Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

IDV. SI DIMETTE LA COORDINATRICE CITTADINA DI FIRENZE.

Gonews.it

FIRENZE

Niccolai si dimette dal coordinamento cittadino dell'Italia dei Valori per la vicenda Ataf

"La decisione del capogruppo Giuseppe Scola di votare a favore della privatizzazione, dopo aver presentato un ordine del giorno contrario ha disatteso le indicazioni ricevute dal partito"


Il coordinatore cittadino di Firenze dell'Italia dei Valori lascia il coordinamento cittadino del partito con questo comunicato stampa: 
 
La spaccatura del partito avvenuta in consiglio comunale il 22 dicembre scorso, sulla privatizzazione di Ataf, è un fatto gravissimo che comporta misure altrettanto gravi. Come è successo in SeL, una testa doveva cadere e a questo punto io tolgo la mia.
 
La decisione del capogruppo Giuseppe Scola di votare a favore della privatizzazione, dopo che il 17 ottobre aveva presentato in consiglio comunale un o.d.g.  di senso contrario, redatto congiuntamente da IdV e SeL, ha disatteso le indicazioni ricevute dal partito che da un anno si spende, a tutti i suoi livelli (comunale, provinciale e regionale) affinchè l’azienda di trasporti resti pubblica, nel rispetto dell’esito referendario.
 
La pronta presa di distanza dell’esecutivo regionale, che ha interpretato anche la volontà del livello cittadino, non ha trovato la stessa fermezza nel livello provinciale che invece ha considerato il voto favorevole di Scola come espressione del rispetto del patto elettorale di inizio legislatura. E’ palese che non Idv, bensì Renzi, ha disonorato quel patto.
 
Dall’elezione in poi il sindaco si è infatti sempre rifiutato di avere un rapporto con i partiti della coalizione che lo ha eletto, preferendo rapportarsi direttamente con i singoli consiglieri. Le sue scelte sono state sempre dirigistiche e mai concertate con gli alleati. Prova ne sia che, nonostante più volte avessimo richiesto un incontro formale con lui, in questi anni non ci è stato mai concesso. Per non parlare della giunta monocolore e del fatto che Renzi non perde occasione per attaccare pubblicamente Idv e il presidente Antonio Di Pietro.
 
Di fatto da tempo la coalizione non esiste più e la maggioranza che lo sostiene non è più di centro sinistra ma di centro destra, come dimostra lo schieramento che ha votato per la privatizzazione di Ataf, allargato all’UDC, a FLI e alla Lega Nord. D’altronde la politica di centrodestra del sindaco non può che ricevere coerentemente l’appoggio dei partiti di centrodestra.
 
Basti pensare che gli altri sindaci dei comuni proprietari di Ataf, a differenza di Renzi, non hanno votato per la privatizzazione dimostrando un senso di responsabilità nei confronti del bene pubblico ben più spiccato e differenziandosi dalle politiche di palazzo vecchio sia nel metodo che nel merito. 
 
Non avendo trovato ricomposizione della vicenda del voto sull’ATAF che a mio avviso fosse adeguata non trovo altra soluzione che dimettermi dal coordinamento cittadino in coerenza col lavoro fatto da tutta la struttura nei due anni sotto la mia conduzione.
 
Fonte: ANSA
http://www.gonews.it/articolo_116705_Niccolai-dimette-coordinamento-cittadino-dellItalia-Valori-vicenda-Ataf.html


>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j