Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

DE MAGISTRIS: "NAPOLI SENZA RIFIUTI IN 5 GIORNI", BERLUSCONI IN 3 GIORNI... L'ILLUSIONE DEI MIRACOLI.

Corriere della Sera.it

19 giugno 2011

DE MAGISTRIS E LA PROMESSA ALLA CITTÀ SOMMERSA DAI RIFIUTI

Napoli, l' illusione dei miracoli

ieri e oggi l' Immondizia insegna a Napoli meglio non fare Promesse

di Battista Pierluigi

H a detto «quattro-cinque giorni»? Gliene concediamo anche di più, considerata l' estrema difficoltà dell' ardua impresa: sette-otto giorni, anche nove-dieci, perché no. Ma se la promessa dell' immondizia sparita non sarà mantenuta entro quella data, che figura barbina, inescusabile, per il neo-sindaco di Napoli de Magistris. (Nella foto: i Quartieri Spagnoli invasi dall' immondizia). Si comprende l' ansia della spazzatura che sommerge Napoli. E sempre più tragicamente, come dimostrano le immagini terribili che ancora oggi offre la città. Ma de Magistris non può non ricordare che sui reiterati «tre giorni» in cui Napoli sarebbe stata inderogabilmente liberata dal fetore dei cumuli di rifiuti, Berlusconi si è giocato una buona parte della sua credibilità politica. Sistemare la questione rifiuti è avventura improba di per sé. Fissare una data può invece scatenare esiti catastrofici. Poi certo, c' è sempre l' arma delle spiegazioni pretestuose, le fantasie sui complotti, la caccia agli untori. I mai realizzati «tre giorni» della liberazione hanno sciaguratamente indotto Berlusconi a incolpare dell' umiliante fallimento i soliti «giudici» napoletani. Ma quando scadranno i quattro-cinque giorni incautamente fissati dal nuovo sindaco di Napoli, sarà irresistibile la tentazione di addossare le colpe della mancata promessa a chissà quale perfida cospirazione: del governo, della Lega, dei «poteri forti», eccetera eccetera. Dunque, un consiglio a de Magistris: eviti la menzione delle date, le scadenze inderogabili, si tenga più sul vago. Non per opportunismo, ma per banale realismo, visto che la soluzione del problema dell' immondizia a Napoli richiede tempi non brevissimi e de Magistris, come chiunque altro, non dispone di una bacchetta magica. Ma quella scadenza è stata fissata e se tra qualche giorno l' immondizia continuerà ad ammorbare Napoli e dintorni, il sindaco non potrà pretendere dall' opinione pubblica un trattamento meno severo di quello riservato all' imprudente e onirico Berlusconi dei «tre giorni». Un sindaco, del resto, serve a risolvere i problemi, non a blandire il popolo con l' attesa di un miracolo. Tutti speriamo che abbia ragione. Ma se fallisse, sarebbe una macchia sul suo incarico. Ne valeva la pena? Pierluigi Battista


http://archiviostorico.corriere.it/2011/giugno/19/Napoli_illusione_dei_miracoli_co_9_110619015.shtml



>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j