Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
Elio Veltri 08 Giugno 2011
TRE LEGGI DI INIZIATIVA POPOLARE PER DARE UN FUTURO AI GIOVANI, RIFORMARE LA POLITICA E STRONCARE LA CRIMINALITA' ECONOMICA.

Le leggi di iniziativa popolare anche quando presentate con più di 50 mila firme previste dalla Costituzione, non hanno mai avuto fortuna perchè il Parlamento non le ha mai discusse. Allora ci sarebbe da chiedersi perchè abbiamo deciso di presentarne tre nonostante le esperienze precedenti siano poco incoraggianti. Le ragioni sono fondamentalmente due: di politica e di tenuta democratica del paese. 

La prima riguarda il ruolo dei movimenti della società civile e quello dei partiti. Io sono convinto che se l’Opposizione civile, nome dell’associazione a suo tempo fondata insieme a Paolo Sylos Labini ed Enzo Marzo, non si incontra con la politica, il che non esclude dissensi e scontri sui contenuti, sul terreno delle riforme più urgenti, ne derivano solo effetti negativi. I movimenti pestano l’acqua nel mortaio e al massimo ottengono l’aumento delle astensioni elettorali e i partiti si chiudono sempre di più nei palazzi della politica e diventano sempre più “casta”, lontana dalle esigenze e dalle esperienze del popolo.

La seconda ragione si capisce leggendo i titoli delle tre leggi e dando uno sguardo al paese reale che il più delle volte il teatrino televisivo della politica rimuove e ignora. Le leggi che noi proponiamo affrontano tre questioni gigantesche e, messe insieme, costituiscono la più consistente riforma di struttura del paese.

La riforma dei partiti passa attraverso una effettiva democrazia interna,  il rispetto della funzione delle minoranze, la scelta di candidature trasparenti, qualificate e credibili, la prevenzione di atti di corruzione e malapolitica, la certificazione dei bilanci e la trasparenza dei finanziamenti, la stroncatura delle pratiche familiste sempre più frequenti. Tutte condizioni necessarie per restituire dignità e primato alla politica e ai partiti, sempre meno amati dai cittadini e sempre più soggetti al rischio di sbocchi populisti, connotati di antipolitica. La nostra proposta si pone questi obiettivi e indica gli strumenti per conseguirli.

La proposta sul precariato si commenta da sola e cerca di conciliare flessibilità e sicurezza con l’obiettivo di accogliere le esigenze delle imprese e di garantire sicurezza ai lavoratori attraverso l’istituzione di un reddito garantito superiore di qualche centinaio di euro alla soglia ufficiale di povertà e la riduzione e semplificazione delle forme contrattuali. Corollario indispensabile è la garanzia di una pensione dignitosa che il sistema di precariato selvaggio non garantisce. Milioni di giovani, perdurando la situazione attuale, non hanno  futuro e rompono i legami col paese ingrossando le file dell’emigrazione intellettuale. La prima vittima è proprio il paese  che perde energie di grande qualità, necessarie non solo al suo sviluppo, ma anche all’impegno politico e istituzionale. 

Infine, la terza proposta affronta il problema drammatico della montagna di economia illegale (sommersa) e criminale, un terzo della ricchezza prodotta, che sfugge al dovere di pagare tasse e contributi e utilizza milioni di lavoratori senza diritti e senza avvenire.

In questi giorni il problema è ritornato alla ribalta dal momento che le casse dello Stato sono vuote e non potrebbe essere altrimenti con una evasione fiscale che è almeno il doppio di quella degli altri paesi europei, mentre  l’Europa ci chiede di dimezzare in tre anni il debito pubblico, cosa che si può fare solo in due modi: aumentare le entrate dello Stato o tagliare i servizi essenziali.

Le proposte che presentiamo sono state pensate e costruite anche con il contributo di economisti, esperti, giuslavoristi, magistrati che ringrazio e che dopo avere chiesto il loro consenso ringrazieremo pubblicamente. Riforme di tali dimensione, urgenza e importanza, richiedono un grande contributo delle componenti della società civile, dei partiti e dei sindacati. Più trasversali saranno i contributi, meglio sarà per tutti e più concreta la speranza di farle diventare leggi dello Stato.  

Elio Veltri

Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.

 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j