Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
Elio Veltri 08 Maggio 2011
I BENI DEL CLAN POLVERINO VALGONO UN MILIARDO? E CHI SE NE FREGA!

La notizia che i beni sequestrati al camorrista Giuseppe Polverino e al suo clan, valgono 1 miliardo di euro, 300  milioni più di quelli sequestrati a Matteo Messina Denaro, non ha impressionato più di tanto. Anzi, è passata come un fatto di routine perchè nessuno, a cominciare dai responsabili della politica, la prende sul serio. Che lo Stato possa incamerare in tempi brevi soldi e beni non ci crede nessuno. Ma proprio nessuno. Nemmeno in un momento in cui le casse dello Stato sono vuote. Anzi i più credono che si tratti di mera propaganda, e che di quei beni, fra pochi giorni, si perderà la memoria.


Vediamo prima di cosa si tratta e poi cerchiamo di capire perchè nonostante manchino i soldi per le cose essenziali, proprietà  di un valore così enorme vengono considerate virtuali e si pensa che, in ogni caso, non saranno mai incamerate dallo Stato. Al punto che nei documenti di bilancio dello Stato le confische dei beni mafiosi non sono mai state considerate nella voce entrate. Eppure negli anni spesso le voci di bilancio si sono dimostrate del tutto aleatorie e non hanno trovato riscontro nei consuntivi.


Giuseppe Polverino, che è riuscito a non farsi arrestare, mentre sono andati in galera 40 del suo clan e anche due candidati del centro destra al comune di Quarto, vive in Spagna dove ha costruito parte del suo impero tra Barcellona, Alicante e Malaga. In Italia ha i suoi uomini e i suoi prestanome che governano un impero fatto di tre Società di capitali che nel 2010 hanno dichiarato un fatturato di 18 milioni di euro e che sono “Panificio Vostro Fornaio” SpA,”Centro Commerciale Volto Santo” e “Società Mari- Carni” srl, tutte operanti a Marano.

Ad esse si aggiungono: 106 terreni, 175 appartamenti, 19 ville, 18 fabbricati di altro tipo, 141 tra box auto, negozi e magazzini, 43 società (capitali, cooperative, aziende agricole,supermercati, alberghi, ristoranti, bar, panifici, gioiellerie), 14 imprese individuali, 117 autovetture, 62 autocarri, 23 motocicli.


Un vero impero con un proprietario semisconosciuto, che vive in Spagna con la giovane moglie brasiliana e che quando i suoi uomini vanno a ossequiarlo li obbliga a giocare a carte e a perdere sempre. Il pane, la carne e gli altri prodotti alimentari del clan riforniscono quasi tutti i supermercati della provincia di Napoli e hanno il monopolio assoluto a Pianura, quartiere di Napoli, a Marano e a Quarto. Chi ha provato a fare concorrenza ai Polverino è stato sconfitto e ha dovuto ritirarsi in buonordine.


Ma perchè ricchezze così enormi di cui il paese ha bisogno e che farebbero davvero comodo se fossero confiscate rapidamente, assegnate ai comuni e alle associazioni e vendute in pubbliche aste, rimangono in larga parte inutilizzate e, il più delle volte, per lo Stato divengono un peso?


La risposta è semplice: nonostante i beni delle mafie italiane, come ho già scritto più volte vengono valutati  circa 1000 miliardi di euro, la collettività non ne beneficia più di tanto perchè:

1)  I governi dell’Italia repubblicana che si sono succeduti, non hanno mai fatto un piano economico e finanziario per incamerare soldi, titoli e beni e per utilizzarli al meglio. Anzi, è prevalsa la retorica dell’antimafia che ha distratto il paese dalle misure concrete.

2)    Le leggi vigenti non consentono di accelerare al massimo le confische che oggi si aggirano sul 5% del totale, anche se questo governo ha migliorato la legislazione;

3)    Confische rapide e certe richiedono magistrati e polizia giudiziaria molto competetenti e formati continuamemte,

4)    L’Agenzia per l’amministrazione e la confisca dei beni per funzionare al meglio necessita di personale adeguato e competente;

5)    Non bisogna avere paura di vendere beni mobili e immobili per il timore che la mafia se li possa ricomprare.

 

 






Elio Veltri

Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.

 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j