Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

DI PIETRO-BUNGA BUNGA: "ACCOPPIAMENTI CONTRO NATURA"

Governo: Di Pietro a D'Alema, si' voto no accoppiamenti contro natura

30 gennaio 2011

Roma, 30 gen. (Adnkronos) - Antonio Di Pietro della proposta di Massimo D'Alema condivide solo una parte: quella di andare al voto anticipato. Non convide pero' il 'come' andarci. Per intendersi, "l'alleanza costituente" lanciata dal presidente del Copasir, per il leader Idv e' "un accoppiamento contro natura", una coalizione "senza un programma" perche' troppo diversa e quindi "non convincente". "Mi fa piacere -dice Di Pietro alla'Adnkronos- che buon ultimo D'Alema si accorga oggi della necessita' di liberarsi di Berlusconi . E, soprattutto, di andare alle elezioni e non di continuare a cincischiare cercando una maggioranza alternativa che non c'e' perche' i numeri sono quelli che sono".




                            

D'Alema: sì ad ampio schieramento anti-Berlusconi. Critiche dal Pdl, per Casini «serve una riflessione»

«Puntare verso le elezioni è l'unico modo per uscire dallo stallo e dal conflitto istituzionale. Bisogna andare alle elezioni sulla base di una proposta politica che unisca le forze dell'opposizione ancorché forze diverse ma che possano ritrovarsi in programma comune di riforme fondamentali di cui il paese ha bisogno. Dopo avremo bipolarismo civile e ognuno andrà per la sua strada». Lo afferma Massimo D'Alema, presidente del Copasir, intervistato nella trasmissione «In 1/2 ora», riprendendo quanto già detto in un'intervista rilasciata oggi a Repubblica, in cui aveva affermato: «Lancio un appello alle forze politiche di questo potenziale schieramento: uniamoci, tutti insieme, per superare il berlusconismo».(...)
D'Alema ha anche parlato dell'atteggiamento «impeccabile» del presidente della Repubblica in questo complesso frangente politico: «Io penso che noi dobbiamo fare la nostra parte, non strattonare Napolitano. E' evidente che il presidente Napolitano non può non essere preoccupato per il violento conflitto istituzionale in atto in Italia. Quello che vuole il presidente della Repubblica è un Paese normale dove la dialettica non raggiunga punte di esasperazione. Io penso che l'ostacolo e l'elemento che drammatizza il confronto è la persistenza al potere del presidente del Consiglio. Una cosa che va democraticamente risolta».

La presa di distanza di Fli. Casini: «Serve una seria riflessione» 
«Non serve una santa alleanza contro Berlusconi ma una alternativa credibile, liberale e riformista che sappia parlare al popolo del centrodestra ormai sgomento di fronte accanto accade». Adolfo Urso, interpellato sulla proposta lanciata da Massimo D'alema, spiega che «è appunto questo, quel che abbiamo chiamato, a Todi, il Nuovo polo per l'Italia». Berlusconi, secondo il coordinatore di Futuro e libertà, «non ha fallito solo sul piano morale, ma anche e soprattutto su quello delle riforme, ed è questo il terreno dove può essere sconfitto, dando una prospettiva agli elettori che avevano creduto in quel sogno e che ora si sono svegliati in un incubo». 
Un altro esponente di Fli, Italo Bocchino, afferma che «D'Alema indica un orizzonte ipotizzabile soltanto di fronte a un'emergenza democratica, purtroppo assai vicina, ma ancora possibile da scongiurare. La soluzione migliore resta il passo indietro del presidente del Consiglio, ormai incompatibile con Palazzo Chigi dopo quanto è emerso sui suoi comportamenti e sui suoi ipotizzati reati». 

Più positiva la reazione di Pier Ferdinando Casini, leader dell'Udc, per il quale «sulla proposta di D'Alema serve una riflessione molto seria. Non si può liquidarla con una battuta», posizione che è stata condivisa anche da Marco Follini del Pd («Ho trovato saggia la riflessione di D'Alema. E ho trovato saggia la risposta di Casini»).

Sempre Casini, intervistato a "Che tempo che fa", ha commentato le ultime vicende del premier affermando che «Berlusconi è cambiato, perché non ha più voglia di governare, non ci crede nemmeno lui. Il tempo passa per tutti - ha detto il leader dell'Udc - Berlusconi vuole rimanere lì al potere ma non ne ha più voglia».
Casini ha ammesso di aver avuto ben presente «le anomalie di Berlusconi» già nel 1994, quando strinse la prima alleanza con lui. «Ci siamo sbagliati» ha riconosciuto, precisando che queste anomalie sono state «aggravate dal tempo». In particolare le questioni che riguardano il conflitto di interessi: «L'uso della tv pubblica e privata che fa Berlusconi è peggiorato». «Il presidente del Consiglio - ha proseguito - potrebbe rispondere ai giudici ed evitare di parlare di complotti, perchè ai complotti nessuno ci crede». Un esempio? Il "rapporto fisso" dichiarato da Silvio Berlusconi per smentire i festini ad Arcore: «La fidanzata - ha osservato Casini - è scappata dal binocolo».

Di Pietro: andiamo al voto, ma non con alleanze eterogenee 
«Mi fa piacere che, buon ultimo, anche D'Alema si accorga oggi della necessità di liberarsi di Berlusconi. E, soprattutto, che si renda conto che occorre andare a votare e non continuare a cincischiare, cercando una maggioranza alternativa che non c'è, perché i numeri in Parlamento sono quelli che sono». E' quanto afferma in una nota il leader dell`Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, commentando le parole di Massimo D'Alema.
«La proposta avanzata da D'Alema - aggiunge il leader IdV - concernente un'alleanza costituente, sarebbe come un accoppiamento contro natura. Una coalizione deve avere un programma comune e, quella teorizzata dall'esponente del Pd, è poco convincente perché vi prenderebbero parte forze politiche molto diverse tra loro».



>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j