Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
Elio Veltri 02 Aprile 2011
IL PROCESSO BREVE, LA PRESCRIZIONE E LA PAGELLA DELL'ITALIA SULLA CORRUZIONE.

Mercoledì 31marzo abbiamo assistito a un’altra indegna sceneggiata nell’aula della Camera dei deputati in occasione della richiesta della maggioranza di governo di inversione dell’ordine del giorno per discutere e approvare la legge sul processo breve. Francamente gli ignari cittadini che si dividono in due fazioni e fanno il tifo o a favore di Berlusconi o contro Berlusconi non devono averci capito molto. O forse hanno solo capito che il governo e la sua maggioranza vogliono il processo breve perchè così ci chiede l’Europa e che le opposizioni si oppongono perchè la legge proposta favorisce ancora una volta il capo del governo impedendo al processo Mills, in corso a Milano, di arrivare a sentenza, sia pure di solo primo grado, perchè poi il reato si prescrive e il processo si cancella.

Provare a ragionare, sia pure con l’unico obiettivo di informare i cittadini italiani su come stanno le cose e quali sono le conseguenze dell’approvazione della legge? Nemmeno per sogno. Ormai la giustizia è il recinto dello scontro dei tifosi e così deve rimanere.

Proviamoci noi. E’ vero che l’Europa continua a condannare l’Italia perchè i tempi dei processi sono lunghissimi e i processi sono condannati il più delle volte alla prescrizione. Cioè vengono cancellati. Per cui basta avere ottimi avvocati che conoscono bene tutti i cavilli e le procedure e il gioco è fatto. E chi può permettersi ottimi avvocati se non i ricchi?

Ma è anche vero che l’Europa mentre ci chiede di accorciare i tempi dei processi ci sollecita a non accorciare i tempi di precrizione per due ragioni: negli altri paesi la prescrizione dei reati non c’è e se si riducono i tempi si cancellano migliaia di processi, a cominciare da quelli del capo del governo. Per esempio, la legge Cirielli( dal nome del suo proponente) ha sottratto allo stesso processo Mills cinque anni di tempo utili per celebrarlo e per questa ragione è ora in vista della prescrizione.

A proposito della prescrizione le cose sono andate cosi: Il Greco( Gruppo degli Stati contro la corruzione), al quale aderiscono 41 Stati, compresi gli USA, e al quale l’Italia ha aderito solo nel 2007, compila la pagella sulla giustizia di ciascun paese aderente. La pagella del 2009 conteneva 22 raccomandazioni all’Italia, delle quali 4(54,55,56,57) riguardanti la prescrizione. Il Greco diceva chiaramente che l’Italia doveva evitare di far morire i processi per intervenuta prescrizione. Ma il Greco chiedeva anche al nostro paese una risposta sull’argomento entro il 31 gennaio 2011 e come sempre il nostro paese se n’è fregato e non ha risposto.

Insomma, non rispondiamo nemmeno alle richieste perentorie degli organismi europei su questioni fondamentali e poi pretendiamo che l’Europa ci aiuti quando arrivano i tunisini o i libici.

Quindi, le opposizioni:

1)    dovrebbero sostenere la riduzione drastica dei tempi dei processi;

2)     dovrebbero proporre soluzioni concrete per raggiungere l’obiettivo, ma non hanno il coraggio di farlo perchè passano attraverso la riforma radicale delle impugnazioni, e quindi del processo di appello, l’interruzione dei termini di prescrizione almeno dopo la condanna di primo grado, l’eliminazione delle attenuanti generiche per i reati gravi;

3)    Dovrebbero opporsi, come l’Europa ci chiede, alla riduzione dei tempi di prescrizione dei reati, spiegandolo agli italiani.

Insomma, si al processo breve, o meglio al processo in tempi civili, ma non alla cancellazione del processo.

Elio Veltri

Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.

 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j