Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

DE MAGISTRIS DICE NO A DI PIETRO SULL'APPARENTAMENTO CON IL PD.

Luigi de Magistris: «Apparentamenti? No grazie»

5 maggio 2011

(di Alessandra Del Giudice da Terra)

Incontro Luigi De Magistris, candidato sindaco per Napoli, all’inaugurazione del comitato di Alfonso Gentile, lista “Napoli è tua” nella II municipalità. La stanza, che affaccia su via S. Chiara, diventerà un presidio permanente di contatto con il cittadino, segno emblematico di una politica che vuole scendere in strada, tra la gente.
Lei è l’unico a non aver espresso solidarietà a Lettieri per i fatti del 30 aprile.
«Lettieri è stato oggetto di una contestazione dura, ma non fisica, a causa dell’episodio gravissimo della mattina: l’aggressione neonazista, con coltelli, verso gli studenti, da parte di alcuni ragazzi di Casa Pound, uno dei quali candidato con Lettieri. Bisogna condannare la violenza sempre e comunque, ma non cambiare le carte in tavola: nelle liste di Lettieri ci sono personaggi pericolosi come De Simone, Nonno, Tarantino».
A Napoli si moltiplicano gli episodi di violenza urbana spesso ad opera di giovanissimi…
«Non c’è motivo di avere paura se i trasporti pubblici funzionano fino a tardi, si aprono locali, centri sportivi, parchi e la polizia municipale è più presente sul territorio. Fin da magistrato ho cercato di capire le cause della delinquenza dei minori che subiscono certe scelte se le istituzioni non offrono alternative al degrado. Il Comune deve favorire l’aggregazione e la cultura per sottrarre i ragazzi ai luoghi del crimine organizzato. Apriremo il patrimonio immobiliare comunale e lo utilizzeremo per case della cultura, dell’arte, della musica, del teatro».
I giovani sono sfiduciati nell’impossibilità di trovare un’occupazione a Napoli.. Cosa fare?
«Creeremo lavoro rilanciando cultura e turismo appena andrà via la classe dirigente che ha sperperato i milioni dell’Unione europea, arricchendosi con il giro delle consulenze dorate e dei corsi di formazione fantasma. Vigileremo sulla trasparenza di bandi e concorsi perché il lavoro sia un diritto e non un favore. Bisogna partire dalla riqualificazione dell’area ex Italsider di Bagnoli, fallimento dell’amministrazione uscente, e da Napoli Est, che può diventare polo di ricerca per le energie rinnovabili».
Pensa a forme di sostegno per le fasce più povere della popolazione?
«Reintrodurremo il reddito di cittadinanza e realizzeremo un’edilizia residenziale pubblica dignitosa. Sposteremo più risorse alle politiche sociali, alla cultura, al trasporto pubblico, per una città solidale».
Come rendere la città eco-sostenibile?
«Non faremo l’inceneritore a Ponticelli, come vogliono Morcone e Lettieri, bensì l’impianto di compostaggio, il trattamento a freddo, e ridurremo la tassa sui rifiuti a chi ne produce meno. inizieremo subito la differenziata nel 70% della città e dopo 6 mesi, la estenderemo a tutta Napoli. Va chiuso al traffico il centro antico e gran parte del centro storico. Il trasporto pubblico funzionerà fino a notte inoltrata il fine settimana e fino a mezzanotte il giovedì».
In caso di ballottaggio prevede un apparentamento?
«Spero di vincere al primo turno e non sono favorevole agli apparentamenti. Ma col movimento 5 Stelle c’è una grande sintonia di vedute e faccio loro un appello sul voto disgiunto per rafforzare la mia vittoria al primo turno. Se poi ci sono partiti che vogliono ragionare sulla linea del cambiamento netto, della rottura col sistema, su squadre fatte da persone oneste e coraggiose, le nostre porte sono aperte».




>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j