Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

On. CIMADORO (COGNATO IDV): "Colpire un volatile? Meglio di un orgasmo. Pass in città è un privilegio? no, è comodissimo".

L'Eco di Bergamo

Cimadoro «show» alla Zanzara
tra gay, caccia e il pass di Milano...


«Tremaglia li chiamava culattoni, io li chiamo diversi. Poi, quando non parlo in pubblico mi scappa anche culattoni. Io invece sono orgoglioso di essere normale». Così il bergamasco Gabriele Cimadoro, deputato dell'Idv e cognato di Antonio Di Pietro, alla Zanzara su Radio 24. 

«Per fortuna - aggiunge Cimadoro - noi eterosessuali siamo la maggioranza, loro una minoranza, altrimenti...E poi Di Pietro rappresenta un pò il machismo, anche nelle sue espressioni verbali». Poi, da appassionato cacciatore, Cimadoro dice: «Una volta Tonino veniva con me a sparare, adesso non ha più tempo. Vado in Serbia dove ci sono meno vincoli, però purtroppo sta arrivando l'Europa anche lì...». 





Che emozioni le dà colpire un volatile, chiedono i conduttori Giuseppe Cruciani e David Parenzo?. «Meglio di un orgasmo», risponde Cimadoro. L'esponente Idv, eletto nel collegio milanese, parla poi dell'uso del pass in città: «È un privilegio? Forse, ma non rinuncio finchè il sindaco non decide di cancellarli. Io ho sia il pass per le corsie preferenziali, sia quello per il parcheggio nei posti riservati ai residenti e sulle strisce blu, ovunque. Quando passo per Milano vado di fretta, mi serve».
«Sono stato eletto nel collegio milanese - spiega Cimadoro - per questo ho questi pass. Non rinuncio perchè le poche volte che vado a Milano lo uso, vado molto di fretta per prendere il treno il lunedì e il venerdì». 

E gli altri cittadini che vanno di fretta? chiedono i conduttori Giuseppe Cruciani e David Parenzo. «E io che posso farci? Se a voi non è permesso basta fare i deputati o i sindaci», risponde Cimadoro. «Comunque, ripeto. Se Pisapia decide di ritirarmeli - dice Cimadoro - non ne farò una tragedia. Ma rinunciare no, lo faccio solo se lo fanno tutti gli altri». (ANSA) 


http://www.ecodibergamo.it/stories/Cronaca/624032/



>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j