Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
Elio Veltri 04 Aprile 2011
MAGISTRATI O FUNZIONARI? LA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA (DELLA MAGISTRATURA) DI BERLUSCONI.

Berlusconi ha ragione quando afferma che la riforma della giustizia, o meglio, della magistratura è “ epocale”, anche se non del tutto originale. Epocale lo è perchè modifica profondamente tutti gli articoli della Costituzione promulgata nel 1947 ed entrata in vigore nel 1948. Anche se “epocale”, non è del tutto originale perchè la bozza della Commisione Bicamerale presieduta da D’Alema, predisposta da Boato e fatta saltare con tutto il banco da Berlusconi, l’aveva largamente anticipata, se non nelle virgole, nella impostazione.

 

Prima di entrare nel merito degli articoli più significativi è opportuno fornire una valutazione generale della riforma dell’attuale governo per capire alcune questioni fondamentali:

Anche se il titolo IV non è più Magistratura ma Giustizia, in realtà, la proposta del governo, della Giustizia non si occupa affatto. La Giustizia, infatti, è il servizio che lo Stato fornisce ai cittadini e oggi quel servizio non funziona ma non certo per le ragioni che hanno indotto il governo a presentare la riforma. Non funziona e non perchè, come prevede la Costituzione, le carriere dei magistrati non sono separate; i giudici rispondono solo alla legge; c’è un solo Consiglio Superiore della magistratura; il ministro della giustizia ha meno poteri di quanti gliene dà la riforma Berlusconi-Alfano; i magistrati sono inamovibili.

 

La Giustizia non funziona, nonostante il dettato costituzionale, perchè i tempi dei processi penali, civili, amministrativi e tributari sono troppo lunghi e incidono negativamente sulla vita delle persone, delle famiglie e del paese; sugli affari e sul fisco. Eppure la riforma proposta non modifica di una virgola i tempi dei processi. Inoltre, la Giustizia non funziona perchè la pena può essere certa per i deboli e i poveri, ma mai per i potenti, i prepotenti e i ricchi a causa della lunghezza dei processi studiata apposta per arrivare alla prescrizione dei reati e alla concessione delle attenuanti generiche che non si negano a nessuno che abbia buoni avvocati; a causa delle impugnazioni senza limiti per cui tutti ricorrono sapendo che un processo non arriverà mai a sentenza definitiva.

 

La riforma del governo invece si occupa della Magistratura e con un obiettivo preciso e inequivocabile: separare i giudici dai magistrati inquirenti (i temuti pubblici ministeri), togliere a questi ultimi la copertura e la difesa costituzionale, trasformandoli da magistrati in funzionari dello Stato. Quindi, cancellando uno dei poteri dello Stato. Leggendo bene gli articoli il declassamento è chiarissimo: I CSM diventano due, la parola magistratura viene cancellata dal testo costituzionale per cui i magistrati dell’accusa somigliano sempre più a superpoliziotti che a magistrati. Sono meno indipendenti perchè non rispondono più solo alla legge costituzionale, ma anche alla legge ordinaria che regola il funzionamento dell’ordinamento giudiziario e prevede una precisa gerarchia dell’ufficio del pubblico ministero. Per cui a pensar male.....come dice Andreotti, è più facile controllare un centinaio di capi delle procure che alcune migliaia di pubblici ministeri.

 

Nei due Consigli superiori della magistratura previsti dalla riforma si modificano anche le rappresentanze perchè i cosiddetti laici, di nomina politica, saranno la metà e non un terzo come prevede oggi la legge. Inoltre, il Consiglio Superiore della Magistratura diventa un organo burocratico e amministrativo che non può più esprimere pareri sulle leggi, fornire indirizzi e approvare delibere “a tutela” dei magistrati che vengono attaccati o minacciati. E tutto questo mentre i poteri del Ministro della giustizia aumentano perchè assume anche quello di ispezione e riferisce alle Camere sull’andamento della giustizia che tradotto significa che sarà il Parlamento a decidere anno per anno quali reati la magistratura deve perseguire per primi. Ad esempio, gli scippi e le rapine prima dei reati di mafia, finanziari e contro la pubblica amministrazione, come corruzione e concussione. Capire perchè e facile: i primi sono reati di strada che vengono commessi da poveracci e da delinquenti senza protezioni sociali e politiche, i secondi dalla Casta (politica, finaziaria e amministrativa).

 

Un’altra chicca riguarda la polizia giudiziaria che non rispondendo più “ direttamente” al pubblico ministero potrà iniziare le indagini da sola e a sua discrezione. A questo punto sarebbe interessante chiedere quanti italiani sono contenti di avere una polizia giudiziaria sottratta al controllo dei magistrati. Infine, e non certo per importanza, i magistrati dell’accusa non sono più inamovibili per cui sicuramente, rischiando trasferimenti e responsabilità personali gravi con esborsi di migliaia di euro, tranne pochi, prima di inimicarsi il potente di turno ci penseranno due volte. L’unico punto della riforma condivisibile è l’istituzione della Corte disciplinare, autonoma dal CSM, perchè è giusto che sia un organismo esterno terzo a valutare comportamenti sbagliati e illeciti e comminare eventuali sanzioni. A meno che non sia presieduta, come prevedeva la proposta della Bicamerale, da un Procuratore generale nominato dal Senato e cioè dalla politica, perchè in questo caso  la toppa sarebbe peggiore del buco. Ma una scelta come quella della Corte disciplinare per essere credibile dovrebbe essere subito accompagnata dalla decisione di trasferire ad altra autorità i poteri che oggi sono delle Giunte della Camera e del Senato per le elezioni e per le autorizzazioni a procedere nelle quali i parlamentari decidono le loro incompatibilità, ineleggibilità e, soprattutto, se devono andare in galera o no.

 

Nel 1962 Giuseppe Maranini, il più grande studioso liberale delle Istituzioni italiane, maestro di tantissimi e notissimi costituzionalisti e politologi (Urbani, Panebianco, Sartori ecc), autore della bellissima “ Storia del potere in Italia” che consiglio di leggere come un romanzo, convocava un convegno internazionale a Firenze nella facoltà di Scienze Politiche dove insegnava. A quel convegno hanno partecipato molti scienziati della politica, delle istituzioni e magistrati  provenienti da altri paesi. Maranini nella pubblicazione degli atti scrive:” Dove trovate giudici liberi - e cioè garantiti nella loro libertà - troverete sempre, se approfondirete la ricerca, un valido sistema pluralista”. E ancora: ”Le garanzie della libertà della giustizia si riassumono in modo integrale e assoluto, nelle garanzie della libertà del singolo giudice, libertà contro tutti: libertà contro se stesso, e cioè contro il pregiudizio e le passioni, libertà contro gli altri giudici, libertà contro il potere politico, libertà contro qualunque potere di fatto. Il giudice non può ricevere istruzioni, nè direttive, nè subire influenze: se no il giudice non è più lui, se no il giudice diventa lo schermo di un altro giudice lontano, occulto, irragiungibile, irresponsabile”. Quel Convegno non a caso porta questo titolo: Magistrati o Funzionari?

 

Berlusconi e Alfano che si dichiarano liberali dovrebbero riflettere e ascoltare la voce di un liberale DOC. Le opposizioni, a loro volta, dovrebbero abbandonare le polemiche sterili e gli insulti e proporre una Riforma alternativa della Giustizia, servizio essenziale per i cittadini e per la democrazia.

 

 

 

 

Elio Veltri

Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.

 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j