Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

GRILLO/GABIBBO: "MASTICA SFASCIO E VOMITA ACCUSE"

 
17 aprile 2012

Il j'accuse di Grillo ai partiti


Mastica sfascio e vomita accuse


Sono passate appena 72 ore dal sondaggio Swg secondo cui, dopo la crisi giudiziaria che ha investito la Lega, il movimento di Beppe Grillo ne ruberebbe consensi piazzandosi al momento come "terzo partito". E l'ex comico non si lascia sfuggire l'occasione per alzare il tiro scatenando uno sconcertante "j'accuse" contro i partiti, incolpandoli «di aver sottratto il futuro a due generazioni, di collusione con le mafie, di furto ai danni dello Stato con i finanziamenti pubblici ai partiti aboliti da un referendum, di aver occupato ogni spazio della società con la vostra voracità, le vostre mandibole, le vostre tangenti. Insaziabili come una metastasi». 

Vi ricorda qualcuno? D'Alema ha detto: «Mi sono sottoposto al sacrificio di ascoltare un comizio di Beppe Grillo, mi sembra un impasto tra il primo Bossi e il Gabibbo».

Certo, Grillo di strada ne deve aver fatta tanta per passare con disinvoltura dagli sfottò di Albano e Romina alle disquisizioni di geopolitica, accusando i politici «di aver dichiarato guerra alla Libia rinnegando la Costituzione e di occupare senza alcuna ragione l'Afghanistan». 

E cosa vorrà dire quando accusa i rappresentanti dei partiti di essere «dei mentecatti, dei dilettanti, dei signor nessuno che hanno vinto il biglietto della lotteria in Parlamento»? Che male c'è ad essere un "signor nessuno"? E se Grillo arrivasse in quel posto che disprezza, il Parlamento, non sarebbe esattamente e testualmente un dilettante e un signor nessuno?

L'ex comico chiude il post con un avvertimento che sa di minaccia: «Non pensate di cavarvela così con qualche comparsata televisiva o sparando frasi fatte sull'antipolitica. Nessuno uscirà di qui senza un pubblico dibattimento. Senza una pena esemplare. Forse vi verranno concesse le attenuanti e vi saranno inflitti solo il sequestro dei beni accumulati durante la vostra carriera politica e l'assegnazione ai lavori socialmente utili. Cosa farete in futuro lo deciderà una giuria di cittadini incensurati estratti a sorte. In fondo gli italiani sono brava gente. Non preoccupatevi troppo quando vi sarà sequestrato il passaporto.».





>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j