Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

BERSANI: "PRIMARIE NON SONO UN PRANZO DI GALA NE' RESE DEI CONTI". "SONO UNA RISORSA, NON LA SOLUZIONE DEI PROBLEMI"

Prima pagina: Ansa.it


Bersani, primarie risorsa non soluzione problemi

A volte possono essere moltiplicatore problemi

05 marzo, 17:57


ROMA - ''Le primarie sono una risorsa ma non risolvono mai i problemi politici anzi possono essere un moltiplicatore. E in Sicilia e a Palermo ci sono problemi politici''. Cosi' Pier Luigi Bersani interviene dopo le primarie a Palermo. "Le primarie - sostiene Bersani partecipando con Pierferdinando Casini alla presentazione del libro 'il sindaco pescatore' di Dario Vassallo - sono un meccanismo che sicuramente favorisce il rapporto con i cittadini. Ma certo non risolvono i problemi politici". Se correzioni vanno fatte al meccanismo delle primarie, spiega il leader Pd, è " per mettere la politica prima delle primarie, per decidere se e come. Non bisogna escludere che ci siano più candidati del Pd ma deve essere una situazione straordinaria. Se invece è a rischio il profilo politico serve una discussione".

"A Palermo c'é un risultato al foto-finish, ballano 100 voti su 30 mila ma il giorno dopo il centrosinistra sosterrà il candidato vincente. Quest'anno abbiamo fatto 23 primarie in comuni capoluogo e il candidato Pd ha vinto 18 volte". "Io ho invitato - sostiene Bersani - Rita Borsellino a partecipare alle primarie che senza di lei non avrebbero avuto lo stesso valore. Ora tutti assieme si combatte".

 "Le primarie - spiega Bersani - dovunque non sono mai un pranzo di gala, certo non possono diventare una resa dei conti. Le primarie sono importanti basti pensare che all'Aquila in quella situazione hanno votato in 5 mila. C'é voglia di esserci, di contare, e non si può dire basta, si devono fare meglio e questo non è un compito tecnico ma della politica più matura ma non ci siamo ancora".

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/politica/2012/03/05/visualizza_new.html_127465480.html



27 febbraio 2012


Bersani: «Primarie non sono

né un gala né resa dei conti»


palermo bersani rita borsellino giuseppe lupo
«Questi confronti non sono un pranzo di gala, ma nemmeno rese dei conti. Alla fine saranno una festa della democrazia, una grande occasione per la riscossa civica». Lo ha detto il segretario del Pd Pierluigi Bersani, questo pomeriggio a Palermo, rispondendo ai giornalisti che gli chiedono delle elezioni primarie del centrosinistra in programma il 4 marzo. «L'appuntamento, a Palermo e nel resto d'Italia, ci aiuterà a una riflessione, così come l'esito delle amministrative ci aiuterà ad una riflessione più ampia sulla Sicilia e sul resto del Paese. Adesso dobbiamo mettere in moto le energie. Senza passare sulla testa dei problemi della gente. Bisogna stare mani e piedi nei problemi della gente». Parlando del suo appoggio a Rita Borsellino, Bersani ha aggiunto: «Io rispetto tutti i candidati di queste primarie di coalizione. Non è un mistero che abbia chiesto a Rita Borsellino di partecipare alle primarie, perché penso possa dare una mano grossa alla riscossa civica che inseguo e che a fare di Palermo e della Sicilia un messaggio all'Italia e all'Europa». 

I TRE FRONTI DEL PD
Il Pd a Palermo è schierato su tre fronti: quello di rita Borsellino, candidata ufficiale del Pd e del centrosinistra, quello di Davide Faraone (che non ha partecipato alla manifestazione con Bersani), vicino al «rottamatore» Matteo Renzi e quello dell'ex Idv Fabrizio Ferrandelli, sostenuto dal senatore Beppe Lumia e dal capogruppo all'Ars Antonello Cracolici. In campo anche Antonella Monastra di Un'Altra Storia. 

BORSELLINO, PARTECIPATE A PRIMARIE O PERDIAMO TUTTI 
Rita Borsellino in una lettera distribuita nel pomeriggio all'incontro con Bersani ha lanciato un appello: «Queste primarie rappresentano un'occasione storica per chiudere definitivamente la porta agli autori e ai complici del massacro di Palermo. Basta clientele, basta mala burocrazia, basta malaffare. Dobbiamo restituire Palermo ai palermitani. Dobbiamo affidare la nostra amministrazione in mani competenti, trasparenti e responsabili. Pertanto, mi appello agli altri candidati, a tutto il centrosinistra, a tutte le cittadine e i cittadini di buona volontà affinché le primarie del 4 marzo siano una grande festa di democrazia e partecipazione. Se non sarà così, non ci sarà alcun vincitore, ma perderemo tutti. E purtroppo, perderà anche Palermo».



>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j