Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
   
News by Dire
Rassegna stampa a cura di Francesco Ferrari

VENDOLA: "MAFIA, REGIA AL SUD, PORTAFOGLIO AL NORD". DI PIETRO CONTRO VENDOLA: "SBAGLIA".


(ANSA) – ROMA, 26 MAR – ‘Non ho fatto alcuna accusa al Presidente Formigoni.Ho solo detto che tutta la classe dirigente ha il dovere, l’obbligo, la necessità di fare luce sul buio della penetrazione mafiosa che ha la sua ‘cabina di regia’ al Sud e il portafoglio al Nord’. Nichi Vendola chiude la polemica con il governatore della Lombardia Roberto Formigoni ricordando le lontane e recenti denuncie della Dna sulla presenza della ‘ndrangheta al Nord e in particolare in Lombardia e chiarendo che non sui temi della criminalità e e della presenza mafiosa nel nostro Paese non vuole ‘ne’ subire, ne’ esercitare strumentalizzazioni politiche: e’ un problema di tutti e da tutti deve essere affrontato’.

‘E’ chiaro – ha aggiunto – che la responsabilità prima di rompere l’omertà su queste situazione ricade su chi gha responsabilità politiche .Noto che ci sono stati comportamenti e trattamenti informativi diversi nei miei confronti. Ho già detto a suo tempo che la pagliuzza nell’occhio del centro sinistra pesa molto piu’ della trave altrove. Pur avendo io preventivamente azzerato la Giunta pugliese a suo tempo ho subito un vero e proprio ‘linciaggio’ mediatico’ frutto delle pressioni che derivano da chi è padrone dei mas media in Italia’, ha aggiunto. ‘Tutta la classe politica ha una responsabilità diretta e in prima persona su questi temi’, ha concluso.


26 marzo 2011

Di Pietro: “Vendola sbaglia sulla mafia in Lombardia”

Il leader dell’Italia dei Valori attacca il presidente della Puglia

Dopo il centrodestra anche Antonio Di Pietro attacca Nichi Vendola sulle sue associazione tra la mafia e la Lombardia. Il leader dell’Italia dei Valori si è così distanziato dal suo alleato di governo, anche se non ha utilizzato i toni molto forti con i quali il centrodestra lombardo e milanese stanno attaccando il presidente della Regione Puglia. La lotta tra Italia dei Valori e Sel prosegue, dopo che il partito vendoliano ha strappato ai dipietristi il primato della forza radicale del centrosinistra.

NICHI SBAGLI - “La Lombardia non e’ una regione mafiosa”, lo ha detto oggi Antonio Di Pietro a margine di un incontro su giustizia ed energia organizzato dall’Italia dei Valori in corso di svolgimento a Bergamo. “La ‘ndrangheta e le altre mafie – ha spiegato Di Pietro intervenendo nella polemica tra Formigoni e Vendola – una volta erano limitate ad alcune regioni mentre ora si sono allargate a livello mondiale. Ma da qui a dire che la Lombardia e’ terra di mafia ce ne corre. E’ una terra di lavoratori, di gente che vuole fare il suo dovere e si scontra con una burocrazia e un sistema politico che, nonostante l’azione di Mani Pulite, viaggia ancora a due velocita’ tra chi fa il suo dovere e chi ne approfitta a proprio favore. Non ci sono popoli mafiosi: ci sono popoli che subiscono le mafie.”

VENDOLA ANTI FORMIGONI - In occasione di una visita a Milano svoltasi ieri Nichi Vendola aveva utilizzato parole durissime contro le infiltrazioni mafiose nella Regione più popolosa d’Italia, che secondo il leader di Sel  sarebbe risparmiata dai media nonostante la profonda infiltrazione della criminalità organizzata.

“Non abbiamo avuto la fortuna di vedere sui tg nazionali i volti di Letizia Moratti e di Roberto Formigoni associati alle vicende di cronaca giudiziaria che raccontano quale sia il livello di pervasività dell’organizzazione ‘ndranghetista che controlla le Asl e ha i propri boss che organizzano le proprie riunioni negli ospedali», aveva detto Vendola. Organizzazione «ndranghetista» che, per il governatore pugliese, «ha un circuito di appalti che ruotano attorno a tutte le pubbliche amministrazioni di questa Regione». «Sarebbe interessante affrontare questo nodo», ha poi affemato sostenendo che basandosi sullo «stereotipo del nord laborioso e sano», «la Lombardia ha fatto a meno di confrontarsi con il fatto che era ed è la Regione più mafiosa di Italia».

DUELLO A SINISTRA - Il centrodestra ha respinto compattamente le accuse di Vendola, tanto che alcuni esponenti berlusconiani hanno accusato il leader pugliese di assumere sostanze stupefacenti. Vendola ha risposto con sarcasmo sulla sua pagina Facebook, prima attaccando ilpresidente della Lombardia

Le frasi utilizzate da Formigoni nei miei confronti confermano che le mie dichiarazioni hanno toccato un nervo scoperto. L’isteria, in politica, di solito dimostra questo

poi ribattendo con un video alle insinuazioni sul suo consumo di sostanze allucinogene

Formigoni ha detto che uso sostanze stupefacenti. Francamente credo che per cercare quel genere di persone, gli basta guardarsi attorno e non venire a bussare alla porta di casa mia.

Antonio Di Pietro, che vive in Lombardia da moltissimi anni, ha preferito difendere la sua Regione, e non ha esitato un momento per smarcarsi ancora una volta dalle posizione del leader di Sel. A sinistra del Pd c’è molto spazio di crescita come mostrano i sondaggi, e in questo momento la formazione vendoliana ha nettamente distanziato l’Idv. Di Pietro cerca così un ulteriore momento di confronto per recuperare l’antico consenso che proprio Vendola gli ha drenato negli scorsi mesi.

http://www.giornalettismo.com/archives/119264/di-pietro-vendola-sbaglia-sulla-mafia-in-lombardia/



>


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"

 

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j