Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

DI PIETRO-REFERENDUM: OBIETTIVO RAGGIUNTO O ENNESIMO BLUFF?



CORRIERE DELLA SERA  7 LUGLIO 2010

IDV DAL LEADER SÌ ALL' IPOTESI DI GOVERNO TECNICO

Di Pietro, poche firme Referendum a rischio

Arachi Alessandra

ROMA - Il titolo lo ha sparato ieri Affaritaliani.it: «Tonino vittima del fuoco amico». E giù una triste radiocronaca dell' esecutivo nazionale che Italia dei Valori ha tenuto lunedì scorso a Montecitorio. Volano gli stracci nel partito di Antonio Di Pietro, è la sintesi impietosa del portale politico. Ma perché? C' è chi ha puntato subito il dito sui grandi assenti all' esecutivo: Luigi De Magistris e Sonia Alfano. Affaritaliani.it ha cominciato invece dalla festa del partito per rappresentare le difficoltà intestine e descrivere quei mugugni che nell' Italia dei Valori si percepiscono ormai da un po' di mesi. Proprio mentre il leader dell' Idv apre per la prima volta ad un «governo tecnico», anche se, precisa, «su legge elettorale e conflitto di interessi, non un governo di larghe intese». La tradizionale festa del partito del Tonino nazionale quest' anno non si farà a Vasto. Per la prima volta da quando è nato il partito. Già: ma perché? La spiegazione lineare appare semplice: a Vasto non ci sono strutture coperte in grado di ospitare tante persone. Le truppe di Di Pietro si dovranno quindi spostare a Rimini o forse a Riccione per la festa che quest' anno non si può fare i primi di settembre, come sempre, confidando nel tepore della fine dell' estate. Quest' anno è tutto rinviato a metà ottobre. Già: ma perché? «Non faremmo in tempo a organizzarla, perché adesso abbiamo un' altra priorità: darci da fare a raccogliere le firme entro il 30 luglio», ha spiegato Antonio Di Pietro ai suoi dell' esecutivo. E non ha certo raccontato un curioso retroscena. Sono tre i referendum per cui Italia dei Valori sta raccogliendo alacremente le firme: sull' acqua pubblica, contro le centrali nucleari, contro la legge sul legittimo impedimento. Ma la raccolta non procede come al solito. Ed è qui che entrerebbe in scena il fuoco amico. Sarebbero infatti i «grillini» guidati da Sonia Alfano a mettere i bastoni fra le ruote nei banchetti dei seguaci di Di Pietro: loro sostengono infatti un referendum concorrente. E sollecitare controlli continui, a fare le pulci sugli errori, a rallentare di parecchio gli ingranaggi della macchina organizzatrice. Questo Antonio Di Pietro non lo ha raccontato durante l' esecutivo nazionale del 5 luglio. Ma non ha esitato a esternare tutto il suo pessimismo su questi referendum che per quest' anno avrebbero dovuto essere i cavalli di battaglia dell' attività del suo partito. Affaritaliani.it non ha dubbi: Di Pietro si è sfogato senza peli sulla lingua con i suoi. «Ivan Rota è abbastanza ottimista sulla raccolta di firme per i referendum, io lo sono molto meno. Sono soltanto un paio le regioni dove si è raggiunto il numero previsto». E mancano appena venti giorni alla consegna stabilita dai termini di legge. Ivan Rota è il responsabile per l' organizzazione nazionale dell' Italia dei Valori. È stato lui che ha sparato la bordata più grossa: «Non se ne può più dei parolai e dei professoroni qui dentro, quelli che scatenano le guerre intestine. A cominciare dalla Calabria». E chi vuole intendere, intenda. 

http://archiviostorico.corriere.it/2010/luglio/07/Pietro_poche_firme_Referendum_rischio_co_9_100707010.shtml


Idv: Di Pietro, superate 500mila firme per referendum

Roma, 6 lug. (Adnkronos) - "Abbiamo superato le 500 mila firme per tutti e tre i referendum abrogativi che abbiamo proposto, sulla privatizzazione dell'acqua, l'energia nucleare e il legittimo impedimento". Lo ha annunciato il leader di Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, ospite di "Radio Anch'io".

http://www.adnkronos.com/IGN/News/Politica/Idv-Di-Pietro-superate-500mila-firme-per-referendum_644929794.html






>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j