Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

SCILIPOTI RITORNO A SCILIPIETRO: "E' L'UNICO CHE HA RAGIONE. IL PROBLEMA NON E' BERLUSCONI. C'E' UN COMPLOTTO"







Ritorno al passato

«Antonio Di Pietro è il più serio, è l’unico che ha ragione, che parla di riforme e voto» parola di Domenico Scilipoti. « Il traditore», « il venduto», «monnezza», l’uomo che ha fatto scuola in materia di responsabilità e cambio casacca, in tempi di crisi, riguarda con favore il leader dell’IDV.

Scilipoti, ma come, ora è pronto a lasciare Silvio Berlusconi per ritornare con Di Pietro?
No, non è questo il punto. Ma le sembra che il problema sia Berlusconi? Eliminando Berlusconi non si risolvono i problemi, noi dobbiamo dare delle risposte. Dobbiamo tutti insieme fare due o tre riforme importanti per il bene del Paese. E in questo Di Pietro ha ragione. C’è un complotto e stanno cercando di delegittimare Berlusconi. Creano confusione. Invece dovrebbero fare quadrato per salvare l’Italia.

Complotto da parte di chi? 
I mercati sono quattro lestofanti improduttivi e parassiti che giocano a Monopoli e dettano le regole; gestiscono tutto perché la politica è fatta in gran parte da mediocri.

Allora i politici cosa dovrebbero fare?
Non dovrebbero guardare a Berlusconi, dovrebbero turarsi il naso e per amore di Patria fare le riforme. Per amore dei miei e dei suoi figli. E poi basta con chi da troppo tempo è in politica. Sono loro i responsabili di questa situazione. Come fa a parlare e a ripresentare chi ha distrutto nel passato. E’ arrivato il tempo che lascino.

Ma se devono lasciare, questo vale anche per Berlusconi che sta in politica da quasi vent’anni?
Vale per tutti . Il bene del Paese è saper fare un passo indietro. Ma allora chiedete anche a Casini e Fini di fare un passo indietro. Se sono in buona fede e dicono che Berlusconi deve fare un passo indietro perché non lo fanno anche loro. Rutelli, Casini, Fini e Tanoni. I quattro dell’Apocalisse. Non le sembra, ad esempio, che Fini, che sta in politica da una vita, abbia qualche responsabilità.

Quindi via tutti?
In questo momento politico l’unica cosa da chiedere è di ridare un’immagine positiva dell’Italia, fare e poi, semmai, chiedere a Berlusconi di fare un passo indietro e andare al voto. Privilegiare l’Italia questo è essere responsabili. Vorrei un Parlamento con idee e fantasia, invece è un tempio pieno di mercanti.

Mercanti in vendita? Qualcuno l’ha chiamata?
Non mi ha chiamato nessuno. Scilipoti si è fatto umiliare e sbeffeggiare senza pretendere niente e lo hanno chiamato venduto, la Carlucci invece è buona perché ha fatto il percorso inverso. E i giornalisti mediocri non dicono niente. Perché è una scelta simile al loro modo di pensare.



http://osservatorio-responsabili.blogautore.espresso.repubblica.it/2011/11/07/ritorno-al-passato/



>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j