Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

BERSANI: "GRILLO NON SI PERMETTA DI INSULTARE NAPOLITANO, I PARTIGIANI AVREBBERO QUALCOSA DA DIRE SULL''UOMO QUALUNQUE'"

 

26 Aprile 2012


 Bersani: «Grillo non si permetta di insultare Napolitano» 





Bersani: Grillo non si permetta di insultare Napolitano

  • Il segretario del Pd risponde al leader del Movimento 5 Stelle: "I partigiani avrebbero qualcosa da dire sull'uomo qualunque"



Bersani: «Grillo non si permetta di lanciare insulti contro Napolitano»

Polemiche a sinistra dopo che il leader del Movimento Cinque Stelle ha definito il capo dello Stato «una salma»


MILANO - Non si fermano le polemiche dopo le parole rivolte da Beppe Grillo, in occasione del 25 aprile, al presidente della Repubblica definito «una salma». «Ieri Napolitano ha detto cose puntuali e serissime. Grillo ha risposto con insulti, non si permetta». Si scaglia contro l'ex comico genovese Pier Luigi Bersani e lo fa da Como dove è intervenuto per sostenere il candidato sindaco del centrosinistra Mario Lucini. «Grillo non si arrischi a dire cosa direbbero se tornassero i partigiani - ha tuonato ancora il leader del Pd.

LE PAROLE SUL CAPO DELLO STATO - Al leader del Movimento Cinque stelle non è infatti piaciuta la difesa che Giorgio Napolitano ha fatto dei partiti italiani. «Oggi, 25 aprile 2012, il corteo delle salme ha onorato la Resistenza. L'immagine cadente di Fini, Monti, Napolitano e Schifani rappresenta l'Italia. I vecchi occhi dei partigiani guarderebbero smarriti un deserto. Forse si metterebbero a piangere. Forse riprenderebbero in mano la mitraglia», ha scritto Grillo sul suo blog replicando anche all'editoriale di Giovanni Sartori pubblicato sul Corriere della Sera, dedicato al movimento del comico genovese. Poi nella serata di giovedì, da Budrio, in provincia di Bologna, ha ribadito il suo pensiero: «Adesso ci si mette anche questo presidente dei partiti, ma qui è in gioco la Costituzione: noi non siamo l'antipolitica, abbiamo già 130 consiglieri eletti, lui deve stare superpartes».

«INSULTI DA RIGETTARE» - Oltre a Bersani anche altri

Pierluigi Bersani a Como (Ansa)Pierluigi Bersani a Como (Ansa)
esponenti di centro-sinistra si sono affrettati a condannare Grillo. «Le parole di Beppe insultanti nei confronti del Capo dello Stato sono da rigettare per intero. Bene ha fatto invece Napolitano a mettere in guardia rispetto al doppio pericolo del populismo distruttivo e della politica che non si autoriforma», ha spiegato il vicesegretario del Pd Enrico Letta in una nota. Poi Massimo Cacciari, che si è espresso sui risultati dei sondaggi. «Grillo cosa potrà prendere alle elezioni? - si è chiesto il filosofo a margine di un convegno a Padova - prenderà il 6-7 o l'8% e cosa vuol dire? Certamente non farà parte di alcuna coalizione di governo. Il problema è chi vince per governare, il problema è chi governa se ha delle idee, non Grillo. Chi se ne frega di Grillo...» Poi il filosofo è tornato sulle parole del presidente della Repubblica: «Quello che Napolitano ha in mente nel suo appello non vuol dire non votate Grillo. L'appello di Napolitano è rivolto ai partiti e avverte: siete al termine, se non vi svegliate fuori, collassate voi, non perchè c'è Grillo».

«SFASCIA TUTTO» - Ma soprattutto la polemica è divampata tra Beppe Grillo e Di Pietro per le dichiarazioni del leader dell'Idv rilasciate a il Fatto Quotidiano: «Tra me e Grillo c'è una sola differenza: io critico ma voglio costruire un'alternativa, lanciare un modello riformista e legalitario. Lui invece mira a sfasciare tutto e basta». Esternazioni cui il leader del Movimento Cinque Stelle ha risposto: «Le parole di Tonino mi lasciano sbigottito. Spero che sia stato un lapsus. Da lui, proprio da lui, non me le aspettavo». Poi, in serata, Di Pietro aggiusta il tiro: «La differenza tra Idv e il movimento di Grillo sta nel fatto che noi facciamo delle proposte», ha aggiunto. Tuttavia, Di Pietro, riferendosi a Beppe Grillo, ha detto: «io lo rispetto». E ancora: «Ci vogliono mettere uno contro l'altro. Caro Beppe, non cadere nel trabocchetto».


http://www.corriere.it/politica/12_aprile_26/grillo-a-napolitano-sei-una-salma_0525aece-8fb3-11e1-b563-5183986f349a.shtml



>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j