Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

BERSANI: "LAVORARE ANCHE IN AGOSTO". DI PIETRO (Video) E' RIMASTO ALLA LIRA: "MANOVRA Idv DA 60 MILIARDI DI LIRE IN TRE ANNI".

Crisi: opposizioni distinte anche dopo incontro con parti sociali

ultimo aggiornamento: 04 agosto, ore 18:49
Roma, 4 ago. - (Adnkronos) - Le opposizioni sono unanimi nel chiedere urgenza, ma le ricette per uscire dalla crisi restano diverse. Tante voci e tanti contributi, tutti, pero', diversi. Il confronto interno e con le parti sociali proseguira a breve. Nell'attesa che il governo porti in Parlamento le sue proposte





Crisi, Bersani: no spallata.


Roma, 4 ago. (Adnkronos) - "Ma che spallata, nessuno pensa a delle spallate. Se noi pensassimo che attaccare la nostra ruota al carro che c'è servisse all'Italia, lo faremmo". Lo ha detto Pier Luigi Bersani al termine dell'incontro tra le opposizioni e le parti sociali.

"Noi siamo convinti che è ora di guardarci negli occhi e di capire che dobbiamo dare un segno di credibilità attraverso un gesto politico. Questa è la nostra convinzione, non è il nostro interesse di bottega. Quindi nessuna spallata, ma - ha sottolineato il segretario del Pd - la richiesta di un gesto di responsabilità e di generosità".

"Se il governo decide di fare interventi - aveva detto nel corso dell'incontro - non ci sono vacanze che tengano. Noi ci saremo". Quanto all'eventualità di un decreto in tempi stretti da parte del governo per nuove misure contro la crisi, ha inoltre osservato, "i decreti del governo sono già stati 47. Avviso che non so se i mercati crederanno al 48esimo decreto di questo governo".


Terzo Polo

"L'opposizione – ha rimarcato da parte sua il leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini - c'è, le parti sociali ci sono, speriamo che ci sia anche il governo, si svegli e si dia una mossa: non perdano tempo, assumano provvedimenti che vanno presi subito". "Noi siamo pronti a concorrere ma nessuno del governo ci ha contattato - ha spiegato - Se vogliono, hanno i nostri numeri telefonici. Siamo reperibili. Se il governo vuole disponibilità, contatti ognuno di noi indipendentemente dal luogo di vacanza". Casini però ammette: "C’è il timore che il governo non ce la faccia, del resto per noi si dovrebbe dimettere, ma è inutile continuare con le litanie: chi è al governo deve governare".

Secondo Francesco Rutelli, "bisogna proseguire il dialogo, nel rispetto delle posizioni", ma "la criticità della situazione rende azzardata una collaborazione se non cambia il quadro politico". Il leader di Api ha ribadito le proposte del Terzo polo: "Una modifica costituzionale per introdurre il pareggio di bilancio; l'approvazione di una serie di misure per la crescita; l'anticipo di una parte degli effetti della manovra".

Per il Terzo Polo interviene anche Italo Bocchino secondo il quale, "il governo sta sottovalutando la gravità di questa emergenza, noi diamo la nostra disponibilità senza speculare su una situazione difficile". "Dal governo ci aspettavamo di più, dovrebbe annunciare da lunedì la convocazione degli stati generali dell'economia da tenersi dall'8 al 18 agosto - ha spiegato il vicepresidente di Fli -. Poi dal 18 a fine mese dovrebbe riunirsi una commissione di alto livello per la crescita e ai primi di settembre dovremmo approvare tutte le proposte in Parlamento con lo stesso spirito della manovra".

All'incontro tra le forze di opposizione e le parti sociali hanno preso parte i leader e i capigruppo. Tra questi il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, il leader dell'Udc, Pier Ferdinando Casini, quello dell'Idv, Antonio Di Pietro, il vicepresidente di Fli, Italo Bocchino e il leader di Api Francesco Rutelli.


Di Pietro: da Idv contromanovra

L'idv, da parte sua, ''ha consegnato una proposta di legge, già depositata in Parlamento, e chiesto, con una lettera ai presidenti di Camera e Senato, di metterla all'ordine del giorno nei prossimi giorni". Lo ha annunciato Antonio Di Pietro al termine dell'incontro. Il leader dell'Idv chiede che venga convocato subito il Parlamento per discutere la 'contromanovra', che oggi è stata esposta anche alle parti sociali, perché "se non si fa qualcosa al più presto, tutti questi incontri sono stati solo una manfrina". Noi, prosegue, "proponiamo una contromanovra da 70 miliardi di euro in 3 anni che intervenga immediatamente sul rilancio del sistema produttivo, una proposta speculare a quelle delle parti sociali e chiediamo formalmente al governo e al Parlamento che venga convocato per fare un nuovo provvedimento al più presto".




Il Tribuno

U.E. EMERGENZA SPECULAZIONE CONTRO L'ITALIA. Di Pietro/economista: "Risanare il bilancio è come far quadrare i conti a fine mese"...

Repubblica.it: il quotidiano online con tutte le notizie in tempo reale.

10 luglio 2011

DI PIETRO/ECONOMISTA risponde sul blog:

"NON C'E' BISOGNO DI ESSERE GRANDI ECONOMISTI PER CAPIRE CHE RISANARE IL BILANCIO SENZA TAGLIARE QUALCHE SPESA NON E' POSSIBILE: BASTA L'ESPERIENZA CHE SI FA CERCANDO DI FAR QUADRARE I CONTI A FINE MESE".

REDAZIONE. Di pietro ha ragione, per risanare il bilancio occorre tagliare qualche spesuccia, BRAVO!
                      Cominciano a tagliare il suo stipendio e la sua baby pensione...

http://www.repubblica.it/politica/2011/07/10/news/di_pietro_manovra_saremo_costruttivi_anche_se_non_la_condividiamo-18931126/



>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j