Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

DI PIETRO E LA 'TRAVE'.

   GIUSTIZIA GIUSTA

Il trave di Di Pietro

giovedì 12 aprile 2012
di Gianluca Perricone

Non riesco francamente a capire tutti coloro che l’altro giorno, dopo l’intervento di Antonio Di Pietro in fase di dichiarazione di voto sul dl semplificazioni, hanno gridato allo scandalo o si sono dichiarati turbati per le parole pronunciate dall’ex pm.
Secondo il padre-padrone dell’IdV le persone che si suicidano di fronte al peso della crisi economica sono sulla coscienza di Mario Monti e dell’Esecutivo che lui presiede. Un governo che viene definito «ladro» e «latitante» e paragonato al chirurgo «che esce dalla sala operatoria e dice ai familiari: operazione perfettamente riuscita, il paziente è morto». 
Bene, e dove sarebbe lo scandalo? E’ noto che Di Pietro è oramai ossessionato dal timore (reale) di assistere alla definitiva scomparsa del movimento politico da lui fondato e si lascia andare periodicamente a deliranti affermazioni pur di raccattare qualche consenso. Spesso poi dimostra tutte le difficoltà a porre qualche limite alle sue ‘sparate’ che, per questo motivo, talvolta gli si ritorcono pure contro: come è accaduto l’altro giorno, quando ha dimenticato i 32 (dicasi 32) suicidi “giudiziari” registrati tra il ’92 e il ’94 ai tempi di Mani Pulite: «un numero spaventoso e fuori media, ma che riguardò, soprattutto, una serie di «politici ladri» che in parte non risultavano neppure indagati». (copyright by Filippo Facci).
Lui è fatto così. Dice di battersi contro il rimborso elettorale ai partiti, ma ne usufruisce anch’egli ben guardandosene dal restituire anche un euro; e lo fa rammentando l’esito del referendum dell’aprile 1993 che aboliva il finanziamento pubblico. Certo, qualche anno prima (novembre ’87) c’era stato anche il referendum che ha abrogato le norme limitative della responsabilità civile dei giudici, ma quello, al nostro, non è mai piaciuto e quindi non ne parla: dimenticato, buttato ‘democraticamente’ alle ortiche. Chiamare realmente un giudice a rispondere per l’errore commesso equivale, nella folcloristica interpretazione del leader dell’IdV, «all’ennesimo delitto, una vendetta ed un ammonimento contro i giudici».
Ma a Di Pietro – è noto anche questo – aggrada di più guardare la pagliuzza nell’occhio altrui che la trave nel proprio.

Twitter @perriconeg

http://www.giustiziagiusta.info/index.php?option=com_content&task=view&id=5477&Itemid=72


>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j