Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

ARRESTI A GUBBIO. COINVOLTO ANCHE CONSIGLIERE DI DI PIETRO: "AVEVA SOTTOSCRITTO IL PATTO ETICO..."

Arresto di Orfeo Goracci, i carabinieri tornano nel palazzo comunale di Gubbio (foto Umbria24)Umbria24

14/2/12

Arresto Goracci, gelido il Prc: «Siamo parte lesa». L’Idv sospende subito Graziano Cappannelli

Marini: «Arresti che suscitano profonda preoccupazione»

di Daniele Bovi

Il rumore degli arresti che hanno terremotato Gubbio è fortissimo e scuote i palazzi della politica perugina fin dalle prime ore del mattino. Dentro Rifondazione comunista c’è un ovvio sgomento per la notizia esplosa come una bomba all’alba di una mattinata glaciale. Glaciale come la nota diffusa poche ore dopo dai vertici del partito (Paolo Ferrero, Stefano Vinti, Enrico Flamini e Damiano Stufara) ormai da tempo in rotta con Goracci e con larghissima parte del partito eugubino. Dopo aver ribadito la «totale fiducia nella magistratura» il Prc ricorda «come gli organismi del partito insieme al gruppo consiliare regionale avevano disposto, già lo scorso 5 novembre, subito dopo la semplice informazione di garanzia rivolta a Orfeo Goracci e Maria Cristina Ercoli, e dati i reati che allora venivano contestati, la sospensione degli stessi dal partito e la richiesta di dimissioni dalle cariche istituzionali ricoperte».

Chiesta la sospensione dal Consiglio Dimissioni mai date dopo una «pubblica polemica nella quale gli stessi Goracci ed Ercoli accusavano il Prc di averli condannati prima della magistratura». Nel pomeriggio Damiano Stufara chiede poi «ufficialmente» al presidente del Consiglio regionale dell’Umbria e ai colleghi presidenti dei gruppi consiliari «di avviare immediatamente le procedure previste dalla legislazione nazionale, per la sospensione dalla carica di consigliere regionale di Orfeo Goracci». Contatti in tal senso per capire il da farsi ci sono stati nel corso della giornata tra alcuni consiglieri e i dirigenti di palazzo Cesaroni.

Siamo parte lesa Rifondazione spiega poi di essere «parte lesa», una posizione che con tutta probabilità verrà mantenuta in futuro anche nel corso di un eventuale processo. Con questa nota gelida dunque il Prc scarica definitivamente Goracci e gli altri e rivendica di aver fatto propria da tempo la cosiddetta «questione morale: per tale ragione riteniamo politicamente che i rappresentanti dei cittadini nelle istituzioni debbano sempre dimostrare una specchiata ed incontrovertibile etica pubblica. Lo ritenevamo ieri, quando altri partiti della maggioranza regionale si sono opposti alle dimissioni di Goracci che noi chiedevamo, e lo riteniamo ancor più oggi di fronte all’evoluzione che la vicenda ha avuto».

FOTOGALLERY: I CARABINIERI TORNANO IN COMUNE A GUBBIO

L’Idv sospende Cappannelli A palazzo Cesaroni il Pdl si muove coi piedi di piombo, convocando per mercoledì alle 11 una riunione del gruppo consiliare «per valutare la delicata vicenda che investe l’intera Regione e definire la posizione del gruppo stesso». In casa Idv invece, a norma di statuto, si procede subito alla sospensione del consigliere comunale Graziano Cappannelli, anche lui arrestato. Paolo Brutti, segretario regionale del partito, spiega di aver appreso la notizia «con grande preoccupazione» e motiva la decisione, grazie alla quale Cappannelli decade da tutte le cariche nel partito e nelle amministrazioni, in base «ai poteri conferitomi dallo statuto per la difesa dell’immagine e dell’integrità del nostro partito». Cappannelli, ricorda poi Brutti, aveva anche sottoscritto il patto etico predisposto dall’Idv. «Confido pienamente – conclude Brutti – nell’operato della magistratura e nel fatto che Cappannelli saprà far valere le sue ragioni nella prosecuzione dell’inchiesta a suo carico e del giudizio».

Marini: profonda preoccupazione Sulla vicenda fa sentire la sua voce anche la presidente della Regione Catiuscia Marini che parlando degli arresti dice come questi suscitino «una diffusa preoccupazione in noi e nell’opinione pubblica regionale». «L’azione della magistratura – aggiunge Marini – al di là della posizione giudiziaria dei singoli, non può che interrogare la politica e le Istituzioni sull’esigenza di una sempre maggiore trasparenza e correttezza dell’attività amministrativa, garanzia imprescindibile per riconquistare la fiducia tra cittadini ed istituzioni».

Guerrini invita alla calma Dalla sua stanza poi il sindaco di Gubbio Diego Guerrini invita tutti alla calma: «Vorrei esprimere un messaggio di tranquillità e di stabilità a tutti gli eugubini, per la certa continuità dell’attuale azione di governo della città». «Il consiglio comunale – ha aggiunto – è la sede più opportuna, nel profondo rispetto istituzionale, in cui, nelle previste comunicazioni del sindaco, intendo effettuare le mie dichiarazioni».

Il centrodestra carica Dal centrodestra invece arrivano reazioni tutt’altro che tranquillizzanti. Udc, Futuro e Libertà, il deputato pdl Rocco Girlanda e la Lega caricano a testa bassa parlando di «fine della superiorità morale della sinistra» e di un sistema «feudale» di gestione del potere. Gianluca Cirignoni, consigliere regionale padano, non usa mezze misure e parla di «”piovra rossa” che utilizza le istituzioni democratiche come tentacoli per causare la “morte sociale” delle sue vittime e procurare ingiusti vantaggi ai suoi affiliati, il tutto con grave danno per la collettività».

http://www.umbria24.it/arresto-goracci-gelido-%C2%ABsiamo-parte-lesa%C2%BB-sospende-graziano-cappannelli/83180.html

edizioni oggi
15 febbraio 2012

Umbria - Goracci, accuse più pesanti: c'è anche la violenza sessuale


Perugia - Sesso e politica ormai sono un connubio inscindibile. Anche in Umbria l'ultimo scandalo fa emergere una verità molto scomoda ai palazzi del potere. 
Orfeo Goracci, vicepresidente del Consiglio regionale ed ex sindaco di Gubbio, l'arrestato eccellente del gruppo di politici destinatari della maxi ordinanza di custodia cautelare (nove persone, di cui 4 ai domiciliari), oltre all'accusa di aver allestito un'associazione a delinquere finalizzato all'abuso di ufficio, è accusato di violenza sessuale. 
L'esponente politico comunista, secondo i magistrati, avrebbe tentato di intrattenere rapporti sessuali con una sua dipendente. Inviti attraverso sms, ma anche approcci fisici espliciti, attraverso i quali Goracci avrebbe chiesto sesso alla donna. Una nuova accusa che non farebbe che aggravare il quadro già pesante a carico del vicepresidente del Consiglio umbro. 
Sul piano politico si conferma la tendenza dei partiti a disfarsi con grande rapidità degli esponenti coinvolti nella vicenda. Dopo che Rifondazione Comunista aveva sostenuto come il Goracci fosse stato sospeso già a novembre, a seguito dell'avvio dell'indagine, anche l'Italia dei Valori ha proceduto a fare altrettanto con Graziano Cappanelli, consigliere comunale a Gubbio.





>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j