Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

LA 'RIVOLUZIONE' SECONDO SCILIPOTI (Ex-Idv): "SANATORIA FISCALE E CONDONO,

21 ottobre 2011

Scilipoti: “Facciamo la rivoluzione”

Il deputato Responsabile continua a proporre una sanatoria fiscale

“E’ venuto il tempo della rivoluzione. Dobbiamo scendere in piazza democraticamente per ristabilire le regole del gioco”. Domenico Scilipoti, il deputato ex Italia dei Valori diventato uomo-simbolo del gruppo deiResponsabili (ora Popolo e Territorio) e del salvataggio della maggioranza berlusconiano dal baratro della sfiducia, è convinto della necessità che in Italia ci sia bisogno di una rivoluzione. E propone il condono fiscale.

“SANATORIA FISCALE” – Scilipoti, dalla tribuna del primo congresso nazionale del suoMovimento di responsabilità nazionale, dalla quale ha parlato stamane anche ilpresidente del Consiglio Silvio Berlusconi, chiede un “minimo di sanatoria fiscale con riforme strutturali”. Un “condono”, propone l’onorevole, da accompagnare a misure severe nei confronti degli evasori che, dice, “se pescati a non pagare devono essere buttati in galera”. Il parlamentare che sostiene la maggioranza attraverso la componente Popolo e territorio (ex Responsabili) accusa Equitalia di comportarsi da “speculatori autorizzati” ai danni di famiglie e imprese. I lavori del congresso sono stati aperti dal sottosegretario all’Economia, Bruno Cesario, uno dei tre onorevoli nel 2008 eletti tra le fila dell’opposizione che a fine 2010 hanno dato vita a quel Movimento di Responsabilità Nazionale dal quale è poi sorto, grazie alla partecipazione di componenti ex Fli ed ex Udc, la pattuglia parlamentare che ha salvato il Premier dopo l’addio di Gianfranco Fini al Pdl. Insieme a Cesario e Scilipoti, faceva parte del mini-movimento Massimo Calearo, ex capolista Pd in quota Veltroni.

IL PD S’INDIGNA - La proposta di Scilipoti scatena le proteste dell’opposizione. Parla Marina Sereni, Pd: “Il contesto da cui il presidente del Consiglio ha scelto oggi di parlare mostra, ancora più dei suoi logori slogan, la gravità della situazione in cui il Paese si trova. Il Decreto Sviluppo è ancora in alto mare, torna in primo piano l’ipotesi del condono-concordato fiscale, le divisioni nel Pdl e nella Lega sono sempre più drammatiche e paralizzanti. Mentre migliaia di lavoratori metalmeccanici scendono in piazza e mentre dall’Europa arriva ancora un monito all’Italia perché si facciano scelte strutturali per la crescita, Berlusconi è da Scilipoti… Se non fosse tragico sarebbe altamente comico”.

I SUGGERIMENTI A TREMONTI - Non è la prima volta che Scilipoti lancia segnali di apprezzamenti per i condoni. “Quando l’organismo umano è aggredito – spiegava a fine settembre Scilipoti esponendo la sua soluzione per i problemi economici dell’Italia -, predispone e stimola la risposta all’aggressione e si difende con tutte le armi che ha a disposizione. Oggi il nostro Paese è aggredito da una gravissima crisi economica: sarebbe opportuno inserire alcune riforme che mi permetto di suggerire al Ministro Tremonti e al Governo per la manovra finanziaria”.

“CONDONO EDILIZIO” - “Come già avevo fatto in precedenza – aggiungeva il Responsabile – quando avevo presentato emendamenti al decreto mille proroghe e in seguito alla finanziaria, inerenti le criticità bancarie e l’anatocismo e per i quali c’era stata molta disponibilità verbale e poca concretezza nel recepirli e considerando che la manovra potrebbe arrivare alla Camera dei Deputati già blindata e pronta per il voto di fiducia, ritengo che la mia “unica possibilità”, al momento, sia scrivergli una lettera pubblica contenente i nostri suggerimenti, da inviare lunedì, nelle quale esporre le nostre proposte relative ad un condono fiscale e un condono edilizio con riforme strutturali per la riscossione dei crediti del fisco”. “Sono condoni – aggiungeva Scilipoti – destinati a sanare illeciti non gravi. Se il Ministro Tremonti, una volta recepiti, li riterrà utili, potrà utilizzarli senza mettere le mani nelle tasche degli italiani. Il Movimento di Responsabilità Nazionale lavora con il pensiero e con i fatti costantemente rivolto ai cittadini e all’Italia”. Gli imbroglioni, intanto, continuano a sperare.




>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j