Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
22 Ottobre 2011
L'IPOCRISIA DELL'IDV.
NELL'ARTICOLO CHE RIPRODUCIAMO, LA RESPONSABILE DELL'AREA FORMAZIONE E SICUREZZA DEL LAVORO DELL'IDV RACCONTA LA BOCCIATURA DELLA NORMATIVA ITALIANA SULLA SICUREZZA NEL LAVORO DA PARTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA. MA NELL'ARTICOLO NON SI CITA CHI HA RESO POSSIBILE QUESTO PRONUNCIAMENTO DI BRUXELLES. INDOVINATE UN PO' PERCHE'?
Il nome omesso è quello di Marco Bazzoni, (foto) operaio metalmeccanico di Firenze, che completamente da solo, si è rivolto alla Commissione Europea con una circostanziata lettera di denuncia che ha convinto i tecnici comunitari a mettersi al lavoro scovando così tutte le nequizie del Testo Unico sulla sicurezza, devastato dal Ministro del Welfare Sacconi. Il nome di Bazzoni è stato omesso incredibilmente, dopo che tutti i mass media lo avevano riportato enfatizzandone giustamente i meriti, perchè è un ex Idv uscito dal partito polemicamente il 4 febbraio 2011 con una lettera pubblicata da un quotidiano toscano. Durante la sua battaglia Bazzoni si era rivolto a tutti i partiti e sindacati, venendo sistematicamente ignorato. E anche l'Idv, di cui era militante, lo aveva snobbato. Adesso il partito esalta le sue gesta evitando pudicamente di farne il nome. "A leggere l'articolo sembra che sia tutto merito loro", ha commentato amaramente Bazzoni.

19
OCT
2011

Sicurezza sul lavoro: l’Europa boccia il Governo Berlusconi

EmailStampaPDF
Alessandra Tibaldi

“La sicurezza sul lavoro è un lusso che non possiamo permetterci!” Così parlò Tremonti al Berghem Fest la sera del 25 luglio 2010, definendo “lacciuoli insopportabili” sia le norme antinfortunistiche che le previsioni in materia di salubrità dei luoghi di lavoro contenute nel Testo Unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro varato dal Governo Prodi. Testo unico ritoccato al ribasso qualche mese prima dal Decreto Legge 196/2009, con un rilevante alleggerimento dell’apparato sanzionatorio a carico delle imprese fuori norma e l’introduzione di proroghe ed eccezioni rispetto ad adempimenti definiti tassativi dal testo precedente.
Italia dei Valori ha denunciato da subito il pericolo che simili “semplificazioni burocratiche”, come le ha definite il Ministro Sacconi, si traducessero in un allentamento della vigilanza nei luoghi di lavoro, in una riduzione delle ispezioni da parte degli organi competenti, deprivati nel frattempo di organici e risorse dalle diverse finanziarie lacrime e sangue che si sono succedute, con gravi rischi per le attività di prevenzione rispetto a incidenti e infortuni e in generale per la sicurezza dei lavoratori e delle lavoratrici.
Oggi la Commissione Europea contesta al Decreto 196/2009 la violazione delle norme comunitarie almeno in sei punti: deresponsabilizzazione del datore di lavoro in caso di delega, proroga per la redazione del Documento di Valutazione Rischi in caso di nuove imprese e violazione dell’obbligo di presentazione per quelle sotto i 10 dipendenti, posticipazione dell’obbligo di disporre una valutazione dei rischi da stress lavoro correlato, proroga dell’entrata in vigore delle norme sulla sicurezza per cooperative e protezione civile, proroga nell’applicazione delle disposizioni antincendio per strutture ricettive con più di 25 posti letto.
In pratica il Governo italiano ha due mesi di tempo per inviare le proprie osservazioni alla Commissione e altri due mesi per adeguare le norme italiane a quelle europee, ove la Commissione si ritenesse soddisfatta, altrimenti la procedura di infrazione ai danni dell’Italia potrebbe costare  circa tre milioni di euro. 
Una bocciatura (e probabilmente una sanzione, questa sì, lussuosa), che il paese si sarebbe potuto risparmiare se il Governo Berlusconi-Lega non avesse fatto della vendetta contro il mondo del lavoro il suo imperativo categorico, collezionando provvedimenti tesi a destrutturare regole e diritti: dal sabotaggio del Testo Unico sulla sicurezza al Collegato Lavoro, dall’abolizione delle norme per il contrasto al lavoro nero alla cancellazione della Legge 198 sulle dimissioni in bianco per le neoassunte, dai licenziamenti di massa nella scuola pubblica alle norme persecutorie contro i lavoratori della Pubblica Amministrazione, fino all’odioso articolo 8 dell’ultima finanziaria che attacca frontalmente il contratto nazionale e lo Statuto dei Lavoratori. 
Sin dal suo insediamento abbiamo chiesto al Governo di non modificare il Testo Unico e semmai di dare attuazione alle previsioni in esso contenute, così come abbiamo sempre sostenuto che la stabilità del posto di lavoro e il rispetto dei contratti fossero il presupposto della salute e della sicurezza in cantiere piuttosto che in ufficio, in un call center, in sala operatoria o magari in fabbrica alle linee di montaggio.
Oggi l’Europa svillaneggiata da Tremonti, che nella stessa serata estiva del 2010 disse che l’UE si sarebbe dovuta adeguare alle regole del resto del mondo su diritti e costo del lavoro, mette in mora il dilettantismo del Governo italiano, smargiasso con i deboli, subalterno ai potenti di turno e ricattabile da peones e faccendieri imbarazzanti per chiunque rappresenti le istituzioni repubblicane.
Nelle prossime settimane incalzeremo la maggioranza di centrodestra e l’esecutivo affinché rispondano in modo adeguato alle contestazioni mosse dall’Ue, fino al ripristino delle previsioni originariamente contenute nel Testo Unico sulla salute e sicurezza del lavoro.
Perché a quel cumulo di macerie, lì a Barletta, non si aggiunga la vergogna civile di un paese che, subito dopo i rituali atti di contrizione, dimentica….

Alessandra Tibaldi











Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.

 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j