Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

BENEVENTO, SE NE VA L'ASSESSORE DALL'IDV. FORMISANO DA' L'ASSALTO ALLA GIUNTA AI CDA.


POLITICA| 26.01.2011

L'assessorato a IDV? Decide la coalizione

Il sindaco porterà la questione all'esame dell'interpartitico

«L'assessorato a Italia dei valori? Per ora, non mi è pervenuta alcuna richiesta ufficiale in tal senso, in ogni caso ne discuteremo nel corso del prossimo interpartitico»: 

si limita a questo il sindaco, dopo che Nello Formisano, responsabile regionale dei dipietristi, ha fatto notare che il partito, dopo l'abbandono da parte di Giovanni D'Aronzo avviato verso il Partito Socialista, non è più rappresentato, né nell'esecutivo di palazzo Mosti, né nei cda delle aziende partecipate del Comune. Fausto Pepe, evidentemente, non vuole sentirsi addebitare quanto già avvenuto in occasione di recenti decisioni da lui assunte, in particolare la sostituzione del presidente della Gesesa Fiorenza con Sergio Tanga, o la nomina dell'assessora Gaudiello: al primo cittadino, si ricorderà, i partiti imputarono di non essere stati preventivamente informati. Ma, al di là o meno che Pepe voglia prevenire fraintendimenti in una fase tanto delicata quale l'attuale, Formisano ha espressamente dichiarato che della questione se ne sarebbero dovuto far carico, non solo il sindaco, ma pure i partners dell'attuale maggioranza. Intanto, colui che sembrerebbe l'indiziato numero uno, da sacrificare qualora l'istanza proveniente da Italia dei valori dovesse essere recepita, ossia Giovanni D'Aronzo, si mostra tranquillo e sereno, per nulla preoccupato. «Si tratta di questioni politiche di Idv, una richiesta che potrebbe essere pure legittima e corretta. Ad ogni modo - dice D’Aronzo - io non sono affatto legato alla poltrona, credo, come ho già avuto modo di dichiarare al momento in cui ufficializzai l'uscita dal partito, che il sindaco valuterà il mio operato da assessore, se ho operato bene resto altrimenti è giusto che mi revochi». Dopo aver puntualizzato di aver lasciato Italia dei valori «perché non c'è mai stata attività politica e di partito», D'Aronzo ci tiene a precisare: «Ricordo che sono a palazzo Mosti grazie al consenso di tanti cittadini, ragione per cui se la sovranità popolare ha un senso. In merito all'assessorato, poi, fui nominato in giunta in data 6 febbraio del 2009, ossia quando ero in quota Democrazia Partecipata e, solo sette mesi dopo, io ed i tre consiglieri comunali di tale gruppo civico, aderimmo al partito di Di Pietro che, ricordo, non era presente in consiglio comunale». Quindi, l'assessore alla Trasparenza aggiunge: «Credo di aver portato valore aggiunto a Italia dei valori, sono entrato da semplice iscritto, senza ottenere alcun incarico di partito, mi sono candidato alle Regionali e, grazie anche al sostegno degli amici consiglieri, ho intercettato il voto di 1.233 cittadini del capoluogo, mentre sul piano complessivo ho totalizzato 1.913 consensi, credo che Idv abbiato fatto la sua bella figura in quella tornata elettorale. Infine, vorrei pure ricordare che io ed i consiglieri comunali attualmente nel gruppo Idv, fummo eletti nella lista dei Ds. Idv, che si presentò alle amministrative del 2006 assieme ai Comunisti Italiani, raccolse con quella lista appena 480 voti. Sinceramente, non mi sento di sottostare oggi al giudizio di Italia dei valori che, peraltro, non fu rappresentata in giunta, prima di me ci sono stati prima De Toma e successivamente Palumbo». Insomma, D’Aronzo rivendica la sua indipendenza e il contributo dato all’Idv durante la sua permanenza nel partito. 

IL MATTINO del 26 Gennaio 2011




19/01/2011 :: 12:39:51

L’assessore D’Aronzo lascia deluso l’Italia dei Valori: resto nel centrosinistra


Giovanni D'Aronzo. Foto di Luigi Mastromarino. Tutti i diritti riservati.

Nostra intervista – Giovanni D’Aronzo, assessore alla Partecipazione al Comune di Benevento, si è dimesso dall’Italia dei Valori. Lo ha fatto inviando una nota ai vertici nazionali del partito e del territorio locale. Il Quaderno.it lo ha intervistato per comprendere cosa lo ha spinto a prendere tale decisione. 

Come possiamo spiegare le sue dimissioni dall’Idv ai cittadini?
“Avevo aderito all’Idv, insieme agli amici Luigi De Nigris, Antonio Feleppa e Vincenzo Iele il 19 settembre 2009. L’onorevole Aniello Formisano (segretario regionale Campania dell'Italia dei Valori, NDR) ci aveva detto di impegnarci a voler costruire un partito che si rafforzasse sul territorio e che avesse un’azione politica forte. A dire il vero tutto questo non si è verificato e da quel 19 settembre ad oggi ci siamo riuniti soltanto due volte, la prima quando è venuto a Benevento Antonio Di Pietro, per la candidatura alle regionali e l’altra quando abbiamo celebrato il congresso provinciale. Non ho mai avuto alcun contatto con il partito, non abbiamo mai affrontato le questioni politiche, mai tracciato una linea programmatica”.

Ciò è valso anche per la candidatura che c’è stata alle regionali?
“Anche quando ci fu la candidatura alle regionali fu effettuata da me direttamente con i vertici romani del partito nella persona di Franco Barbato. Vivevo, quindi, non solo io ma anche i consiglieri comunali De Nigris, Feleppa e Iele, una sorta di isolamento all’interno del partito”.

Gli altri consiglieri dell’Idv resteranno nel partito?
“Voglio valutare ed esprimermi quando ci saranno dichiarazioni ufficiali. So che anche loro avevano un momento di malumore, di delusione e amarezza come il sottoscritto. Poiché il mio agire politico non è stato condiviso e apprezzato dal partito preferisco continuare così come ho sempre fatto nella mia vita a interessarmi e a essere al fianco dei cittadini per quel poco che posso contribuire a fare”.

Voci la danno vicina all’ingresso nel Partito Socialista…
“In questo momento preferisco vivere un momento di riflessione, guardarmi intorno. E’ chiaro che il mio agire politico resterà nell’ambito del centrosinistra e chiaramente affronterò qualsiasi discussione e ragionamento con i partiti che vorranno insieme a me condividere il mio modo di fare politica dalla parte dei cittadini”.



>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j