Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

PALERMO, RITA BORSELLINO IN CORSA PER LE PRIMARIE. ORLANDO (Idv) E FERRANDELLI (Idv) DUE CANDIDATI PER UN POSTO.

30 ottobre 2011


Palermo, Rita Borsellino


in corsa per le primarie



rita borsellino
Rita Borsellino per Palermo. Cessa ogni indugio l’europarlamentare, eletta nelle fila del Pd, sorella del magistrato trucidato dalla mafia. Si candiderà alle primarie per l’elezione a sindaco di Palermo, dopo la proposta fattagli direttamente dal segretario del Partito democratico, Pier Luigi Bersani. Ma non scioglie il nodo alleanze, l’intreccio principe della sua candidatura. Lei la annuncia così: «Ho dato la mia piena disponibilità a un progetto che metta al centro le palermitane e i palermitani – si legge nel comunicato stampa – un progetto che vada oltre gli schemi tradizionali, aprendo uno spazio di partecipazione che coinvolga tutti quei cittadini disponibili a costruire autenticamente il cambiamento, dando loro un ruolo centrale sia nella fase di campagna elettorale che nella gestione del governo della città».

Un richiamo alla società civile, perciò, che lascia apparecchiata la tavola ad ogni possibile lettura. Sul piatto addirittura la stabilità del governo regionale. Da giorni, infatti, la Borsellino aveva tentato un dialogo con l’ex sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, che già quest’estate aveva annunciato la sua disponibilità a candidarsi alle primarie e dunque a sindaco del capoluogo siciliano ma con un aut-aut che metteva spalle al muro il Pd siciliano: nessuna alleanza col terzo polo, né con il Pd che appoggia Raffaele Lombardo al governo. Dopo un tentativo di confronto con Orlando, che sembrerebbe aver portato a un vicolo cieco, arriva il sì della Borsellino, che fa ben sperare l’area Cracolici-Lumia del Pd, testa di ponte per un’alleanza col terzo-polo. Ci crede pochissimo l’Udc siciliano, che legge nel richiamo alla società civile una chiara intenzione di smarcarsi dalle alleanze coi partiti, pur pronto ad abbracciare la candidatura della sorella del magistrato. 

Intanto, il si è di fatto una vittoria del segretatio del Pd siciliano Giuseppe Lupo che applaude l’attesa notizia: «La disponibilità di Rita Borsellino alla candidatura per le primarie è un esempio di generosità al servizio della comunità civile. È la bella notizia per la quale abbiamo lavorato con ottimismo ed entusiasmo. Sono certo che ne sono felici i giovani e tutti i palermitani che vogliono impegnarsi per ricostruire Palermo, dopo dieci anni di devastazione berlusconiana, per assicurare alla nostra citta' il futuro che merita».

Per domani è attesa la conferenza stampa della candidata che dovrebbe chiarire ogni aspetto. Anche Fabio Granata, di Fli, saluta con entusiasmo la sua scelta: «È una candidatura che ci convince e un cognome che ci emoziona: bisogna andare oltre gli schieramenti per liberare Palermo, noi siamo pronti con Fli e Terzo polo a sostenere quello che può essere un laboratorio a livello nazionale».
Ci va più cauto Raffaele Lombardo fulcro delle perplessità della Borsellino: «Se con lei si raggiunge un’intesa alla luce del sole, con condivisione di programmi chiari e trasparenti per il salvataggio di questa povera città, questo certo servirà moltissimo per la stabilizzazione dei rapporti e per il consolidamento del governo. Non le piaccio? Io però non ricambio questo scarso amore, il mio giudizio è stato sempre positivo e non cambierà: rappresenta un simbolo che alla Sicilia non può che far bene».



Corriere della Sera.it
17 ottobre 2011

Primarie, «sfida» in casa Idv: accanto 
a Orlando spunta il nome di Ferrandelli

Ma i vertici del partito preferirebbero che alle primarie partecipasse un solo candidato targato Idv

Leoluca Orlando

Leoluca Orlando

PALERMO - Dice di volersi confrontare con i propri «compagni di viaggio e di battaglia, compresi quelli del mio partito», ma ormai è quasi sicuro: Fabrizio Ferrandelli, capogruppo dell’Italia dei Valori al consiglio comunale di Palermo, parteciperà alle primarie del centrosinistra in programma il 29 gennaio prossimo. Alle molte anime della società civile che appoggerebbero Ferrandelli alle primarie si sono aggiunti ieri i componenti di «PalermoPiù», il movimento del padre gesuita, Gianni Notari, che in mattinata ha presentato il proprio programma al Cinema Imperia a Palermo. Tra i volti noti che hanno deciso di fare parte di «PalermoPiù» anche Gianni Nanfa, noto cabarettista non nuovo a esperienze d’impegno pubblico.

«Scendiamo in campo anche noi, – dice con una battuta Nanfa - il nostro candidato sindaco deve avere le caratteristiche degli indignados che in questi mesi stanno riempiendo le piazze del mondo: giovane, laureato e soprattutto lontano dal blocco di potere che ha amministrato la città in questi anni». L’identikit calza a perfezione su Fabrizio Ferrandelli. Fermo “ai box” in attesa di potere di ufficializzare la propria candidatura da alcune settimane, l’interessato parla di una scelta che «merita un’accurata riflessione, non facile», ma di fatto la «macchina» è già in moto: il movimento «Ora» continua a girare i punti della città e a raccogliere programmi e idee per la città e l’investitura da parte di «Palermopiù» appare solo come una ulteriore tappa di avvicinamento. L’unico ostacolo per Ferrandelli potrebbe venire a questo punto dal suo partito.

Il segretario provinciale dell’Idv Pippo Russo manda segnali di distensione e in una nota giudica «positivo il fiorire di candidature» di questi giorni ma é ormai noto che l’ex sindaco di Palermo Leoluca Orlando sia pronto a candidarsi e che i vertici del partito preferirebbero che alle primarie partecipasse un solo candidato targato Idv. «Le primarie sono un bel momento di democrazia – dice dal canto suo Ferrandelli - che è migliore quanto più è plurale. Confrontiamoci apertamente fino al 29 Gennaio, poi chiunque vinca remeremo nella stessa direzione per vincere la campagna elettorale contro il centrodestra». Un messaggio abbastanza chiaro, che conferma come sia difficile che a questo punto Ferrandelli possa accettare veti dai vertici locali del suo partito. Questo mentre intanto si sta realizzando una convergenza su Rita Borsellino, proposta dal leader del Pd Pier Luigi Bersani. Proposta di candidatura che sta riscontrando un certo favore nel Terzo Polo, che ha avviato un dibattito interno.


http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/notizie/politica/2011/17-ottobre-2011/primarie-sfida-casa-idv-accanto-orlando-spunta-nome-ferrandelli-1901843873117.shtml



>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j