Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

RIVOLTA CONTRO SCILIPIETRO E IL SUO COMMISSARIO IN PUGLIA: "RICONOSCIAMO SOLO GLI ELETTI DAL CONGRESSO"

Corriere della Sera.it
08 luglio 2011

DISSIDI INTERNI AL PARTITO  DITE LA VOSTRA SULLA NOTIZIA

Idv, commissario di Di Pietro isolato
I militanti si rifiutano di incontrarlo

Di Stanislao aveva cambiato la serratura della sede
I dissidenti: riconosciamo solo organi eletti dal congresso

Loreno Saracino

Ennesima puntata della battaglia interna al partito pugliese di Di Pietro. Dopo la decisione (imperiosa) del commissario, il parlamentare abruzzese Augusto Di Stanislao, di cambiare serratura alla sede del partito pugliese, nei giorni scorsi, e lasciar fuori i militanti vicini al dimissionato segretario regionale, Sebastiano De Feudis, e alla segretaria della Bat, Nunzia Sorrenti, dirigenti e simpatizzanti hanno deciso oggi di non incontrarlo perché ne «disconoscono la nomina ed il ruolo».

LA NOTA - Il commissariamento della segreteria e del coordinamento, scrivono in una nota, «ha ragioni oscure e, quindi, continueremo a riconoscere esclusivamente gli organi eletti dal congresso regionale: la segreteria ed il coordinamento regionali che si riunivano per decidere democraticamente la linea politica di Idv Puglia». Un commissariamento deciso, proseguono, «senza averci ascoltato, senza una discussione, ma con atto unilaterale del presidente in contrasto con quanto il nostro statuto prevede». E aggiungono: «Non abbiamo nulla da dire a chi ha dato disposizioni di cambiare la serratura della sede impedendo una nostra riunione e privandoci, di fatto, del luogo naturale di discussione: la sede del partito. Così come non abbiamo nulla da dire a chi ha dato disposizione di licenziare in tronco due impiegate della sede senza nemmeno corrispondergli la retribuzione dovuta. Non è questo l’Idv in cui ci riconosciamo, quello delle imposizioni dall’alto, dei blitz, dei licenziamenti e del cambio delle serrature». Se poi queste disposizioni «non sono state date dal commissario, la vicenda assume toni grotteschi».

LA CONFERENZA STAMPA - Convocata per i prossimi giorni una conferenza stampa. Resta nell’ombra, però, il vero oggetto degli strali: il capogruppo alla Regione, Orazio Schiavone che De Feudis accusa esplicitamente di aver fatto pressioni per le nomine ai vertici delle Asl, di essere iscritto alla massoneria, di essere stato «condannato in primo e secondo grado, per poi essere assolto in Cassazione, per esercizio abusivo della professione odontoiatrica». Ieri, intanto, al tavolo del centrosinistra, in rappresentanza di Idv c’era il parlamentare Pierfelice Zazzera.


http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/bari/notizie/politica/2011/8-luglio-2011/guerra-idv-defenestrato-de-feudisdi-pietro-fa-cambiare-chiavi-sede--1901050770710.shtml




>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j