'impasse energetico il centrosinistra adotterà la soluzione del rutelliano Latini e del berlusconiano Massi, ovvero due belle centrali turbogas da 600 MW e passa la paura. 

Dopo le sparate anti Latini del 3 febbraio l'Idv è diventato di colpo amletico e l'ambientalismo grintoso di Favia si è volatilizzato. Nel direttivo regionale dell'Idv del 26 febbraio scorso, il coordinatore regionale ha ripetuto, "ma se la produzione regionale di energia non basta che facciamo?" Su una cosa però l'Idv mostra di avere le idee chiarissime, i vitalizi e gli stipendi dei consiglieri regionali non si toccano, anzi, se si potesse andrebbero incrementati perchè fare politica costa e chi la fa deve essere pagato bene. Una proposta avanzata nel direttivo per tosare almeno i vitalizi dei consiglieri regionali (come avvenuto in altre regioni di centrosinistra, vedi Liguria e Toscana) è stata avanzata da Celani, Maggini Rossi e Curzi, ma è stata sconfitta 9-4. Prosit Idv.    










Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.
Commenti
paola angioletti 2011-03-04 18:27:19

http://www.youtube.com/watch?v=Q_DQhgyvHo0&feature=related

Varese Dei Veri Valori 2011-03-03 14:09:23

Qualcuno si aspettava qualche cosa di diverso?

Mi chiedo come quei pochi iscritti rimasti non abbiano ancora caoito?

marco rossi 2011-03-02 18:05:10

I soliti idv marchigiani, si proclamano ambientalisti quando servono i voti, vanno alla ricerca di ammnistratori delle liste civiche e di altri partiti per ingrossare le fila, ma appena raggiungono la poltrona........cambiano idea e non sono capaci di coerenza.
I vitalizi e gli indennizzi invece sono sacri anche perchè collegati alle poltrone...che schifo
La parola torni ai cittadini, informatevi e andate a votare in tutte le occasioni e ricordate l'incoerenza di chi si racconta in un modo e invece è l'opposto.

 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j