Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
04 Maggio 2011
DI PIETRO TAGLIA I FINANZIAMENTI ALLA CAMPAGNA ELETTORALE DI DE MAGISTRIS.
L'EURODEPUTATO NAPOLETANO, CANDIDATO A SINDACO, IN DIFFICOLTA' DOPO LA DECISIONE DEL LEADER DELL'IDV DI CHIUDERE I RUBINETTI DEI FINANZIAMENTI. DIETRO LA SCELTA IL LAVORO DI FORMISANO&MARRAZZO, GELOSI DEL PRESTIGIO DI DE MAGISTRIS, MA ANCHE LA PAURA DI DI PIETRO DI PERDERE I CONTATTI CON IL PD E IL TERZO POLO DURAMENTE ATTACCATI DALL'EX PM DI WHY NOT.
Era fatale che prima o poi a Napoli venissero a galla le ragioni della profonda incompatibilità tra un uomo come De Magistris, Di Pietro e il resto di un partito ridotto da tempo ad una formazione neo-mastelliana e ad un ricovero di riciclati democristiani e socialisti. A Napoli convivono guardandosi in cagnesco ciò che resta delle due anime dell'Idv, quella democristiana e "marpionesca" del duo Formisano&Marrazzo, e quella di sinistra e movimentista, scomparsa nel resto d'Italia e che nel capoluogo campano resiste grazie alla presenza dell'ex pm di Why Not. Non a caso il partito, che altrove sta evaporando, sotto il Vesuvio è dato nei sondaggi oltre il 14%.
Antonio Di Pietro sta cercando di strangolare nella culla la candidatura di Luigi De Magistris a sindaco di Napoli e ci prova con l'argomento da lui preferito: i soldi. Il leader dell'Idv con una serie di perentorie e-mail ha infatti annunciato che ha deciso di chiudere i rubinetti del finanziamento alla campagna elettorale dell'europarlamentare dell'Idv, la cui candidatura a primo cittadino, lo ricordiamo, ha fortemente voluto nonostante una iniziale, comunque tiepida, resistenza dello stesso De Magistris. 

Inoltre Di Pietro ha cominciato a frenare anche per quanto riguarda l'impostazione fortemente anti Pd che l'ex pm di Why Not ha impresso alla sua propaganda, imponendo un freno agli attacchi al candidato sindaco dei "democrat", Mario Morcone. Un'indicazione che tuttavia, De Magistris non ha alcuna intenzione di seguire, come ha confermato in un'intervista al quotidiano "Terra". Lo staff che lo assiste sta spingendo l'ex pm a chiamare Di Pietro per cercare di convincerlo a riaprire i cordoni della borsa, ma De Magistris, che ha commesso l'ingenuità di non prendere accordi precisi con il leader Idv all'inizio dell'avventura, sembra non abbia alcuna intenzione di andare a Canossa. Finora la sua campagna elettorale è costata tra i 350 e i 400 mila euro e da qui al 15 maggio dovrà arrangiarsi con cene elettorali a 250 euro a persona, come quella del 5 maggio e con il finanziamento dei tanti amici e sostenitori, vedi l'apertura in un conto corrente dove i suoi supporter possono versare denaro. De Magistris è in difficoltà poi, sui rappresentanti di lista ai seggi. E la loro eventuale assenza potrebbe costare cara all'ex pm. 

Insomma come al solito l'ondivago, oscillante e umorale Di Pietro, modifica atteggiamento politico strada facendo e soprattutto conferma ancora una volta il suo rapporto grifagno e luciferino con il denaro, il suo vero e unico "instrumentum regni" all'interno di un partito che, proprio per effetto del ferreo controllo delle finanze, ha ridotto ad una sua proprietà privata e ad un simulacro di democrazia. Dietro i tagli ai finanziamenti a De Magistris c'è naturalmente il lavoro ai fianchi contro l'eurodeputato che ha preso a svolgere il duo Formisano&Marrazzo, padrone del partito a Napoli, e che sta cercando di convincere Di Pietro, riuscendoci finora, che De Magistris gioca solo per sè stesso e non pensa minimamente a rafforzare il partito, che non cita mai l'Idv nei comizi e che, una volta fatto il pieno di voti, se ne andrà per conto suo. 

Il solito argomento che la destra del partito agita contro l'eurodeputato e che fa finta di ignorare come l'Idv nei sondaggi sia salito a Napoli, sfruttando la credibilità e l'immagine pulita di De Magistris, oltre il 14%. Lo scontro più recente tra De Magistris e "il Gatto e la Volpe", (Formisano&Marrazzo) è avvenuto sulle candidature delle municipalità dove, l'ex pm è riuscito a imporre un suo uomo solo in una su quattro (di quelle "assegnate" all'Idv) e dove il duo che controlla il partito ha piazzato suoi candidati nelle altre tre. Nella lista dell'Idv al Comune di Napoli inoltre c'è un solo uomo legato all'eurodeputato, Antonio Luongo, mentre anche la donna piazzata come capolista, la Vincenzi, indicata da Antonio Palagiano, è di fatto riconducibile a Formisano. L'uomo su cui però "il gatto e la volpe" puntano è soprattutto il fedele Elpidio Capasso, coordinatore provinciale e numero due in lista, il cui santino stanno provvedendo a diffondere alacremente i tanti galoppini allertati. 


 






Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.
Commenti
Claudio 2011-05-05 23:30:23

Pasquale: www.italiadeiverivalori.net

pasquale caroppo 2011-05-05 12:14:15

Ma cosa ci vuole a capire che è maturo il momento di lasciare questa compagine e fondare in Italia il Partito dei Veri Valori aggregando così quella massa di fuoriusciti,e sono tanti,che potrebbero attestrsi fra il 2 e il 3% per poi proseguire insieme un cammino democratico che ci porterà nel tempo a superare la stessa I.D.V. Diamoci uno scossone e attraverso il web incontriamoci e proponiamoci: questa è la politica,bisogna tirare fuori gli artigli e colpire duramente chi ci ha condannato.Se non si capisce ciò,all ora è meglio cambiar mestiere e darsi all'Ippica. Un saluto a tutti quelli che seguono:noi restiamo in attesa.

Tommaso 2011-05-04 22:53:55

NON DOBBIAMO DIMENTICARE CHE DE MAGISTRIS PER IL SIG. DI PIETRO E' UN AVVERSARIO E CHE IL PRIMO HA SEMPRE SCELTO DI NON CONTESTARE RADICALMENTE IL SECONDO, CAUSA PAURA DI NON ESSERE PIU' RICANDIDATO!

DE MAGISTRIS E' STATO ATTIRATO NELLA TELA DEL RAGNO SU INSISTENZE DI DI PIETRO, IL QUALE GLI HA FATTO CREDERE CHE EGLI AVREBBE RICEVUTO IL SUO MASSIMO APPOGGIO, OVVIAMENTE ANCHE FINANZIARIO.

DOPO DI CHE DI PIETRO HA LASCIATO IL COLLEGA NELLA CACCA, POICHE' E' SUO INTERESSE CHE DE MAGISTRIS NON FACCIA TROPPA STRADA E ANZI NON VINCA PER NIENTE LE ELEZIONI, POICHE' UNA VITTORIA DI QUESTI SIGNIFICHEREBBE UN INDEBOLIMENTO DELL'ATTURALE LEADER MENTRE IL CONTRARIO UN SUO RAFFORZAMENTO AVVERSO LA POTENZIALE FRONDA.

CHI HA ORECCHIE DA INTENDERE NON VOTI NE' L'UNO NE' L'ALTRO!

 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j