Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

DI PIETRO: "EVASORI IN GALERA!". 'FACCIA UNA PREMESSA: SI DIMEZZI LO STIPENDIO!!'

Prima pagina: Ansa.it

Di Pietro, chi evade in galera

Questo governo li vuole salvare con uno scudo-bis

18 agosto 2011
(ANSA) - ROMA, 18 AGO - ''Chi evade le tasse deve andare in galera ed e' per colpa loro che l'Italia ha un debito cosi' alto e non riesce ad affrontare crisi. Ed invece questo governo vuole salvare ancora gli evasori con uno scudo bis''. Cosi' il leader Idv Antonio Di Pietro, a Sky Tg 24, stronca l'ipotesi di un nuovo scudo per far rientrare i capitali all'estero, proponendo di usare l'elenco dei nomi della lista Falciani per colpire chi non paga il fisco.



19/8/2011

Evasione seconda puntata
Quelle mosse per difendersi
modo per trasferirlo sul giornale, ma già ora trovo che sia utile non chiudere il capitolo, anzi.
E allora: posto che evidentemente evadono in pochissimi e chi lo ammette lo fa perché altrimenti "non riesce a pagare il mutuo" (piccolo inciso: pare che non sia obbligatorio comprare una casa e per di più in centro accedendo un mutuo al di sopra delle possibilità, pare), è evidente che questa condotta non ci porta molto lontani.

Però siamo tutti  evasori: quando non pretendiamo lo scontrino o accettiamo lo sconto in cambio di un lavoro senza fattura (che poi all'artigiano non cambia nulla se ci pensate: lo socnto che vi fa è uguale all'Iva).
E quindi? cosa siete disposti a fare perché l'evasione venga limitata? Pagherete di più i lavori in casa o il tagliando alla macchina pur di avere una fattura? Sareste disponibili a limitare la vostra privacy e libertà ammettendo che il vicino possa segnalare il vostro stile di vita, magari chessò con un mms da mandare alla guardia di finanza? Siete d'accordo, come fece Visco, a mettere on line la dichiarazione dei redditi di tutti quanti?

Insomma: si va avanti così o si cambia?

Marco
marco.castelnuovo@lastampa.it
twitter.com/chedisagio

12/8/2011
Faccio una premessa
«Signori Senatori, Signori Deputati. Prima di enunciare i sacrifici che chiederemo ai nostri datori di lavoro, gli italiani, vorrei rammentarvi un aneddoto di 140 anni fa che ha per protagonista il mio predecessore più illustre, Quintino Sella, anche lui alle prese con il totem del Pareggio Di Bilancio. Recatosi alla Camera per esporre i suoi celebri tagli “fino all’osso”, l’illustre ministro propose come atto preliminare una sforbiciata allo stipendio dei parlamentari. Qualcuno gli fece notare che sarebbe stato un risparmio ben misero, se paragonato all’entità monumentale della manovra. Non ho trovato il testo stenografico della risposta di Sella, ma testimonianze unanimi riferiscono che il senso fu questo: “Lo so bene. E però toglierci qualche soldo dalle tasche ci permetterà di guardare in faccia i contribuenti mentre li toglieremo a loro. Una classe dirigente deve dare l’esempio”. Lo fecero fuori alla prima occasione. Ma dopo un secolo e mezzo lui è ancora Quintino Sella. Mentre noi cosa saremo, anche solo fra sei mesi, se ci ostineremo a rimanere sganciati dalla vita dei cittadini comuni? Sono qui a chiedervi di compiere un gesto. Minimo, purché immediato. Dimezzarci lo stipendio. O almeno raddoppiare i prezzi del ristorante del Senato, dove la spigola con radicchio e mandorle costa 3 euro, e le penne all’arrabbiata 1,60. Altrimenti, Signori, la gente diventerà così arrabbiata che le penne finiranno per spiumarle a noi».

(Brano, misteriosamente scomparso, del discorso pronunciato ieri mattina dal ministro Tremonti davanti alle commissioni parlamentari).



>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j