Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

DI PIETRO DA' "LEZIONI" DI FAMILISMO A BONDI...


Di Pietro contro Bondi: “Ministero non serva a sistemare parenti”

Antonio Di Pietro ha chiesto le dimissioni del ministro della Cultura Sandro Bondi. Il leader dell'Idv si è scagliato contro il fedelissimo di Berlusconi per la sua visione privatistica del dicastero. In un periodo in cui la cultura e lo spettacolo subiscono tagli pesantissimi, spiega il leader dell'Italia dei Valori, Bondi si preoccupa di sistemare i parenti della compagna e spreca denaro pubblico. Questo, almeno, stando a quanto hanno scritto alcuni giornali, come Il Fatto Quotidiano e Il Secolo XIX.
"Bondi si dimetta prima che il Parlamento lo sfiduci - scrive sul proprio blog Antonio Di Pietro. - E’ l’unica cosa che può fare. Il mondo dello spettacolo è al collasso, a causa dei tagli economici operati dal Governo, e quello che ormai sembra essere diventato il ministero degli ‘Affari personali’ si occupa solo di sistemare gli amici del presidente del Consiglio e dello stesso ministro.
Noi dell’Italia dei Valori vogliamo sapere se quanto emerge da notizie di stampa corrisponde al vero e come e per chi il ministro Bondi spende i soldi dello Stato. A questo scopo abbiamo presentato un’interrogazione al ministro firmata da me e dal deputato Idv, Pierfelice Zazzera".

Di Pietro sottolinea poi la paradossalità di tutta la situazione: "Nonostante la riduzione progressiva del personale del ministero per i beni e le attività culturali, che nel 2009 ha avuto una flessione di quasi l’otto per cento, il ministro sembra andare in controtendenza aiutando, però, solo i suoi amici.
Per questo vogliamo sapere se e con quale denaro è stato istituito il fantomatico ‘premio speciale della Biennale’, assegnato da ‘Action for women’, durante il festival del cinema di Venezia, al film fuori concorso ‘Goodye mama’ di Michelle Bonev, cara amica del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Bondi spieghi con quali soldi sarebbe stato pagato vitto e alloggio all’intera delegazione bulgara che sarebbe stata ospitata al lido di Venezia dal 3 al 6 settembre scorso".

"Il ministro - scrive ancora l'ex magistrato - deve anche spiegare perché e in base a quali criteri, utilizzando le risorse del Fondo unico per lo Spettacolo, è stata assegnata una consulenza all’ex marito di Manuela Ripetti, sua attuale compagna, e perche è stato assegnato un posto alla direzione generale del cinema allo stesso figlio della Ripetti. Bondi ci deve anche dire per quale motivo, fra i beneficiari del Fus, c’è anche la banda musicale di Novi, dove vive Manuela Ripetti, e la compagnia teatrale di Mariano Anagni, paese del ministro. I contratti e i finanziamenti che sarebbero stati approvati dal ministro difficilmente si giustificano davanti ad un mondo dello spettacolo sempre più in difficoltà e in sciopero costante per una politica di tagli che non conosce tregua".

http://www.newnotizie.it/2010/11/26/di-pietro-contro-bondi-ministero-non-serva-a-sistemare-parenti/





Così Di Pietro sistema le mogli e i parenti nel partito-famiglia

di Paolo Bracalini

La prima consorte è tesoriera in Lombardia e la seconda è nell’Associazione Idv col marito. Alla Mazzoleni è anche intestato il sito del movimento, ma non si capisce a che titolo

Le persone fidate Antonio Di Pietro se le è scelte oculatamente: i suoi parenti. Più fidati di così. Diretti o acquisiti, i congiunti del leader-fondatore hanno trovato una corsia preferenziale per accedere alle cariche nei consigli dei vari enti, in Parlamento o nelle strutture del partito. Se la cura parentale è fenomeno ampiamente diffuso tra i nostri politici, l’attenzione di Di Pietro per consorti, figli, cognati e affini batte tutti. Tonino è a memoria d’uomo l’unico leader dell’arco costituzionale che è riuscito a sistemare nel suo partito due mogli, l’attuale e la prima. Quest’ultima, Isabella Ferrara, madre di Cristiano Di Pietro, figura nell’organico dell’Idv in Lombardia, regione in cui il molisano Di Pietro abita dal 1974, quando ci si trasferì con lei e il figlio dopo aver vinto un concorso. Isabella Ferrara, da cui Di Pietro divorziò dopo qualche anno per sposare Susanna Mazzoleni, non ha un posto qualsiasi nell’Idv lombardo. È la tesoriera regionale, in sostanza la figura che amministra e rendiconta i trasferimenti (i soldi) in arrivo dalla struttura centrale e che nel 2007 - si evince dal bilancio pubblicato dall’Idv - sono stati di circa 60mila euro. Occupa quel posto da tre anni, quando nel primo congresso regionale del partito dipietrista, a novembre 2005, si votò il coordinamento regionale dell’Idv anche in Lombardia.
Si dice non siano buoni i suoi rapporti con la Mazzoleni, avvocato figlia d’arte, conosciuta a Bergamo dall’allora giovane magistrato Di Pietro che la portò all’altare nel 1994, dopo 9 anni di convivenza. Attualmente la Mazzoleni, oltre allo studio legale e alla cattedra all’Università Bicocca di Milano (dove tra l’altro studia uno dei due figli avuti con Tonino), è una dei tre unici soci dell’Associazione Italia dei Valori, struttura parallela al partito e a cui vengono versati i milioni del rimborso elettorale. Di Pietro è il presidente dell’associazione, la Mazzoleni socia e tesoriera è invece Silvana Mura, amica di vecchia data di Di Pietro. La Dynasty di Montenero di Bisaccia però procede e si dirama nell’Idv. Anche per vie traverse. La prima moglie di Di Pietro ha per compagno Armando Guaiana. Mai sentito? Controllate i nomi del coordinamento regionale dell’Idv Lombardia e ce lo troverete.
La Mazzoleni risulta anche intestataria del dominio a cui è registrato www.italiadeivalori.it, il sito ufficiale del partito, pur non avendo lei - formalmente - nessuna carica nel partito, bensì una seggiola nell’Associazione Idv. Internet è peraltro un’attività su cui l’Idv investe molto. Nel bilancio si legge che «nel 2007 sono stati sostenuti investimenti per sviluppare la relazione e la comunicazione via Internet pari a 469.173,36 euro». Parte di questi nel sito del partito. Perché è intestato alla moglie? Mistero.
Nella famiglia (allargata) Di Pietro, è tutto un incrocio di sentimenti e di poltrone, di affetti e cariche. Che si moltiplicano a seconda di matrimoni e dei nuovi congiunti. La Mazzoleni, per esempio, ha una sorella. È successo che la Mazzoleni sorella in quel di Bergamo abbia conosciuto Gabriele Cimadoro e che si siano sposati. Ne risulta che Cimadoro è cognato di Antonio Di Pietro. Sarà allora un caso se Cimadoro è diventato in questa legislatura deputato e membro della commissione Industria di Montecitorio?
Cimadoro, a sua volta, si dà il caso abbia una sorella. E che sorella Cimadoro abbia incontrato sulla sua strada, sempre a Bergamo, Ivan Rota, apprezzato imprenditore e golfista. Ebbene Ivan Rota ha sposato la sorella di Cimadoro, da cui ne viene che Rota è cognato di Cimadoro, che è cognato di Di Pietro. Ora, Ivan Rota è deputato dell’Idv e anche responsabile organizzativo nazionale del partito, un posto di grande rilievo che soprintende a tutta l’attività dell’Idv sul territorio.
Cristiano Di Pietro, 35 anni, primogenito di Antonio, è consigliere provinciale a Campobasso, non più nell’Idv (dopo le dimissioni dal partito per l’affaire Mautone) ma nel gruppo misto, di cui al momento è unico rappresentante. Ma Di Pietro jr è anche consigliere comunale a Montenero di Bisaccia, il piccolo comune molisano che ha dato i natali a Tonino e dove Cristiano è tornato ad abitare dopo la parentesi di poliziotto a Bergamo. Del suo matrimonio nel 1998 con Lara, insegnante di educazione fisica di Montenero di Bisaccia (e che di cognome, destino, fa Di Pietro), le cronache di allora ricordano la presenza della mamma Isabella e della seconda moglie Susanna Mazzoleni. L’esclusiva delle foto fu venduta ad un noto settimanale, mentre fotografi e giornalisti furono respinti da Tonino in malo modo, «e lasciateci in pace!», riportano le agenzie di quel giorno.
In Molise Di Pietro è come De Mita ad Avellino, comanda lui, forte di percentuali che lo hanno portato al 31%. Strano che non ci siano parenti ai vertici dell’Idv molisano. Bè, a dire il vero per un certo periodo la regola valeva anche lì. La responsabile provinciale dell’Idv a Campobasso è stata fino a poco tempo fa Valentina Bozzelli, giovane avvocato. Chi è? È la figlia di una delle due sorelle di Antonio Di Pietro. Amore di zio.

http://www.ilgiornale.it/interni/cosi_di_pietro_sistema_mogli_e_parenti_partito-famiglia/04-01-2009/articolo-id=318429-page=0-comments=1




>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j