Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

ORDIGNI A EQUITALIA. GRILLO SUPERA DI PIETRO:"CAPIRE LE RAGIONI, OLTRE CHE CONDANNARE"... PAROLA DI 'CONDONATO'.

2 gennaio 2012

Equitalia: Grillo, "Capire le ragioni degli attentati"


IL COMICO GENOVESE SUL SUO BLOG: «UN AVVISO DI PAGAMENTO È IL TERRORE DEGLI ITALIANI»

«Capire le ragioni oltre che condannare»
Grillo e «i botti di fine anno» su Equitalia

Dopo gli ordigni nelle sedi di Modena e Foggia il moralizzatore della politica italiana dice la sua e divide

Fabio Savelli

Il popolare comico genovese Beppe GrilloIl popolare comico genovese Beppe Grillo
MILANO - «Capire le ragioni, oltre che condannare la violenza». Così Beppe Grillo interviene sulla questione Equitalia e suscita un vespaio di polemiche. La strategia della tensione e l'intellettuale che se ne fa portavoce? Gli echi di un periodo storico mai andato in soffitta? Il tentativo di sponda al malcontento diffuso nel Paese anche in chiave elettorale, con il Movimento Cinque Stelle (di cui è il fondatore e l'anima irrinunciabile) dato in ascesa nei sondaggi? L'elenco di atti intimidatori nei confronti del fisco oppressivo, cui gli uffici Equitalia ne sono la rappresentazione simbolica più evidente, comincia a essere lungo quanto preoccupante. E Beppe Grillo - dalle colonne del suo blog - sembra voler interpretare gli umori della "base", stanca di doversi confrontare con un fisco famelico. Atterrita da decreti d'ingiunzione che poco lasciano al caso, con uno scadenzario prestabilito fissato dall'amministrazione centrale dello Stato e il rischio di dover pagare interessi di mora salati se non ci si mette in regola immediatamente. Il 2012 è iniziato, come si è concluso il 2011: ancora attentati dimostrativi contro due sedi Equitalia, per un fenomeno che ora pare persino giovarsi dell'effetto emulativo. «Monti riveda immediatamente il funzionamento di Equitalia, se non ci riesce la chiuda. Nessuno ne sentirà la mancanza», scrive senza termini il blogger genovese.

L'INDIGNAZIONE DI BEFERA - Dal canto suo Attilio Befera, direttore dell'Agenzia delle Entrate, apostrofa come "imbecilli" coloro i quali hanno deciso di cavalcare questa inusuale - almeno nel modus operandi - levata di scudi contro il potere coercitivo-fiscale dello Stato, esercitato evidentemente da Equitalia: «Spero che i cittadini italiani che sempre nei momenti di emergenza sono stati solidali e coesi capiscano che è importante pagare le imposte e che gli imbecilli che mettono le bombe la smettano». «Colpire i funzionari non ha senso logico», ha poi rincarato, non senza aver fatto trasparire un evidente moto d'indignazione.

LA REAZIONE DEL PD - E le affermazioni di Grillo suscitano anche la riprovazione di un autorevole esponente del Pd e parlamentare europea come Debora Serracchiani: «È estremamente pericoloso associare gli attentati alle sedi di Equitalia a un giudizio di disumanità nei confronti del sistema esattoriale», dice la consigliera europea.. Secondo la Serracchiani «c'è sicuramente più di una riflessione da fare su Equitalia, ad esempio sui tassi di interesse raggiunti dalle cartelle esattoriali, sulla messa all'asta delle prime case o sull'impossibilità per le imprese di compensare debiti e crediti con lo Stato. Ma da qui ad accreditare in modo strisciante il concetto che gli attentati dinamitardi sono un fenomeno »da capire - sottolinea- corre la stessa distanza che c'è tra la protesta civile e il lancio delle molotov».

CAPEZZONE: SCHERZA COL FUOCO - Condanna anche da Daniele Capezzone: «Sono stato tra i primi esponenti politici - dice Capezzone in una nota - a chiedere a più riprese una modifica dei poteri concessi a Equitalia. Ma, detto questo, Grillo - avverte il portavoce del Pdl - scherza col fuoco. Qualunque ragionamento sui poteri di Equitalia va fatto condannando in modo assoluto, senza se e senza ma, senza alcuna subordinata, ogni atto piccolo o grande di violenza».

http://www.corriere.it/economia/12_gennaio_02/grillo-attentati-equitalia_4ae58078-354b-11e1-a9e9-f391576f69b4.shtml



>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j