Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

"DI PIETRO E' MEGLIO PERDERLO CHE TROVARLO"

nonunacosaseria

GIOVEDÌ 5 APRILE 2012

Di Pietro è meglio perderlo che trovarlo

In campagna elettorale le urla dei leader politici sono inversamente proporzionali al bacino elettorale potenziale dei partiti che essi guidano. Ma, francamente, il comportamento di Antonio Di Pietro in questi ultimi tempi va confermando quanto più volte ho scritto su di lui in giorni meno recenti: è un politico interessato non a governare, non a mandare a casa un presidente del Consiglio incapace e uno stile di governo inadatto, non a fare il bene dell’Italia, ma semplicemente a curare il proprio orticello elettorale, quella rendita di posizione che gli garantisce qualche seggio in Parlamento e un po’ di visibilità sui media. Paradossalmente, quel che sta facendo Di Pietro è quanto di più vicino al core business della casta politicante che a parole lui combatte. Che poi lo faccia nel nome dei “valori” e dei problemi reali è soltanto segno di spregiudicatezza politica.
Proprio in questi giorni stiamo vedendo cosa può fare un sano riformismo. Di quello che magari non ecciterà le folle plaudenti, ma che qualche risultato in genere lo porta. Magari piccolo, di certo anche un po’ pasticciato, con tanti punti critici e qualche incoerenza, ma sempre meglio del niente che si otterrebbe soltanto a far la voce grossa per far bella figura di fronte ai propri elettori.
Chissà come sarebbe andata se anche l’Italia dei Valori avesse appoggiato il governo Monti, come aveva promesso di fare inizialmente, e si fosse mossa in sintonia con il Partito Democratico sulla battaglia per l’articolo 18: sicuri che il compromesso finale non sarebbe stato migliore o che, putacaso, i precari non sarebbero stati tutelati un po’ di più?
Sia ben chiara una cosa però. A questo punto, sarebbe ingeneroso accusare Bersani di inciuciare con Casini o Alfano. E’ Di Pietro che rinuncia a sviluppare la foto di Vasto.


http://nonunacosaseria.blogspot.it/2012/04/di-pietro-e-meglio-perderlo-che.html


>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j