Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

TRAVAGLIO VOTA E DIFENDE FINI. DI PIETRO, COME BERLUSCONI, LO ATTACCA

AGI News

 03 AGO 2010 

CALIENDO: DI PIETRO, FINIANI SCELGANO LA LEGALITA'

Dopo un primo grido di ribellione all'illegalita' diffusa nella maggioranza Fini e i suoi hanno imboccato una strada che sembra perseguire altre finalita' - le solite e le piu' amate dai componenti del partito meretricio dal quale sono fuoriusciti. 
 I finiani, perche' all'Udc degli italiani frega ben poco, mercoledi' potranno fare una scelta: o stare dalla parte dei cittadini a difesa della legalita' e dello Stato, o rimanere con i loro vecchi compagni di viaggio e i loro affari. Nel secondo caso saranno solo la brutta copia del partito con cui hanno gia' percorso due anni che sono stati segnati da leggi ad personam e decreti legge che hanno superato ogni vergogna".



Il Fatto Quotidiano
3 agosto 2010
Probivili

di Marco Travaglio

Un liberale dovrebbe fremere di sdegno dinanzi a un ducetto che fa espellere Fini e i finiani per i delitti di legalità e antimafia, pretende di destituire il presidente della Camera perché non gli bacia la pantofola coi tacchi, compra parlamentari un tanto al chilo e così – nota Andrea Manzella su Repubblica – “viola i tre punti essenziali della Costituzione liberale: la libertà dei cittadini di associarsi in partiti democratici (art. 49); la libertà delle Camere di eleggere i propri presidenti senza imposizione dall’esterno (art. 63); la libertà dei parlamentari di rappresentare la nazione senza vincolo di mandato (art. 67)”. 



ADNKRONOS 29 Luglio 2010

Governo: Di Pietro, Fini dovrebbe dimettersi per riacquistare dignita'

Fossi in Fini, accetterei. Dovrebbe dimettersi da presidente della Camera cosi' finalmente potra' riacquistare un po' di dignita' e ricominciare a fare politica come si deve fare senza tapparsi il naso votando leggi vergogna". Lo dice all'ADNKRONOS, Antonio Di Pietro, leader di Italia dei valori.



   
20/7/2010
Travaglio vota per Fini

di Mario Nuzzi  

Marco Travaglio si scopre finiano. Ma solo se il presidente della Camera si mette di traverso nel Pdl e lotta contro Silvio Berlusconi. In un'intervista al bimestrale «La destra delle libertà» alla domanda «per chi voterebbe se dovesse scegliere tra Antonio Di Pietro, Beppe Grillo e Gianfranco Fini», il giornalista del Fatto quotidiano risponde: «Alle amministrative, in Piemonte, ho votato il candidato dei grillini e la lista di Di Pietro. Se Fini fosse il leader del centrodestra e un governo di centrosinistra mi avesse deluso non avrei difficoltà a votarlo. Ma se rimane capo di un piccolo movimento alleato di Berlusconi, ovvio che no». Aggiungendo: «Sono sempre stato un liberale di destra e in mancanza di liberali conservatori ho scelto i più antiberlusconiani.






>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j