Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

BERSANI: "UNA DEMOCRAZIA CHE DA' LE REGOLE AL MERCATO"

Pierluigi Bersani - Che tempo che fa 25/02/2012




26 febbraio 2012

Bersani a Che tempo che fa


"Il governo ascolti di più la gente"

Bersani, deluso


A tutti quelli che dopo Monti auspicano ancora Monti, una sorta di grande coalizione ad oltranza, Pier Luigi Bersani - pressato non soltanto dai desiderata centristi ma anche da una buona fetta dei suoi, a partire da Letta e Veltroni - risponde che no, non riesce a immaginare «che si possa andare alle elezioni proponendo l’eccezionalità». 

No all’eccezionalità senza fine in un Paese sempre in emergenza e no all’accordo che - attraverso «un autorevolissimo ambasciatore» - Silvio Berlusconi gli ha proposto sulla gestione della Rai. «Recedi dalle tue posizioni intransigenti sulla riforma della governance e troviamo una soluzione, fa tu i nomi che vuoi nel Consiglio di amministrazione», questo il senso del discorso, fatto per interposta persona. 

«Ringrazio Berlusconi, considerato che potremmo anche avere la maggioranza, ma il Pd non cambia idea: la politica deve uscire dalla Rai», è stata la risposta del segretario Pd. Tornare alla «normalità», davanti agli elettori, «pretendendo una democrazia normale, dove ci siano progetti alternativi, e poi le figure tecniche sceglieranno, vedranno. Per l’amor di Dio, grande apertura, non ci sarà il manuale Cencelli, quando candidammo Prodi era un tecnico, quando Ciampi era nel nostro governo era un tecnico», ma il punto resta politico. 

C’è bisogno, dice, di una maggioranza politica, coerente, in grado di sostenere le riforme che il governo che verrà dovrà fare. Tornare alla normalità in politi- ca ma conquistare la normalità in Rai, dove a decidere non possono più essere i partiti e la logica spartitoria che fino a oggi ha caratterizzato le sorti del servizio pubblico. 

E a chi gli chiede - a margine di un’iniziativa a Gorizia - se ci sarà il Monti bis, Bersani risponde con do- mande che sembrano rivolte ai leader di Terzo Polo e Pdl, ma anche a molti democratici da tempo alla ricerca del nuovo leader da giocarsi alle politiche del 2013. «Nel 2013 ci sarà consentito di essere una democrazia come le altre? Ci sarà consentito di vedere un sistema politico riformato, con le riforme elettorale e istituzionale, e dopo i due polmoni della democrazia che si confrontino, come avviene negli Usa, in Francia e in Germania?». 

«TUTTI FACCIANO UNO SFORZO» Ma intanto bisogna arrivarci a quell’appuntamento e il segretario Pd sa che è da questo momento in poi che l’appoggio al governo Monti diventa gioco di alta acrobazia per il suo partito: la riforma del lavoro sarà il banco di prova. 

Bersani, dopo il colloquio con il premier, si è mostrato cautamente ottimista, eppure puntualizza: «Il governo deve non solo asupicare, ma lavorare per l’accordo, francamente se guardo al merito del- la discussione, penso ci siano le condizioni per fare un buon accordo, di in- novazione. Vorrei essere sicuro, però, che tutti facciano lo sforzo neces- sario in questa direzione, perché in qualche momento mi sembra che non tutti ci puntino con determinazione». 

Evidente il riferimento al ministro Elsa Fornero e a molti colleghi in Parlamento: «Sull’articolo 18 mi sono permesso di alzare un po’ la voce, lo faccio quando vedo che i binari cominciano ad andare fuori asse. Per giorni ho sentito dire che se l’accordo non ci fosse stato lo avrebbe fatto comunque il governo. Mi sono detto: ma vogliamo scherzare?». 

Il punto, spiega, non è se l’esecutivo ascolta o no il Pd: il punto è che «qualche volta si ha l'impressione che l'orecchio sulla vita comune dei cittadini non sia sufficiente da parte di questo governo, ma spero che questa cosa nelle prossime settimane si possa correggere». 

Perché, in fase di recessione - ha ribadito Bersani ieri sera ospite di Fabio Fazio a “Che tempo che fa” - le riforme «devono essere frutto di un accordo», per garantire la coesione sociale. Partire dalla precarietà, aggiunge, fare una riforma degli ammortizzatori sociali trovando le risorse necessarie e poi, dato che l’appoggio a Monti «è leale» ma critico, bene lo sviluppo, «ma bisogna abbassare il prelievo fiscale sul lavoro, sulle imprese che investono e sulle famiglie che hanno consumi così bassi». Sarebbe stata «una notizia positiva» sapere che il ricavato dell’evasione sarebbe andato all’abbattimento della pressione fiscale.



>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j