Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

GRANDE NAPOLITANO: "QUALCUNO STRUMENTALIZZA IL TERREMOTO, DI PIETRO NON SA DI CHE PARLA"... GRANDE VERITA'.

Tg1

sabato, 02 giugno 2012

NAPOLITANO: "QUALCUNO HA STRUMENTALIZZATO IL TERREMOTO"

Sulle polemiche per i festeggiamenti il capo dello Stato: "Chi parla di sprechi non sa cosa dice". E poi assicura: "Andrò alla partita dell'Italia agli Europei". Prandelli: "Grazie presidente". Parata in tono minore ai Fori Imperiali, con l'omaggio alle vittime del sisma in Emilia.

Napolitano: "Qualcuno ha strumentalizzato il terremoto"

Napolitano

ROMA - ''Ci sono state molte polemiche, in parte vecchie posizioni negatrici del ruolo delle forze armate e delle parate militari, che hanno usato strumentalmente il terremoto''. Giorgio Napolitano contrattacca ed accusa di tentativo di strumentalizzazione del terremoto quanti avevano chiesto la cancellazione della parata del 2 giugno e del ricevimento al Quirinale. "Non so di quali assenze significative ai festeggiamenti si parli", ha sottolineato, "io ho visto molte presenze ampiamente significative".

"STRUMENTALIZZATO IL TERREMOTO". "La partecipazione popolare poi è stata tale da dimostrare che c'era un consenso larghissimo all'idea di mantenere, anche se in tono minore, le celebrazioni". Queste, ha rilevato, si sono svolte all'insegna della "vicinanza alle popolazioni terremotate", mentre molte delle polemiche erano le stesse di "uno, due, cinque anni fa".

"CHI PARLA DI SPRECHI NON SA COSA DICE". Tra gli assenti, gli esponenti di Idv e Lega Nord che hanno disertato la parata ai Fori Imperiali. Il leader dell'Italia dei valori, Antonio Di Pietro, ha parlato di 'sagra dello spreco'. Accusa rispedita al mittente dal presidente della Repubblica: "Chi parla di sprechi non sa cosa dice''. 

DI PIETRO: "NAPOLITANO OFFENDE ITALIANI E NEANCHE LO SA".
''Criticando me, il presidente della Repubblica ha offeso milioni di italiani che non la pensano come lui e che si stanno ribellando in Rete e nelle piazze denunciando questo inutile e costoso sfarzo della Casta''. Napolitano ''non solo non sa quel che fa, ma addirittura non se ne rende proprio conto" ha risposto Antonio Di Pietro.

"ANDRO' A VEDERE GLI AZZURRI".  Rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano se sarà presente alla prima partita degli azzurri agli Europei, prevista il prossimo 10 giugno a Danzica, in Polonia Napolitano ha detto: ''Al momento è previsto che ci vada la squadra dell'Italia, se non ci va - ha subito aggiunto - ripenserò la decisione''. A chi gli chiedeva se secondo lui si dovesse giocare o meno dopo gli ultimissimi scandali che hanno investito il mondo del calcio, ha replicato: ''Non sono tutte decisioni che, per fortuna, deve prendere il presidente della Repubblica".

LA RISPOSTA DI PRANDELLI. ''Dico grazie al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Non vediamo l'ora di abbracciarlo'' ha commentato il ct Cesare Prandelli.

2 giugno 2012


Napolitano: «Su parata sisma strumentalizzato»

Parata con polemiche. Il presidente: «Strumentalizzato il terremoto». Lo scontro con Di Pietro che ha parlato di «sagra degli sprechi»: «Non sa di che parla». Il leader Idv: «Offende gli italiani».  La nota del Colle. 2 giugno, Napolitano applaude a ritmo: VIDEO | Assente Alemanno. Il governatore dell'Emilia invece considera la sfilata un segno di solidarietà | L'Italia celebra la Repubblica ma pensa a crisi e terremotati | Il minuto di silenzio: VIDEO

Parata del 2 giugno, ovvero delle polemiche con l'accusa che con il terremoto “è uno spreco” lanciata da Lega e Idv. Assente con polemica il sindaco di Roma Alemanno. Ed è il presidente Giorgio Napolitano a contrattaccare accusando di aver strumentalizzato il terremoto chi aveva chiesto di cancellare la parata e che il leader dell'Idv "non sa di che parla" quando parla di "spreco". 

Il minuto di silenzio per il sismaVIDEO

Napolitano applaude a ritmoVIDEO 
NAPOLITANO: "STRUMENTALIZZATO TERREMOTO" 
E A DI PIETRO: "NON SA DI CHE PARLA"
«Alcune polemiche erano vecchie posizioni negatrici del ruolo delle Forze armate e della parata militare», ha detto il Capo dello Stato tirando le somme dei festeggiamenti di quest'anno. «Alcuni hanno utilizzato un po' strumentalmente l'emergenza del terremoto». E a chi ha parlato di 'sagra degli sprechi' (cioè  Di Pietro) ha replicato: «Non sa di che parla». 

L'Italia celebra la Repubblica ma pensa a crisi e terremotati


DI PIETRO INSISTE: «OFFENDE GLI ITALIANI
E NON SE NE RENDE CONTO»

«Secondo il Presidente della Repubblica io non saprei quel che dico, ma lui non sa quel che fa». È durissima la replica di Antonio Di Pietro a Giorgio Napolitano. «Il Capo dello Stato se la prende con me perchè pensa di poter colpire quel che ritiene essere l'anello debole della catena, ma qualcuno farebbe bene ad informarlo che sono milioni i cittadini che hanno trovato di cattivo gusto la parata e soprattutto il ricevimento, tenutosi ieri sera ai giardini del Quirinale, a base di pasticcini, torte e champagne», afferma in una nota il leader dell'Italia dei Valori. 

LA NOTA DEL COLLE
Negli ambienti del Quirinale si rileva che, di fronte a scelte di sobrietà e di rigoroso risparmio di cui tutti hanno potuto rendersi conto e valutarne obbiettivamente il significato, parlare di ricevimenti «a base di pasticcini, torte e champagne», di parate «di cattivo gusto» e di «inutile e costoso sfarzo della casta» significa non sapere, appunto, di cosa si parla. O, se lo si sa, è evidente che si tratta solo di polemiche strumentali.

PARATA TRA POLEMICHE-ASSENZE
Assenti dal Pd Bersani che era nell'Emilia terremotata (presente invece D'Alema) e Alfano dal Pdl (c'erano ex ministri del governo Berlusconi come La Russa e Gasparri), il Capo dello Stato ha sottolineato la necessità di una, se pur sobria, celebrazione come quella della Festa della Repubblica, ma le polemiche non si sono placate. Nella tribuna delle autorità, dove il governo al completo ha affiancato Napolitano e i presidenti di Camera Fini e Senato Schifani, non si sono visti la Lega e l'Italia dei Valori. Maroni da Bergamo ha parlato di un «buttare soldi nel cesso», il leader Idv ha parlato di una «costosa parata che è una mancanza di rispetto, non solo nei confronti di quelle popolazioni colpite dal sisma ma anche dei principi della Repubblica». 

ERRANI: PARATA SEGNO DI SOLIDARIETA' 
Il presidente della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani l'ha difesa. «Il 2 giugno è la festa della Repubblica. Il fatto che il Presidente Napolitano abbia scelto di dedicarla alla vittime e alla popolazioni terremotate è un segno importante di solidarietà e unità della Repubblica». E mentre non c'era il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, mentre c'erano i presidenti di Provincia e Regione, Nicola Zingaretti e Renata Polverini. 

Per strada, attivisti sono stati fermati e identificati per aver esposto cartelli di protesta al Colosseo contro la parata, mentre hanno ricevuto applausi ma tiepidi Fini e Monti. 



>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j