Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

FORZA CASTA. "IDV: AUMENTIAMO IL NUMERO DEI CONSIGLIERI COMUNALI"...

 I segreti della casta di Montecitorio

DOMENICA 18 MARZO 2012

IdV: aumentiamo il numero dei consiglieri comunali


L’Italia dei Valori lancia una battaglia in Parlamento per moltiplicare il numero dei consiglieri comunali. Messa così, la notizia è curiosa: i dipietristi – da sempre favorevoli al taglio degli sprechi pubblici – schierati in difesa delle poltrone. La vicenda risale al 22 febbraio scorso, quando la Commissione Affari costituzionali del Senato ha votato un disegno di legge di iniziativa del gruppo IdV. Un testo approvato in sede deliberante – senza passare dall’Aula – che modifica il sistema di calcolo della popolazione residente in relazione alle consultazioni amministrative. 
Attualmente, la popolazione residente viene calcolata sulla base dei risultati dell’ultimo censimento ufficiale (quello del 2001). Il progetto ora al vaglio del Parlamento vorrebbe sostituire questi dati con quelli periodicamente forniti all’Istat dagli uffici anagrafici comunali. 
Se il ddl venisse definitivamente approvato, in Italia si moltiplicherebbero improvvisamente elezioni e consiglieri comunali. Nel caso delle amministrative, al crescere della popolazione il sistema elettorale cambia. Nei comuni fino a 15mila abitanti si vota con un sistema maggioritario a turno unico. Oltre i 15mila, è previsto un proporzionale a doppio turno (se nessun candidato sindaco supera il 50 per cento delle preferenze, i due più votati vanno al ballottaggio). Non solo. Più la città è popolosa, più consiglieri possono sedere in consiglio comunale. Un esempio: nei comuni fino a 10mila abitanti, vengono eletti dieci consiglieri. Superata la soglia dei 10mila, si passa a venti consiglieri.
Ebbene, se il progetto dell’Idv diventasse legge, almeno una decina di comuni – ma secondo i proponenti sono molti di più – passerebbero da un sistema elettorale a turno unico al doppio turno. 
Spreco di denaro pubblico o «battaglia di giustizia», come spiegano i parlamentari dell’Idv? A sentire i dipietristi non c’è alcuna difesa della casta. «Ma quali poltrone? – spiega l’ideatore del ddl De Toni – Io sono sempre stato schierato per la riduzione dei costi della politica». Amministratore locale per anni, De Toni chiarisce: «Nei comuni sotto i 15 mila abitanti, alle elezioni vengono presentate solo liste civiche. È la fine della politica. Nei comuni maggiori, invece, i partiti sono costretti a presentare simboli, accordi e programmi. È una forma di responsabilizzazione». E i costi del progetto? Praticamente nulli. «Per questi consiglieri comunali l’indennità è quasi pari allo zero – continua De Toni –  o gettoni di presenza da 100 a 120 euro a seduta consiliare». Insomma, si tratta di «un provvedimento che risponde a una logica di trasparenza e legalità», conclude il capogruppo alla Camera Massimo Donadi.
Mah. A nostro avviso, è assai facile che il tutto si tradurrà in un aumento dei costi della politica e in un'estensione dei privilegi della casta. Staremo a vedere.  





>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j